Salute 31 Gennaio 2022 10:23

«Quel cromosoma in più è solo negli occhi di chi guarda»: la storia di Adriano e Irene, colleghi inseparabili

Come Irene, in Italia, ci sono 40 mila persone che convivono con la sindrome di Down, la maggior parte ha più di 25 anni ed è alla ricerca di un lavoro. Il muro della diffidenza è ancora troppo alto, Adriano: «Ho visto clienti rifiutare il caffè perché servito da un giovane con sindrome di Down»

«Quando l’ho vista all’opera mi sono detto: è nata per fare questo lavoro». È stato questo il primo pensiero di Adriano Petruzzo nel guardare Irene gestire la sala e i clienti del ristorante in cui entrambi lavoravano, il Milleluci Cafè di Firenze. Adriano è un cuoco, oggi quarantaduenne. Irene una ragazza con sindrome di Down che, all’epoca, aveva solo 18 anni.

«Ho conosciuto Irene quattro anni fa – racconta Adriano -. Aveva appena conseguito la maturità al liceo scientifico e non aveva alcuna esperienza lavorativa. Eppure, sembrava facesse quel lavoro da sempre: quando un cliente finiva la sua pietanza provvedeva subito a sparecchiare e, se aveva ordinato anche un secondo piatto, si assicurava che fosse già in preparazione, per evitare che attendesse troppo tra una portata e l’altra. Riusciva a coordinare sala e cucina in maniera impeccabile. E considerando che si trattava della sua “prima volta”, ho capito che aveva una dote innata».

«Perché ho scelto Irene»

Qualche anno dopo, la crisi economica scatenata dalla pandemia da Covid-19 ha lasciato entrambi senza un lavoro. Ma Adriano non si è perso d’animo, si è rimboccato le maniche e l’8 agosto del 2020 ha inaugurato un ristorante tutto suo, il “Chicco caffetteria piccola cucina”, nella stessa città, Firenze. «Quando ho dovuto assumere un’assistente di fiducia non ho avuto dubbi: ho scelto Irene – racconta il cuoco imprenditore -. È il mio braccio destro: si occupa del servizio sia ai tavoli che al banco, va a fare la spesa, le consegne e sta imparando anche a gestire la cassa. Irene è solare, altruista, intelligente, responsabile. Soprattutto, ama ciò che fa. E si vede».

“The Hiring Chain”: la campagna per l’inclusione lavorativa

Come Irene, in Italia, ci sono 40 mila persone che convivono con la sindrome di Down, la maggior parte ha più di 25 anni ed è alla ricerca di un lavoro. Per questo CoorDown, un’associazione nata per far conoscere le potenzialità delle persone con sindrome di Down, ha dedicato un’intera campagna di comunicazione, “The Hiring Chain”, all’inclusione lavorativa. «Con un video musicale interpretato da Sting – spiega Martina Fuga, responsabile della comunicazione di CoorDown – abbiamo deciso di raccontare che più persone con disabilità intellettiva vengono viste al lavoro e riconosciute come dipendenti di valore, più si apriranno nuove opportunità per molti altri».

La trisomia 21 è negli occhi di chi guarda

La storia raccontata da Adriano ne è la conferma: ha conosciuto le potenzialità di molti ragazzi con sindrome di Down solo dopo averli visti all’opera. «Quando sono stato assunto al Milleluci Cafè mi sono ritrovato di fronte ad una realtà totalmente sconosciuta: non avevo mai lavorato spalla a spalla con persone con sindrome di Down. L’impatto iniziale non è stato semplice – ammette l’uomo, con la voce rotta dall’emozione -. Poi, giorno dopo giorno, la trisomia 21 è scomparsa: tra me e loro non notavo più alcuna differenza. Ho capito che quel cromosoma in più era solo nella mia testa e non si ripercuoteva nella loro professionalità, per nulla inferiore alla mia. Non eravamo più dei semplici colleghi, eravamo diventati amici».

L’esperienza di Adriano al Milleluci Cafè è durata 5 anni: «Trascorrere le giornate in compagnia di questi colleghi-amici mi ha arricchito l’anima e la mente – dice il cuoco -. Ho imparato a vivere la vita in maniera diversa, ho capito che ogni cosa ha il suo valore: i piccoli problemi non vanno ingigantiti e non possono rovinarti un’intera giornata, figuriamoci l’esistenza».

Il muro della diffidenza

Ma come tutte le storie della vita reale, seppur a lieto fine, sono sempre intervallate da qualche pagina di tristezza, una strada in salita, un ostacolo da superare. «Il muro più alto che mi sono trovato davanti in questi anni di lavoro è la diffidenza – dice Adriano -. Ho visto con i miei occhi clienti rifiutare il caffè perché servito da un giovane con sindrome di Down o persone lasciare il locale dopo aver notato che dietro al bancone, in cucina o ai tavoli c’erano camerieri con sindrome di Down. Per fortuna, c’è chi va oltre il pregiudizio. C’è chi lo fa immediatamente e chi, invece, ha bisogno di provare e riprovare prima di dichiararsi “cliente affezionato”. E quando conoscono fino in fondo Irene – dice sorridendo Adriano – sono io a farne le spese: il suo caffè è migliore del mio. Lo dicono tutti».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata sindrome di Down. Al via “Just the two of us”, la campagna per il diritto alla sessualità
Il tema della World Down Syndrome Day 2022 è “Inclusion means…”. Falugiani (CoorDown): «Promuovere l’inclusione è ancora più urgente in questo periodo di guerra. Necessario accogliere quanto prima le persone con sindrome di Down e le loro famiglie nel nostro Paese»
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Fragilità, presto tavolo su diritti civili. Il giurista Cendon: «Sostegno, interdizione e ‘rifioritura’, ecco dove intervenire»
Alla Prima Conferenza Nazionale che si è svolta a Firenze lectio magistralis del fondatore di Diritti in movimento. «La chiave di volta è il passaggio da una concezione caritatevole, commiseratoria, assistenzialistica del soggetto fragile a una concezione che noi chiamiamo emozionale» sottolinea a Sanità Informazione
Giornata Mondiale sindrome di Down, Falugiani (CoorDown): «Ecco la vita ad ostacoli dei nostri figli»
La presidente del Coordinamento: «Manca l’inclusione scolastica. Trovare un lavoro è un’impresa quasi impossibile e i salari sono troppo bassi»
di Isabella Faggiano
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali