Salute 26 Luglio 2019 14:42

Professioni sanitarie, l’ex ministro Mariapia Garavaglia: «Siano consapevoli del loro ruolo, fondamentale garantire sviluppo di carriera»

La presidente della Fondazione Roche sarà tra i relatori del Congresso ANTEL di Roma di settembre. Ai microfoni di Sanità Informazione sottolinea l’importanza del nuovo maxiOrdine: «L’adesione a un Ordine garantisce sia i professionisti che i cittadini utenti perché ora c’è la garanzia del percorso formativo e del controllo professionale»

«C’è bisogno di rendere consapevoli tutti i professionisti delle professioni sanitarie non mediche del loro ruolo». Mariapia Garavaglia, ex ministro della Sanità e oggi, tra i tanti incarichi, presidente della Fondazione Roche, sarà uno dei relatori del Congresso dell’ANTEL, Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico, che si svolgerà a Roma dal 25 al 28 settembre. Da sempre vicina al mondo delle professioni sanitarie non mediche, la Garavaglia è stata tra le fautrici della legge che ha istituito i profili professionali delle professioni sanitarie. E ha le idee chiare su quale devono essere gli orizzonti futuri dei tecnici di laboratorio, a partire dalla nascita del maxiOrdine TSRM e PSTRP: «L’adesione a un Ordine garantisce sia i professionisti che i cittadini-utenti perché abbiamo la garanzia del percorso formativo e del controllo professionale e questo è un punto importante proprio all’interno dell’organizzazione sanitaria». Poi un passaggio sul tema della dirigenza sanitaria: «Lo sviluppo di carriera coincide anche con lo sviluppo della professione e quindi è bene che i dirigenti del servizio, soprattutto nella sanità, siano persone che conoscano dall’interno l’evolversi della professione».

LEGGI ANCHE: TECNICI DI LABORATORIO, VERSO IL CONGRESSO ANTEL. LA PRESIDENTE CABRINI: «AL CENTRO RICERCA E GOVERNANCE DELL’ORDINE MULTIALBO

Presidente, a settembre si svolgerà il primo grande Congresso ANTEL e lei sarà tra i relatori. Cosa dirà ai tecnici di laboratorio?

«Intanto hanno ottenuto un risultato molto importante perchè l’adesione a un Ordine garantisce sia i professionisti che i cittadini utenti perché ora c’è la garanzia del percorso formativo e del controllo professionale e questo è un punto importante proprio all’interno dell’organizzazione sanitaria. Troppi sono gli abusivi e le persone che accampano professionalità che non hanno. Il Congresso è il più importante fino ad ora perchè parla anche a loro stessi. C’è bisogno di rendere consapevoli tutti i professionisti delle professioni sanitarie non mediche del loro ruolo che non è un ruolo di invasione di campo di altri perché ci sono situazioni demedicalizzate come lo stare in laboratorio, come essere fisioterapista, che valorizzano l’autonomia del professionista. Se invece si cerca di fare altro da ciò che si sa fare, si inquina la concezione della professione. Poi il laboratorio diventerà sempre più importante perché con l’innovazione tecnologica molte responsabilità sono in mano a chi fa un lavoro che prepara una diagnosi accurata attraverso i dati. In futuro i dati saranno determinanti anche grazie alla robotica. Quindi è un congresso che si colloca proprio in questo snodo che è culturale, sociale, economico che vede l’innovazione tecnologica al servizio di chi prepara al meglio i dati, sia per la diagnosi che per il percorso terapeutico per cui io insisterò su questo aspetto».

I tecnici di laboratorio reclamano un ruolo più importante anche della dirigenza sanitaria. Quando arriverà questo riconoscimento?

«Non è nelle mie mani sennò lo avrei già fatto come a suo tempo ho fatto con i profili professionali che nessuno aveva avuto il coraggio di fare prima perché lo sviluppo di carriera coincide anche con lo sviluppo della professione e quindi è bene che i dirigenti del servizio, soprattutto nella sanità, siano persone che conoscano dall’interno l’evolversi della professione e sappiano organizzare e coltivare un giudizio di valore perché si viene dal percorso della formazione prima e dell’esercizio della professione poi. Ci sarà un momento, sono sicura, che avremo la dirigenza sanitaria in quanto tale, come c’è la dirigenza medica. Non so quale Parlamento e quale Ministro entro breve tempo coglierà la necessità e l’utilità di questa normativa che poi prevederà anche contratti più consoni alle responsabilità varie ma sono sicura che ci arriveremo».

Articoli correlati
Covid-19, Miraglia (ONB): «Ancora tanti biologi non vaccinati, eppure siamo in prima linea»
Il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia denuncia: «C’è molta confusione perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva». Poi conferma disponibilità per la campagna vaccinale ma spiega: «Serve una norma che ci consenta di inoculare i vaccini, ora possiamo fare solo prelievi»
Tecnici di neurofisiopatologia: «In prima linea per la valutazione dei sintomi neurologici da Covid e da lungo allettamento»
Insegnamenti e criticità della pandemia: «La medicina territoriale può fare la differenza nella gestione degli ammalati: siamo arrivati direttamente al letto dei pazienti Covid-free. Penalizzati gli studenti universitari che hanno dovuto rinunciare alla formazione sul campo»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, al via iter di ratifica della Costituzione Etica della FNO TSRM e PSTRP
«Dopo l'approvazione da parte della Commissione, in poco più di due mesi, a seguito dei vari passaggi formali, si giungerà alla sua adozione definitiva» ha sottolineato il Presidente Alessandro Beux
Gli Operatori socio-sanitari festeggiano il ventesimo compleanno
Il regalo più atteso, Minghetti (Migep): «Chiediamo il riconoscimento tra le professioni dell’area socio-sanitaria per regolamentare competenze, posizione economica e formazione e un registro regionale con iscrizione obbligatoria contro l’abusivismo»
di Isabella Faggiano
Educatori professionali, Titta (CdA Roma): «Puntare su assistenza domiciliare per rilanciare servizi. Stop a Ddl che ‘sdoppia’ la professione»
Il Presidente della Commissione d’Albo degli Educatori professionali di Roma e membro del Consiglio direttivo Anep spiega: «Gli iscritti chiedono più assunzioni nel settore pubblico». Poi chiede di «creare in ogni quartiere organizzazioni sociosanitarie integrate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano