Salute 28 Luglio 2021 11:34

PizzAut raddoppia e punta sull’accademia per dare un futuro ai ragazzi autistici

Ideato da Nico Acampora, il progetto di inclusione sociale, unico in Europa, prevede l’impiego di nove giovani tra i 20 e i 30 anni con autismo in cucina e come camerieri di sala. In programma una seconda apertura a Monza e un’Accademy per inserire giovani autistici nel mondo del lavoro

di Federica Bosco
PizzAut raddoppia e punta sull’accademia per dare un futuro ai ragazzi autistici

In Italia sono 600mila le persone con autismo, che non sempre hanno la possibilità di vivere una vita piena in società. Un futuro che un papà ha deciso di cambiare, realizzando un’attività di ristorazione interamente gestita da ragazzi autistici localizzata a Cassina de Pecchi, alle porte di Milano dove ha assunto nove ragazzi autistici.

Un esperimento unico in Europa, che in pochi mesi ha dato risultati straordinari al punto che a settembre verrà inaugurata l’Aut Accademy per formare cuochi e camerieri di sala, e a breve aprirà un secondo locale a Monza. Lui è Nico Acampora e il suo progetto si chiama PizzAut, un laboratorio di inclusione ideato e realizzato per dare un futuro sereno al proprio figlio. «Oggi il mio bambino ha dodici anni, ma il pensiero del domani non mi faceva dormire – ci racconta sempre con il sorriso sulle labbra – così ho coinvolto in un progetto di ristorazione altri genitori e ragazzi autistici».

Locali a basso impatto ambientale per agevolare i ragazzi autistici

Tante personalità differenti che hanno dovuto imparare a convivere e lui, Nico, come un abile direttore d’orchestra, è riuscito a farli interagire, dialogare e lavorare insieme. «Non è stato facile – ci racconta mentre ci mostra il locale – abbiamo cercato con un attento studio di professionisti, di creare un ambiente allegro, ma meno impattante possibile sui ragazzi da un punto di vista acustico e visivo. Così abbiamo sostituito la macchina che macina il caffè con cialde di altissima qualità, per evitare un rumore troppo assordante. Ancora abbiamo utilizzato per il pavimento e le pareti dei materiali che, con le luci della sala, non riflettano ombre molto fastidiose per alcuni di loro. Poi abbiamo fatto grandi vetrate per far entrare più energia solare possibile e studiato tavoli e mobili che permettessero ai nostri ragazzi di lavorare in autonomia».

In cucina forni computerizzati e fuochi a induzione

Anche in cucina, dove lavorano quattro pizzaioli coadiuvati da due genitori, ci sono fuochi ad induzione e forni programmabili con un computer, il tutto per rendere autonomi nel loro lavoro i giovani cuochi.  «La linea della pizza è completamente gestita da due ragazzi autistici per turno – racconta Nico mentre ci mostra i locali – insieme a loro c’è uno chef, che è anche pasticcere, che segue la linea dei primi, dei secondi e dei dolci. Ci sono poi due genitori volontari che ci aiutano nella zona lavaggio». Per rendere autonomi i cuochi autistici tutto è facilitato. «Esiste anche la linea senza glutine a cui prestiamo molta attenzione perché molti ragazzi autistici sono allergici – spiega Nico -, per questo abbiamo una cucina separata e delle regole precise da seguire».

Centocinquanta coperti al giorno, truck food e prossima apertura a Monza

«C’è chi mi ha dato del visionario – ricorda Nico -. Addirittura, una psichiatra mi scrisse un giorno che il progetto era irrealizzabile ed io un genitore frustrato che non si arrendeva dinnanzi alla disabilità del figlio». Fortunatamente la determinazione è stata più forte delle critiche e in pochi anni è riuscito nel suo intento: dapprima con un’attività itinerante grazie a due truck food, poi con un locale che presto verrà duplicato a Monza.

«Se ciò che ho fatto significa essere frustrato, allora credo che si possano fare davvero molte cose nella vita». È un fiume in piena Nico quando ci accoglie a PizzAut, proprio nel giorno della finale agli europei di calcio. «I sogni si possono realizzare – riprende il discorso mentre fuori sventola la bandiera dell’Italia e tutto lo staff è pronto ad accogliere i primi clienti che, come tutte le domeniche, sono oltre 150 -. La passione mostrata in campo dagli azzurri è la stessa che questi ragazzi mettono in ogni gesto, sorriso, o impasto che realizzano. Per questo quando hanno deciso di dedicare una pizza a Gigio Donnarumma, ho sposato la loro idea, lasciando ai quattro pizzaioli la scelta degli ingredienti che la contraddistinguono».

Una pizza per Donnarumma

Base bianca con pomodorini, scaglie di grana, bresaola dop, rucola e burrata di mozzarella è l’impasto che i cuochi di PizzAut hanno pensato per il campione d’Europa. «La fantasia è senza limiti – spiega Nico – tra le specialità abbiamo la “fuori di zucca” a base di fiori di zucca e poi “umanoide” con il salmone, “superbimbi” con i wurstel che tagliamo in verticale per evitare possibili occlusioni, e la “DPCM” con la mortadella che abbiamo portato persino a Giuseppe Conte quando era presidente del Consiglio».

«Trasformiamo i limiti in risorse»

Se la pizza sprigiona la fantasia dei cuochi, per i camerieri di sala il dialogo e il contatto con il prossimo rappresentano la sfida da vincere. «Ognuno di loro si adopera per superare i propri limiti. Lorenzo, ad esempio, ha una grande dote: conosce con esattezza il giorno di nascita di una persona o quando festeggerà un compleanno speciale. Come fosse un calcolatore, in pochi secondi riesce ad indovinare il giorno della settimana. La scienza considera questa stereotipia di Lorenzo una fissazione – sottolinea Nico – era stato oggetto di bullismo per questo. Noi l’abbiamo trasformato in un gioco. Va ai tavoli chiede la data di nascita e indovina il giorno, questo gli consente di entrare in relazione con le persone attraverso una sua caratteristica che è stata per tutta la vita un problema e adesso è una dote che lo contraddistingue».

Chi fa 18 ore, chi 38 la settimana, tutti hanno un contratto e chi ha più manualità si adopera per creare le pizze, originali, e gustose tanto da entrare nella classifica delle 10 pizzerie più buone di Milano e provincia. Per prenotare un tavolo nel weekend c’è una lunga lista d’attesa «Anche di quattro settimane – ammette con orgoglio Acampora -, ma ciò che più ci piace sottolineare è che chi arriva qui per assaggiare le nostre pizze va via meno indifferente rispetto all’autismo e alle famiglie dei bambini autistici. Se venite a mangiare a PizzAut il silenzio non è più accettato, l’indifferenza neppure».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pop It, da tormentone dell’estate a strumento per alleviare ADHD e autismo
La neuropsicomotricista dell’età evolutiva: «I Pop It, come altri giocattoli sensoriali, ha degli interessanti risvolti terapeutici»
Autismo e adolescenza. Il punto di vista della Sima
Il 2 aprile, come ogni anno dalla risoluzione 62/139 del 18 dicembre 2007 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si è celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo (World Autism Awareness Day), nata con la finalità di implementare la ricerca, lo studio, la diagnosi precoce, i servizi e il rispetto dei diritti per le persone autistiche. […]
“Dipingiamo il territorio di blu”, l’autismo al centro del webinar dell’Ordine TSRM e PSTRP di Roma
Il 2 aprile, Giornata Mondiale della consapevolezza dell’autismo, si svolge a partire dalle 16.30 l’evento dell’Ordine di Roma dedicato alle persone con disturbi dello spettro autistico
I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico
La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»
di Isabella Faggiano
Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori
Giuseppe, un ragazzo di 18 anni autistico insignito del titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il suo impegno durante la DAD e la capacità di essere da stimolo per i compagni, è l’esempio che esiste anche in età adulta una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco