Salute 6 Settembre 2021 15:10

Pop It, da tormentone dell’estate a strumento per alleviare ADHD e autismo

La neuropsicomotricista dell’età evolutiva: «I Pop It, come altri giocattoli sensoriali, ha degli interessanti risvolti terapeutici»

Pop It, da tormentone dell’estate a strumento per alleviare ADHD e autismo

Possono essere grandi o piccoli, colorati come un arcobaleno o monocolore. Possono avere forme diverse come cerchi e unicorni, ma anche semplici quadrati. Quel che è certo, è che sono rimasti in pochi a non conoscere i Pop It, il gioco tormentone protagonista dell’estate 2021, diventato virale grazie a TikTok. I negozi di giocattoli nel Regno Unito (e non solo) hanno ben presto preso atto della tendenza in crescita acquistando milioni di Pop It per i loro negozi.

Quello che però in molti ancora non sanno è che Pop It ha degli interessanti risvolti “terapeutici”: è utile come antistress, per allenare la motricità fine delle mani, ma c’è di più. I giocattoli sensoriali come Pop It, infatti, vengono da tempo usati dagli operatori sanitari per aiutare i bambini che hanno ansia o difficoltà sensoriali, i quali possono reagire male a tutto ciò che attiva i loro sensi, inclusi luce, suono, tatto, gusto o olfatto. Ansia e nervosismo che possono essere combattuti anche aiutando i più piccoli a concentrare le proprie energie su qualcosa di specifico, come far “scoppiare” le bolle del Pop It, che può persino giovare nei casi di disturbi dell’attenzione e dell’apprendimento (ADHD) o di autismo.

Ne abbiamo parlato con la dottoressa Maria Rosaria Manna, neuropsicomotricista dell’età evolutiva presso l’AORN Santobono Pausilipon di Napoli, principale ospedale pediatrico del Sud Italia.

Pop It, i giocattoli sensoriali e il loro funzionamento

«Parafrasando quanto riferito a Newsround dallo psicologo infantile Will Shield dell’Università di Exeter, i giocattoli sensoriali vengono usati sin dagli anni ’70. Gli psicologi nei Paesi Bassi – spiega la neuropsicomotricista – hanno creato stanze sensoriali per aiutare i bambini con disabilità, dove erano interessati a luci, suoni e oggetti con cui giocare e toccare, per aiutarli a calmarsi e rilassarsi durante le sessioni di terapia. I giocattoli sensoriali attivano uno o più dei nostri sensi, ad esempio la vista, l’udito o il tatto. Quindi, quando proviamo una grande emozione, come essere spaventati o preoccupati, giocare con qualcosa che sembra, si sente o suona in modo diverso può aiutare a distogliere la nostra attenzione da quella grande emozione. I giocattoli sensoriali – prosegue – possono anche aiutarci con la concentrazione e l’attenzione, proprio come gli adulti giocano con una penna quando cercano di ascoltare qualcosa».

Uno strumento terapeutico per autismo e ADHD

«Utilizzare questi Pop It favorisce nei più piccoli la concentrazione e il ragionamento logico – afferma Manna – anche in caso di disturbi dell’attenzione e apprendimento. Scoppiare le bolle è infatti una piacevole attività che abbassa l’ansia e contribuisce ampiamente allo sviluppo cognitivo. Nulla di virtuale come nei giochi di bolle on line. Tutto fatto nella realtà e con le mani, proprio perché è un gioco sensoriale, di tatto e logica».

«Partendo da questo punto, possiamo comprendere come sia possibile utilizzare questo gioco proprio per aiutare e migliorare le capacità dei bambini affetti da autismo. L’autismo – spiega – è considerato un Disturbo Generalizzato dello Sviluppo delle funzioni cerebrali che impedisce al soggetto l’organizzazione e la comprensione delle informazioni trasmesse attraverso i sensi, considerando che la percezione sensoriale è la prima forma di contatto con la realtà ed è il filtro attraverso il quale le persone costruiscono il loro modello del mondo, utilizzare un gioco sensoriale che stimoli e dia la possibilità al bambino con sindrome autistica di interagire giocando, con i propri sensi, ci dà la possibilità di porlo a contatto con la realtà, senza costrizioni particolari, ma semplicemente lasciandolo giocare».

«Osservare con attenzione – sottolinea la neuropsicomotricista – il modo in cui il bambino reagisce agli stimoli sensoriali in risposta all’utilizzo di questo gioco nelle varie forme, nei vari colori e in diverse modalità di utilizzo, ci dà la possibilità di comprendere come funzionano i suoi sensi che è la chiave fondamentale per conoscerlo e comprenderlo, comprendere quindi quali sono i suoi limiti e le sue possibilità di interazione, e come migliorarle nel tempo. Le differenze di percezione incidono sullo sviluppo di diverse abilità, stili di pensiero e di comunicazione».

Le modalità di azione per uso terapeutico

«I bambini con autismo hanno la tendenza a focalizzare l’attenzione su una fonte stimolante o su dettagli o aspetti insoliti e irrilevanti di uno stimolo – spiega Manna -. Trascurando l’insieme e il contesto, tendono a “saldare” associazioni tra eventi e i dettagli con il tutto, facendo fatica a generalizzare gli apprendimenti e le acquisizioni e a trasportarle in contesti anche minimamente differenti, restando talvolta “prigionieri” della loro memoria fotografica e dei loro processi associativi. Sta a noi scoprire quale modalità non filtra le informazioni e rendere l’ambiente visivo/uditivo più semplice, anche attraverso una lunga serie di attività con Pop It con cui si può fare interagire il bambino, semplicemente lasciandolo giocare secondo delle regole più o meno rigide che andiamo ad inserire nel tempo ed in base a come lo stesso bambino reagisce alle nostre indicazioni di gioco».

«Il passo successivo sarebbe quello di insegnare loro a riconoscere le caratteristiche rilevanti di oggetti e situazioni, ignorando quelle irrilevanti. In questo contesto – prosegue la neuropsicomotricista – diventa facile utilizzare come strumento di comprensione/sviluppo delle capacità del bambino il Pop It. Le possibilità di utilizzo sono numerose e possono adattarsi ai vari casi più o meno gravi che si vanno ad affrontare. Partendo dalla semplice osservazione di come il bambino reagisce quando gli viene proposto di toccare il giocattolo e quindi fare come meglio crede, fino ad arrivare ad utilizzarlo per associare forme, colori, numeri o ancora associazioni matematiche o logiche in base alle dimensioni delle bolle, il numero delle file/righe, il numero differente di bolle in base ai colori o alle dimensioni, agli odori e numerosissime altre attività sensoriali. Questo – conclude la dottoressa Manna – ci permetterà di comprendere il suo modo di affrontare questa realtà e, successivamente, di andare a stimolare e migliorare le sue capacità in merito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dall’Istituto Superiore di Sanità nuove linee guida sull’autismo
L’ISS ha pubblicato il testo completo della Linea Guida sulla diagnosi e il trattamento del disturbo dello spettro autistico in bambini e adolescenti che include 27 raccomandazioni e 1 indicazione di buona pratica clinica che gli esperti hanno formulato sulla base della letteratura più aggiornata e della loro esperienzanprofessionale e personale
Autismo: con nuovo strumento di tracciamento oculare possibili diagnosi precoci
Messo a punto uno strumento di tracciamento oculare in grado di diagnosticare l'autismo, con maggior certezza, nei bambini con appena 16 mesi mesi di vita. I risultati eccezionali sono stati pubblicati in due studi
Salute orale e disabilità, un binomio complicato. E spesso le famiglie sono costrette a rivolgersi all’ospedale
«Nel campo della salute orale il 50% dei professionisti ha poche competenze sulla gestione del paziente con disabilità» racconta Alberto Aureli, Igienista dentale e padre di un paziente con autismo. Che lancia un progetto di formazione per gli studi privati
Autismo, sbloccati 77 milioni per assunzioni e ricerca. Ma Angsa chiede la proroga dei termini per i piani
«È necessario  dare un tempo congruo  alle istituzioni e alle famiglie per elaborare piani ponderati e non buttati là in fretta con il rischio di sprechi» spiega il presidente Angsa Giovanni Marino
Autismo, ANGSA: «Ministero della Disabilità  si avvia a chiudere esame delibere regionali»  
«A distanza di due mesi dalla scadenza mancano ancora all’appello le determinazioni  di Calabria e Puglia, insieme a quelle di Lombardia e Lazio giustificate perché  impegnate nelle recenti elezioni» spiega l'Associazione Nazionale Genitori Persone con Autismo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...