Salute 16 Gennaio 2019 11:09

Pillola, spirale, anello o preservativo? Tutto quello che c’è da sapere su contraccezione in un e-book firmato Sic

#ChiediloaSIC: dalla seconda edizione della rubrica social ideata dalla Società italiana della Contraccezione è nato un libro, consultabile gratuitamente online, che  risponde alle reali esigenze informative degli utenti

di Isabella Faggiano
Pillola, spirale, anello o preservativo? Tutto quello che c’è da sapere su contraccezione in un e-book firmato Sic

“Mi farà ingrassare?” È questo l’interrogativo più diffuso tra le donne in procinto di assumere una pillola anticoncezionale. Lo ha rivelato, a Sanità Informazione, Franca Fruzzetti, responsabile dell’Ambulatorio di Endocrinologia e Ginecologia dell’U.O. Santa Chiara di Pisa e vicepresidente della Sic, la Società italiana della Contraccezione,  parlando dell’ultimo progetto di informazione e sensibilizzazione ideato dalla stessa Società.  Si chiama #ChiediloaSIC ed è nato per coinvolgere gli utenti, intercettandoli e rispondendo al loro bisogno di una informazione puntuale e autorevole su sessualità e contraccezione.

E proprio in tema di informazioni corrette è doveroso chiarire subito questo dubbio su “pillola e chili di troppo” che assilla l’universo femminile: «Oggi – ha assicurato Fruzzetti – la dose di ormoni presente nelle pillole anticoncezionali è bassissima e, pertanto, difficilmente può causare un aumento di peso. Al massimo può insorgere ritenzione idrica. Ma anche questa conseguenza è soggettiva e, come tale, può essere risolta prescrivendo la pillola più adatta alla donna in questione, potendo contare su una gamma numerosissima di soluzioni, estrogeni naturali compresi».

LEGGI ANCHE: DONNE ED ICTUS: ATTENZIONE A PILLOLA ANTICONCEZIONALE, FUMO ED EMICRANIA

Pillola, spirale, anello e preservativo sono i quattro argomenti al  centro dell’ultima campagna informativa targata Sic: otto settimane durante le quali la Società ha diffuso, attraverso i suoi canali social, info-grafiche esplicative, rispondendo alle domande poste dagli utenti.

«Le quattro tematiche – pillola, spirale, anello e preservativo – sono state scelte per evidenziare i metodi contraccettivi più sicuri e richiesti. Da un lato – ha detto la  responsabile dell’Ambulatorio di Endocrinologia e Ginecologia dell’U.O. Santa Chiara di Pisa – c’è la sicurezza contraccettiva della  pillola, dall’altro metodi, come l’anello o la spirale, che rispondono alle esigenze di quelle donne che non vogliono assumersi l’impegno di prendere una pillola al giorno. L’anello, una volta posizionato in vagina, va rimosso dopo tre settimane ed ha un’efficacia mensile, mentre la spirale può essere tenuta per un periodo che va dai tre ai cinque anni».

Tra pazienti ed esperti è nato un  vero e proprio dialogo virtuale: ogni due settimane è stato proposto un tema di discussione diverso. Tutto il materiale è stato raccolto in un e-book, scaricabile gratuitamente anche dalla pagina Facebook della Sic.

La prima edizione, quella dello scorso anno, era stata dedicata a dieci tematiche tra cui contraccezione, fisiopatologia della riproduzione, prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e stili di vita. La campagna aveva raggiunto più di 420 mila persone e l’e-book oltre 70 mila. Numeri che hanno dimostrano il forte bisogno degli utenti di ricevere informazioni corrette: «A scuola nessuno parla di contraccezione – ha sottolineato la vicepresidente della Società italiana della Contraccezione – non si studia né alle medie, né al liceo, tanto meno all’università. Le conoscenze di una  popolazione standard  si basano sul passaparola e su ciò che viene letto sui giornali e sul web, con il rischio di confondersi le idee con le false notizie. In questo quadro, – ha aggiunto ancora  Fruzzetti – la figura del ginecologo è fondamentale per informare correttamente su tutti i metodi contraccettivi a disposizione e per scegliere insieme quello più adatto».

LEGGI ANCHE: FECONDAZIONE: 10 COSE DA SAPERE SULLA DIAGNOSI PREIMPIANTO

E, intano, i vertici della Sic già annunciano la terza edizione del progetto: «Sicuramente replicheremo questa iniziativa anche il prossimo anno perché sentiamo l’esigenza di informare non solo i  pazienti – ha sottolineato la specialista – ma anche chi si occupa della comunicazione, come i giornalisti,  e gli stessi medici, a volte poco preparati sul tema della contraccezione. Tutte le donne che hanno una vita sessuale attiva ne hanno bisogno: non solo per evitare gravidanze indesiderate o per non contrarre malattie sessualmente trasmissibile, ma anche per godere di tutti quei benefici che ne possono derivare, dal controllo del dolore mestruale, delle cefalee e dell’acne, fino alla diminuzione del rischio di sviluppare particolari patologie oncologiche. Insomma, aiutare la donna a scegliere ed utilizzare il contraccettivo più adatto alla sue persona significa – ha concluso la vicepresidente della Sic – migliorare la qualità della sua vita».

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Caldo estremo aumenta il rischio di complicanze in gravidanza
L'esposizione al caldo estremo, eventualità diventata più frequente a causa dei cambiamenti climatici durante la gravidanza è stata collegata a un aumento del rischio di grave morbilità materna, cioè di complicanze durante il travaglio e il parto. I rischi sono maggiori se l'esposizione è avvenuta durante il terzo trimestre di gravidanza. Questo è quanto emerso da uno studio condotto dal Kaiser Permanente Southern California, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open
Creato un modello completo di embrione umano, senza spermatozoi e ovuli
Non sono stati utilizzati né spermatozoi, né ovuli e né utero. Il nuovo modello di embrione sviluppato da un gruppo di ricercatori del Weizmann Institute, in Israele, è stato generato con cellule staminali. Nonostante questo è quasi identico a  un embrione umano vero di 14 giorni, in grado addirittura di rilasciare ormoni da far risultare positivo un test di gravidanza in laboratorio. Non mancano i quesiti etici
«Colpi di calore, a rischio donne in gravidanza e menopausa». I consigli del ginecologo
«Donne in gravidanza e in menopausa attenzione ai colpi di calore in agguato». A mettere in guardia,  invitando a proteggersi in queste giornate roventi, è Claudio Giorlandino, ginecologo, direttore scientifico dell'Istituto di Ricerche Altamedica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...