Salute 24 Febbraio 2022 13:37

Prima di morire si rivede davvero il film della propria vita, lo studio

Per la prima volta sono state trovate le prove che poco prima di morire tutta la vita ti passa davanti

Prima di morire si rivede davvero il film della propria vita, lo studio

La vita potrebbe davvero passare davanti ai nostri occhi poco prima di morire e per puro caso, ne abbiamo le prove. Un gruppo di scienziati di Vancouver, in Canada, aveva deciso di misurare le onde cerebrali di un paziente di 87 anni che aveva sviluppato l’epilessia. Ma durante il monitoraggio neurologico, il paziente ha subito un infarto fatale, lasciando agli scienziati un’inaspettata registrazione di un cervello morente. Le immagini hanno rivelato che, 30 secondi prima e 30 secondi dopo la dipartita del paziente, le onde cerebrali seguivano gli stessi schemi del sogno o di quando richiamiamo i ricordi. Secondo gli studiosi, un’attività cerebrale di questo tipo potrebbe suggerire che poco prima della morte una persona rivede davvero tutta la sua vita come un film.

Una scoperta inaspettata, che apre nuovi interrogativi

I dettagli di questo affascinante studio sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers in Aging Neuroscience. Ajmal Zemmar, coautore dello studio, e attualmente neurochirurgo presso l’Università di Louisville, ritiene che questa è la prima registrazione in assoluto di un cervello morente. «In realtà è stato del tutto casuale, non avevamo in programma di fare questo esperimento o registrare questi segnali», ha raccontato alla BBC. È impossibile dire quali ricordi passano nella mente di una persona morente, se sono tristi o felici. Oppure se si ricordano i propri cari o si rivede sé stessi nel passato. Ma Zemmar è pronto a scommettere che un viaggio nei ricordi, in questa particolare circostanza, sarebbe fatto di ricordi «di cose buone, piuttosto che di cose cattive». E precisa: «Ciò che è memorabile è diverso per ogni persona».

Il cervello continua a ricordare anche 30 secondi dopo la morte

Zemmar ha detto che nei 30 secondi prima che il cuore del paziente smettesse di battere e quindi di portare sangue al cervello dell’uomo, le sue onde cerebrali seguivano gli stessi schemi di quando svolgiamo compiti ad alto carico cognitivo, come concentrarci, sognare o rievocare ricordi. Questo tipo di attività è continuata anche 30 secondi dopo che il cuore del paziente si è fermato, cioè nel momento in cui una persona viene generalmente dichiarata morta. «Questo potrebbe essere l’ultimo ricordo dei ricordi che abbiamo vissuto nella vita e che si ripetono attraverso il nostro cervello negli ultimi secondi prima di morire», spiega Zemmar.

Quando precisamente una persona smette di vivere?

Lo studio solleva anche domande su quando, esattamente, la vita finisce: quando il cuore smette di battere o quando il cervello smette di funzionare? Zemmar e il suo team hanno avvertito che non si possono trarre conclusioni generali dopo solo uno studio. Il fatto che il paziente fosse epilettico, con un cervello quindi sanguinante e gonfio, complica ulteriormente le cose. Questo è il motivo anche per cui lo scienziato ci ha messo un po’ di tempo prima di segnalare quanto è successo. L’inaspettata registrazione è stata fatta nel 2016 e poi gli scienziati hanno cercato casi simili per rafforzare l’analisi, ma senza successo.

Servono ulteriori studi per esplorare le esperienze di pre-morte

In passato, uno studio condotto su ratti sani nel 2013, ci ha dato qualche indizio. In quello studio, i ricercatori statunitensi hanno registrato livelli elevati di onde cerebrali in punto della morte fino a 30 secondi dopo che il cuore dei topi aveva smesso di battere, proprio come i risultati trovati nel paziente epilettico di Zemmar. Le somiglianze tra gli studi sono «sorprendenti», secondo lo scienziato. Ora gli studiosi sperano che la pubblicazione di questo caso possa aprire la porta ad altri studi sugli ultimi momenti della vita. «Penso che ci sia qualcosa di mistico e spirituale in tutta questa esperienza di pre-morte», dice Zemmar. «E risultati come questo rappresentano un momento per il quale gli scienziati vivono», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In arrivo il primo Piano d’Azione Internazionale per la gestione dell’epilessia
Realizzato anche grazie al contributo di FIE e IBE. A maggio si vota la ratifica. Cervellione (FIE/ELO): «L’Italia non può farsi trovare impreparata, chiediamo un tavolo permanente presso il Ministero della Salute»
Epilessia, Bambino Gesù: «Circa 4mila insegnanti e ragazzi formati a gestire le crisi in classe»
Ridotte drasticamente le richieste di intervento al 112. Per la Giornata Mondiale dell’Epilessia del 14 febbraio, diretta social con gli esperti dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede.
Giornata contro l’epilessia. Tassi (Lice): «Anche chi soffre di epilessia ha il diritto di realizzare i propri sogni»
La presidente della Lice: «Oltre alle crisi in sé che, a seconda della frequenza e dell’intensità, possono determinare l’impossibilità di guidare, di lavorare, di uscire da soli, di avere contatti sociali, è con lo stigma che i malati di epilessia si trovano a fare i conti troppo spesso nel corso della vita»
Epilessia, un aiuto dalla dieta chetogenica per chi è farmacoresistente, ma attenzione alle fake news
Laura Tassi, Presidente di Lice, spiega l’importanza di una alimentazione sana: «Non esiste una dieta specifica, ma alcuni nutrimenti con potenziale neuroprotettivo possono aiutare. Sì ai vaccini anti Covid, unico problema la febbre, da tenere sotto controllo con il paracetamolo»
Cannabis ed epilessia, LICE: «Affidarsi al medico specialista per definire corretta terapia»
«Molti medici – spiega la Presidente LICE Laura Tassi - privi delle corrette credenziali cliniche e scientifiche nel settore dell’Epilessia, inducono rischiosi tentativi terapeutici con sostanze che possono causare anche gravi conseguenze e riguardo le quali non esistono studi di efficacia e sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...