Salute 2 Maggio 2022 09:45

Restyling al centro PMA del Macedonio Melloni: nuova tecnologia e psicologo per le coppie

La struttura, inserita all’interno dell’Unità Operativa Complessa (UOC) di Ostetricia e Ginecologia diretta dal Professor Michele Vignali, si avvale di una équipe di medici e biologi specializzati che seguono la coppia lungo il percorso

L’Istituto Macedonio Melloni, primo ospedale di genere in Italia, ha inaugurato lo scorso venerdì, 29 aprile, il nuovo centro di procreazione medicalmente assistita completamente rinnovato e ristrutturato. «Non ci sono cambiamenti per quanto riguarda l’approccio diagnostico e terapeutico – fa notare la dottoressa Valeria Liprandi alla guida del centro PMA – la differenza sostanziale sta nella riqualificazione della struttura che è stata adeguata alle normative vigenti in tema di parametri ambientali e organizzazione di spazi».

Un aiuto anche per le donne sottoposte a terapie oncologiche

La chirurgia è stata collegata al laboratorio di embriologia che è il cuore pulsante della PMA, dove vengono eseguiti i trattamenti del liquido seminale e dei gameti e la manipolazione degli ovociti grazie alla macchina micromanipolatore. Gli incubatori garantiscono poi il mantenimento e lo sviluppo dell’embrione e la bio banca, con i contenitori di azoto liquido per la conservazione degli ovociti, degli spermatozoi e degli embrioni, permette di preservare anche la fertilità nei pazienti oncologici. «Noi facciamo una consulenza per dare la possibilità, una volta terminate le cure chemioterapiche che compromettono la funzione ovarica e inducono una menopausa irreversibile, di avere a disposizione un numero di ovociti, raccolti prima della terapia, e tenuti in stoccaggio, da utilizzare per indurre una gravidanza che viene fatta con materiale gametico della paziente».

Colloqui di coppia con lo psicologo

La struttura si avvale di una équipe di medici e biologi specializzati nella PMA che accompagnano le coppie durante il percorso. Un lavoro di altissima professionalità arricchito dalla presenza di una rete di psicologhe. «A tutti offriamo un momento che abbiamo chiamato il percorso – sottolinea Liprandi – ed è un incontro di gruppo con una sosta sulle emozioni delle coppie, dove le psicologhe danno gli strumenti per affrontare le difficoltà che possono sopraggiungere durante la fase di procreazione assistita. Un lavoro prezioso riconosciuto dagli stessi pazienti che hanno scelto di rimanere con noi ed attendere la riapertura del centro anziché rivolgersi altrove».

Macedonio Melloni tra i primi in Italia per percentuale di bambini nati

Sono circa quattrocento le coppie all’anno seguite al centro di procreazione medicalmente assistito della Macedonio Melloni con la tecnica in vitro e in vivo per un numero di nascite che si attesta intorno al 29 percento, una media tra le più alte d’Italia. «Alla fine, abbiamo sempre un numero di bambini che corrisponde ad una percentuale di successo – sottolinea la coordinatrice del centro -. È chiaro che tra la percentuale di gravidanze che è del 35 per cento e i bambini nati c’è il delta degli aborti spontanei che è correlato all’età della paziente».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Natalità, allarme Siru: «Nel 2050 meno 5mln nati, come se scomparisse la città di Roma»
Nel Lazio nascite in calo anche nel 2020, la prevenzione e le metodiche di PMA possono fornire un aiuto. Picconeri (Siru Lazio): «Sono essenziali l’applicazione dei LEA e il potenziamento dei servizi regionali di prevenzione e preservazione della salute riproduttiva e della Pma per sostenere chi desidera avere figli»
PMA, Siru: «In aumento coppie che si tirano indietro. Nel 2021 quasi 5mila nascite in meno»
In occasione del V Congresso Nazionale della SIRU, gli specialisti sottolineano la necessità di potenziare il supporto psicologico delle coppie già prima dell'inizio di un percorso di PMA
La politica entra nei centri Pma per comprendere le tante criticità
Il Centro Pma del Sant'Anna di Roma apre le porta alla politica. Si tratta dell'ennesima tappa dell'iniziativa SIRU «Aiuta un figlio a nascere: la Pma apre le porte al Parlamento»
Fecondazione, tariffe Lea: Ministero della Salute verso la modifica
La SIRU incontra il Ministero, pieno riconoscimento della rilevanza della PMA, modifiche alla valorizzazione per eliminare le diseguaglianze e consentire alle strutture qualità e sicurezza: «Guglielmino (SIRU): «Un passo avanti e si apre una nuova stagione»
Il caso degli embriologi clinici: protagonisti della PMA ma orfani di una specializzazione
SIRU, Biologi e CGIL al lavoro per il riconoscimento professionale della categoria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali