Salute 22 Febbraio 2024 11:36

Più vicini ad antidoto universale contro il veleno dei serpenti

Siamo più vicini a un antidoto universale contro il veleno dei serpenti. Un gruppo di ricercatori dello Scripps Research Institute, in California, ha sviluppato un anticorpo che è in grado di bloccare gli effetti delle tossine letali presenti nei veleni di un’ampia varietà di serpenti

Più vicini ad antidoto universale contro il veleno dei serpenti

Siamo più vicini a un antidoto universale contro il veleno dei serpenti. Un gruppo di ricercatori dello Scripps Research Institute, l’istituto di ricerca biomedica con sede in California, hanno sviluppato un anticorpo che è in grado di bloccare gli effetti delle tossine letali presenti nei veleni di un’ampia varietà di serpenti, tra cui il famoso mamba nero, considerato il rettile più pericoloso al mondo, e il cobra reale. Testato nei topi, li ha protetti non solo dalla morte ma anche dalla paralisi, come riportato nello studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Più di 100mila persona all’anno muoiono per il morso di serpenti

L’anticorpo non funziona, però, contro il veleno delle vipere: per mettere a punto un antidoto universale, dunque, servirà un cocktail composto da diversi anticorpi. Più di 100mila persone all’anno, soprattutto in Asia e Africa, muoiono a causa del morso di un serpente, e gli antidoti attualmente a disposizione funzionano generalmente solo per una singola specie. I ricercatori coordinati dallo scienziato Joseph Jardine hanno tratto ispirazione da loro precedenti studi effettuati sui vaccini contro il virus dell’Hiv: si sono infatti resi conto che, come l’Hiv, anche le tossine dei serpenti hanno regioni conservate che non possono mutare da una specie all’altra, e che quindi costituiscono gli obiettivi ideali per un anticorpo mirato.

Trovata molecola promettente per un antidoto universale

Confrontando le proteine contenute nei veleni di una grande varietà di serpenti, gli autori dello studio ne hanno identificata una chiamata “tossina a tre dita”, o 3FTx, che contiene porzioni molto simili tra le diverse specie. Trovato un buon candidato, i ricercatori sono andati a caccia di anticorpi umani capaci di legarvisi tra oltre 50 miliardi di possibilità. Restringendo la ricerca a circa 3.800 molecole, ne hanno trovate 30 che riconoscono più di una versione di 3FTx e, tra queste, una in particolare, chiamata 95Mat5, spicca per la sua capacità di legarsi molto bene a tutte quelle testate. Il risultato costituisce, dunque, un passo avanti molto importante verso un antidoto universale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...