Salute 6 Settembre 2021 15:10

Pop It, da tormentone dell’estate a strumento per alleviare ADHD e autismo

La neuropsicomotricista dell’età evolutiva: «I Pop It, come altri giocattoli sensoriali, ha degli interessanti risvolti terapeutici»

Pop It, da tormentone dell’estate a strumento per alleviare ADHD e autismo

Possono essere grandi o piccoli, colorati come un arcobaleno o monocolore. Possono avere forme diverse come cerchi e unicorni, ma anche semplici quadrati. Quel che è certo, è che sono rimasti in pochi a non conoscere i Pop It, il gioco tormentone protagonista dell’estate 2021, diventato virale grazie a TikTok. I negozi di giocattoli nel Regno Unito (e non solo) hanno ben presto preso atto della tendenza in crescita acquistando milioni di Pop It per i loro negozi.

Quello che però in molti ancora non sanno è che Pop It ha degli interessanti risvolti “terapeutici”: è utile come antistress, per allenare la motricità fine delle mani, ma c’è di più. I giocattoli sensoriali come Pop It, infatti, vengono da tempo usati dagli operatori sanitari per aiutare i bambini che hanno ansia o difficoltà sensoriali, i quali possono reagire male a tutto ciò che attiva i loro sensi, inclusi luce, suono, tatto, gusto o olfatto. Ansia e nervosismo che possono essere combattuti anche aiutando i più piccoli a concentrare le proprie energie su qualcosa di specifico, come far “scoppiare” le bolle del Pop It, che può persino giovare nei casi di disturbi dell’attenzione e dell’apprendimento (ADHD) o di autismo.

Ne abbiamo parlato con la dottoressa Maria Rosaria Manna, neuropsicomotricista dell’età evolutiva presso l’AORN Santobono Pausilipon di Napoli, principale ospedale pediatrico del Sud Italia.

Pop It, i giocattoli sensoriali e il loro funzionamento

«Parafrasando quanto riferito a Newsround dallo psicologo infantile Will Shield dell’Università di Exeter, i giocattoli sensoriali vengono usati sin dagli anni ’70. Gli psicologi nei Paesi Bassi – spiega la neuropsicomotricista – hanno creato stanze sensoriali per aiutare i bambini con disabilità, dove erano interessati a luci, suoni e oggetti con cui giocare e toccare, per aiutarli a calmarsi e rilassarsi durante le sessioni di terapia. I giocattoli sensoriali attivano uno o più dei nostri sensi, ad esempio la vista, l’udito o il tatto. Quindi, quando proviamo una grande emozione, come essere spaventati o preoccupati, giocare con qualcosa che sembra, si sente o suona in modo diverso può aiutare a distogliere la nostra attenzione da quella grande emozione. I giocattoli sensoriali – prosegue – possono anche aiutarci con la concentrazione e l’attenzione, proprio come gli adulti giocano con una penna quando cercano di ascoltare qualcosa».

Uno strumento terapeutico per autismo e ADHD

«Utilizzare questi Pop It favorisce nei più piccoli la concentrazione e il ragionamento logico – afferma Manna – anche in caso di disturbi dell’attenzione e apprendimento. Scoppiare le bolle è infatti una piacevole attività che abbassa l’ansia e contribuisce ampiamente allo sviluppo cognitivo. Nulla di virtuale come nei giochi di bolle on line. Tutto fatto nella realtà e con le mani, proprio perché è un gioco sensoriale, di tatto e logica».

«Partendo da questo punto, possiamo comprendere come sia possibile utilizzare questo gioco proprio per aiutare e migliorare le capacità dei bambini affetti da autismo. L’autismo – spiega – è considerato un Disturbo Generalizzato dello Sviluppo delle funzioni cerebrali che impedisce al soggetto l’organizzazione e la comprensione delle informazioni trasmesse attraverso i sensi, considerando che la percezione sensoriale è la prima forma di contatto con la realtà ed è il filtro attraverso il quale le persone costruiscono il loro modello del mondo, utilizzare un gioco sensoriale che stimoli e dia la possibilità al bambino con sindrome autistica di interagire giocando, con i propri sensi, ci dà la possibilità di porlo a contatto con la realtà, senza costrizioni particolari, ma semplicemente lasciandolo giocare».

«Osservare con attenzione – sottolinea la neuropsicomotricista – il modo in cui il bambino reagisce agli stimoli sensoriali in risposta all’utilizzo di questo gioco nelle varie forme, nei vari colori e in diverse modalità di utilizzo, ci dà la possibilità di comprendere come funzionano i suoi sensi che è la chiave fondamentale per conoscerlo e comprenderlo, comprendere quindi quali sono i suoi limiti e le sue possibilità di interazione, e come migliorarle nel tempo. Le differenze di percezione incidono sullo sviluppo di diverse abilità, stili di pensiero e di comunicazione».

Le modalità di azione per uso terapeutico

«I bambini con autismo hanno la tendenza a focalizzare l’attenzione su una fonte stimolante o su dettagli o aspetti insoliti e irrilevanti di uno stimolo – spiega Manna -. Trascurando l’insieme e il contesto, tendono a “saldare” associazioni tra eventi e i dettagli con il tutto, facendo fatica a generalizzare gli apprendimenti e le acquisizioni e a trasportarle in contesti anche minimamente differenti, restando talvolta “prigionieri” della loro memoria fotografica e dei loro processi associativi. Sta a noi scoprire quale modalità non filtra le informazioni e rendere l’ambiente visivo/uditivo più semplice, anche attraverso una lunga serie di attività con Pop It con cui si può fare interagire il bambino, semplicemente lasciandolo giocare secondo delle regole più o meno rigide che andiamo ad inserire nel tempo ed in base a come lo stesso bambino reagisce alle nostre indicazioni di gioco».

«Il passo successivo sarebbe quello di insegnare loro a riconoscere le caratteristiche rilevanti di oggetti e situazioni, ignorando quelle irrilevanti. In questo contesto – prosegue la neuropsicomotricista – diventa facile utilizzare come strumento di comprensione/sviluppo delle capacità del bambino il Pop It. Le possibilità di utilizzo sono numerose e possono adattarsi ai vari casi più o meno gravi che si vanno ad affrontare. Partendo dalla semplice osservazione di come il bambino reagisce quando gli viene proposto di toccare il giocattolo e quindi fare come meglio crede, fino ad arrivare ad utilizzarlo per associare forme, colori, numeri o ancora associazioni matematiche o logiche in base alle dimensioni delle bolle, il numero delle file/righe, il numero differente di bolle in base ai colori o alle dimensioni, agli odori e numerosissime altre attività sensoriali. Questo – conclude la dottoressa Manna – ci permetterà di comprendere il suo modo di affrontare questa realtà e, successivamente, di andare a stimolare e migliorare le sue capacità in merito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PizzAut raddoppia e punta sull’accademia per dare un futuro ai ragazzi autistici
Ideato da Nico Acampora, il progetto di inclusione sociale, unico in Europa, prevede l’impiego di nove giovani tra i 20 e i 30 anni con autismo in cucina e come camerieri di sala. In programma una seconda apertura a Monza e un’Accademy per inserire giovani autistici nel mondo del lavoro
di Federica Bosco
Autismo e adolescenza. Il punto di vista della Sima
Il 2 aprile, come ogni anno dalla risoluzione 62/139 del 18 dicembre 2007 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si è celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo (World Autism Awareness Day), nata con la finalità di implementare la ricerca, lo studio, la diagnosi precoce, i servizi e il rispetto dei diritti per le persone autistiche. […]
“Dipingiamo il territorio di blu”, l’autismo al centro del webinar dell’Ordine TSRM e PSTRP di Roma
Il 2 aprile, Giornata Mondiale della consapevolezza dell’autismo, si svolge a partire dalle 16.30 l’evento dell’Ordine di Roma dedicato alle persone con disturbi dello spettro autistico
I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico
La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»
di Isabella Faggiano
Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori
Giuseppe, un ragazzo di 18 anni autistico insignito del titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il suo impegno durante la DAD e la capacità di essere da stimolo per i compagni, è l’esempio che esiste anche in età adulta una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco