Salute 16 Gennaio 2019

Pillola, spirale, anello o preservativo? Tutto quello che c’è da sapere su contraccezione in un e-book firmato Sic

#ChiediloaSIC: dalla seconda edizione della rubrica social ideata dalla Società italiana della Contraccezione è nato un libro, consultabile gratuitamente online, che  risponde alle reali esigenze informative degli utenti

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

“Mi farà ingrassare?” È questo l’interrogativo più diffuso tra le donne in procinto di assumere una pillola anticoncezionale. Lo ha rivelato, a Sanità Informazione, Franca Fruzzetti, responsabile dell’Ambulatorio di Endocrinologia e Ginecologia dell’U.O. Santa Chiara di Pisa e vicepresidente della Sic, la Società italiana della Contraccezione,  parlando dell’ultimo progetto di informazione e sensibilizzazione ideato dalla stessa Società.  Si chiama #ChiediloaSIC ed è nato per coinvolgere gli utenti, intercettandoli e rispondendo al loro bisogno di una informazione puntuale e autorevole su sessualità e contraccezione.

E proprio in tema di informazioni corrette è doveroso chiarire subito questo dubbio su “pillola e chili di troppo” che assilla l’universo femminile: «Oggi – ha assicurato Fruzzetti – la dose di ormoni presente nelle pillole anticoncezionali è bassissima e, pertanto, difficilmente può causare un aumento di peso. Al massimo può insorgere ritenzione idrica. Ma anche questa conseguenza è soggettiva e, come tale, può essere risolta prescrivendo la pillola più adatta alla donna in questione, potendo contare su una gamma numerosissima di soluzioni, estrogeni naturali compresi».

LEGGI ANCHE: DONNE ED ICTUS: ATTENZIONE A PILLOLA ANTICONCEZIONALE, FUMO ED EMICRANIA

Pillola, spirale, anello e preservativo sono i quattro argomenti al  centro dell’ultima campagna informativa targata Sic: otto settimane durante le quali la Società ha diffuso, attraverso i suoi canali social, info-grafiche esplicative, rispondendo alle domande poste dagli utenti.

«Le quattro tematiche – pillola, spirale, anello e preservativo – sono state scelte per evidenziare i metodi contraccettivi più sicuri e richiesti. Da un lato – ha detto la  responsabile dell’Ambulatorio di Endocrinologia e Ginecologia dell’U.O. Santa Chiara di Pisa – c’è la sicurezza contraccettiva della  pillola, dall’altro metodi, come l’anello o la spirale, che rispondono alle esigenze di quelle donne che non vogliono assumersi l’impegno di prendere una pillola al giorno. L’anello, una volta posizionato in vagina, va rimosso dopo tre settimane ed ha un’efficacia mensile, mentre la spirale può essere tenuta per un periodo che va dai tre ai cinque anni».

Tra pazienti ed esperti è nato un  vero e proprio dialogo virtuale: ogni due settimane è stato proposto un tema di discussione diverso. Tutto il materiale è stato raccolto in un e-book, scaricabile gratuitamente anche dalla pagina Facebook della Sic.

La prima edizione, quella dello scorso anno, era stata dedicata a dieci tematiche tra cui contraccezione, fisiopatologia della riproduzione, prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e stili di vita. La campagna aveva raggiunto più di 420 mila persone e l’e-book oltre 70 mila. Numeri che hanno dimostrano il forte bisogno degli utenti di ricevere informazioni corrette: «A scuola nessuno parla di contraccezione – ha sottolineato la vicepresidente della Società italiana della Contraccezione – non si studia né alle medie, né al liceo, tanto meno all’università. Le conoscenze di una  popolazione standard  si basano sul passaparola e su ciò che viene letto sui giornali e sul web, con il rischio di confondersi le idee con le false notizie. In questo quadro, – ha aggiunto ancora  Fruzzetti – la figura del ginecologo è fondamentale per informare correttamente su tutti i metodi contraccettivi a disposizione e per scegliere insieme quello più adatto».

LEGGI ANCHE: FECONDAZIONE: 10 COSE DA SAPERE SULLA DIAGNOSI PREIMPIANTO

E, intano, i vertici della Sic già annunciano la terza edizione del progetto: «Sicuramente replicheremo questa iniziativa anche il prossimo anno perché sentiamo l’esigenza di informare non solo i  pazienti – ha sottolineato la specialista – ma anche chi si occupa della comunicazione, come i giornalisti,  e gli stessi medici, a volte poco preparati sul tema della contraccezione. Tutte le donne che hanno una vita sessuale attiva ne hanno bisogno: non solo per evitare gravidanze indesiderate o per non contrarre malattie sessualmente trasmissibile, ma anche per godere di tutti quei benefici che ne possono derivare, dal controllo del dolore mestruale, delle cefalee e dell’acne, fino alla diminuzione del rischio di sviluppare particolari patologie oncologiche. Insomma, aiutare la donna a scegliere ed utilizzare il contraccettivo più adatto alla sue persona significa – ha concluso la vicepresidente della Sic – migliorare la qualità della sua vita».

Articoli correlati
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
Sì all’allattamento e no a visite dei parenti, arriva la guida per gravidanze Covid-19
L’ e-book formazione è il più aggiornato testo sul tema con oltre 90 articoli di letteratura scientifica
SMA e gravidanza, un binomio possibile. Pisoni (ginecologa): «La malattia non compromette la fertilità»
Prima di affrontare una gestazione è necessaria una valutazione pre-concezionale. La specialista: «Un’equipe multidisciplinare, formata da ginecologo, neurologo, pneumologo e anestesista, dovrà prendere in carico la donna e seguirla fino al parto»
di Isabella Faggiano
Oltre 200 parti all’ospedale di Lodi nell’era Covid. Con “pronto mamma” e “Home visiting” percorso nascite in sicurezza
Giacchero (responsabile dipartimento materno infantile): «Pronto soccorso in ostetricia con tampone naso faringeo per le mamme, allattamento ed esami di screening a domicilio dopo il parto. Modello per la sanità del futuro»
di Federica Bosco
Parto in casa, Sin: «Trend in aumento a causa della pandemia»
Per la Società Italiana di Neonatologia (SIN) l’ospedale resta sempre il luogo più sicuro dove partorire
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...