Salute 1 Marzo 2019

Professioni sanitarie, Perciballi (Consumatori): «Maxi Ordine garanzia per cittadini, ma lavoriamo per ridurre contenziosi»

La referente del Movimento Consumatori ha partecipato alle celebrazioni per i 20 anni della legge 42 del 1999. «Aver raggiunto la possibilità di avere degli ordini professionali è un punto di partenza, adesso informiamo i cittadini» sottolinea a Sanità Informazione

«Dobbiamo informare i cittadini di questa grande opportunità che, dopo 20 anni, è stato creato l’Ordine delle professioni sanitarie, un grande strumento per combattere l’abusivismo». Anche l’avvocato Laila Perciballi, referente del Movimento Consumatori, ha partecipato come relatrice all’evento celebrativo delle professioni sanitarie che hanno festeggiato i 20 anni della legge 42 del 1999, un passaggio chiave verso la creazione dell’Ordine multi-Albo TSRM e PSTRP. Perciballi sottolinea la necessità di pubblicizzare al massimo la creazione dell’Ordine, strumento di valorizzazione importante dei professionisti ma anche garanzia di qualità per i cittadini. Allo stesso tempo invoca un “protocollo di conciliazione” che possa aiutare a mediare eventuali controversie tra pazienti e esercenti le professioni sanitarie: «È bene porre in essere un protocollo in cui si individua un collegio di esercenti le professioni sanitarie, si ci mette seduti laddove c’è una segnalazione, si verifica attraverso le visite mediche, l’analisi delle cartelle cliniche e di tutta la documentazione medica del paziente per capire se effettivamente l’errore c’è stato».

Avvocato, lei è stata una delle relatrici alle celebrazioni della legge 42 del 1999, momento chiave per le professioni sanitarie, anche in rappresentanza del Movimento Consumatori. Ha sottolineato l’importanza che si facciano conoscere gli albi ai cittadini. Perché è importante per i cittadini?

«Per poter esercitare correttamente il proprio diritto al consenso informato è fondamentale essere informati. I cittadini davvero non conoscono tutte le professioni sanitarie che ci sono, non conoscono i 19 albi professionali, non sanno dove andare a cercare il professionista di cui hanno bisogno per capire se effettivamente è un legittimo esercente la professione sanitaria oppure no. Non sanno che ove capitassero in mani sbagliate possono segnalare l’accaduto agli Ordini di appartenenza e quindi far verificare quella figura professionale. Possono esercitare i propri diritti, chiedere il risarcimento del danno e usufruire della mediazione: auspichiamo l’applicazione di un protocollo di conciliazione per evitare le aule di tribunale e garantire l’effettività del diritto alla salute. Sono 20 anni che le professioni sanitarie lottano per raggiungere questo traguardo, per dare dignità alla propria professione. Vanno informati i cittadini: è un grande obiettivo che bisogna darsi. Aver raggiunto la possibilità di avere degli ordini professionali è un punto di partenza, adesso informiamo i cittadini in modo tale che questa alleanza tra cittadini e esercenti le professioni sanitarie possa andare avanti in maniera collaborativa per un bene primario che è quello della tutela della salute».

A proposito del protocollo di conciliazione, è una garanzia sia per il cittadino ma anche per il professionista sanitario. Come funziona?

«Quello che vorremmo raggiungere è un protocollo di conciliazione laddove si ritiene ci possa essere stato un errore, tenendo presente che non è detto che quando il paziente subisce un atto sanitario che va male sia necessariamente responsabile l’esercente la professione sanitaria. È bene porre in essere un protocollo in cui si individua un collegio di esercenti le professioni sanitarie, si ci mette seduti laddove c’è una segnalazione, si verifica attraverso le visite mediche, l’analisi delle cartelle cliniche e di tutta la documentazione medica del paziente per capire se effettivamente l’errore c’è stato. Se l’errore c’è stato c’è l’obbligo di assicurazione, basta far intervenire la compagnia di assicurazione, se invece il danno non c’è stato o non sussiste responsabilità, il paziente dopo che è stato seguito, accompagnato, istruito e informato sono certo che chiuda quella vicenda triste consapevole del fatto che nulla di diverso poteva essere fatto e che non c’è nessuna responsabilità e quindi ne esce anche maggiormente soddisfatto. A volte è proprio la mancanza di informazione che genera scontento, la mancanza di dialogo. Questo strumento noi ce l’abbiamo e dobbiamo metterlo a disposizione dei cittadini».

Articoli correlati
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
Chinesiologi, Berloffa (UNC): «Inserire la nostra categoria tra le professioni socio-sanitarie»
Il presidente dell’Unione Nazionale Chinesiologi: «La prima richiesta è datata 11 novembre 2018. Negli anni ne sono seguite molte altre. Se entro settembre non otterremo una risposta procederemo per vie legali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...