Salute 11 Luglio 2019 15:09

Pelle sana con microbiota sano: le infiammazioni si combattono anche a tavola

La disbiosi intestinale alla base dell’acne e delle dermatiti atopiche. Anche di questo si è discusso all’ultimo congresso mondiale di dermatologia a Milano. «Occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato». Questi i consigli di Marco Pignatti, Clinica dermatologica di Modena e Reggio Emilia

di Federica Bosco

Tra le possibili cause di acne e dermatiti atopiche ci sarebbe uno squilibrio microbico sulla superficie o all’interno del corpo, la cosiddetta disbiosi intestinale e cutanea. Una rivelazione importante avuta nel corso del 24° congresso mondiale di dermatologia che si è tenuto a Milano. Pelle e cibo dunque rappresentano un binomio imprescindibile. La conferma arriva dal dottor Marco Pignatti della Clinica dermatologica universitaria di Modena e Reggio Emilia che ha dato indicazioni precise sui cibi da consumare e quelli da evitare per avere una pelle in salute.

«La nostra pelle è legata al nostro microbioma con due importantissime relazioni: il microbioma che la riveste con batteri, virus, funghi e il microbiota intestinale che partecipa alla digestione degli alimenti. Questo modula i nostri metabolismi e si ripercuote sulle infiammazioni croniche e della pelle» sottolinea Pignatti.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO DERMATOLOGIA, PER IL MELANOMA LA SPERANZA ARRIVA DALLA MICROSCOPIA LASER CONFOCALE

La ricerca dove vi sta indirizzando?

«Il concetto di base dice che è impossibile trascurare l’alimentazione e la dieta dei nostri pazienti perché la modulazione del microbiota deriva da ciò che noi mangiamo, come lo mangiamo e quando lo mangiamo. L’altra considerazione da fare riguarda la salute dei batteri. Infatti molti atti, anche medici, determinano l’uccisione dei batteri, mentre le terapie antibiotiche e gli antiacidi eliminano il PH dello stomaco determinando la traslocazione di batteri. Tutto ciò può influire sul microbiota di superficie o intestinale, pertanto dobbiamo modularlo con molta attenzione perché può dare effetti a lunga scadenza sulla salute».

Facciamo alcuni esempi di alimentazione sana: cosa dobbiamo bandire dalle nostre tavole e cosa invece riscoprire?

«È meglio staccarsi dall’alimentazione mordi e fuggi; occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato. Questi pochi accorgimenti aiutano a mantenere un microbiota in salute che significa di conseguenza pelle in salute».

Articoli correlati
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Giornata mondiale dell’alimentazione, il paradosso: «Prendo l’ascensore, uso l’auto, ma mangio light»
Con Silvia Migliaccio, nutrizionista, un’analisi del paradosso del nostro secolo: «Ricerchiamo cibi senza grassi e senza zuccheri, ma siamo “sedentary behavior”, ovvero preferiamo le attività sedentarie a quelle motorie»
di Isabella Faggiano
Alimentazione e luce solare: un binomio salutare
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Carne alleata delle donne contro l’invecchiamento cutaneo
Elisabetta Bernardi, nutrizionista dell’associazione Carni Sostenibili spiega perché: «Contengono proteine nobili, acidi grassi omega-3 a catena lunga, ferro, zinco, selenio, vitamina A, C, D, E e B12 e sono fonti di zinco, selenio, fosforo e ferro»
di Federica Bosco
Mascherine, il dermatologo: «Uso non corretto causa acne e dermatite seborroica»
I consigli di Antonino Di Pietro, direttore dell'Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano, che avverte: «La pelle è sentinella del virus per gli asintomatici. Attenzione a vescicole, eritemi e lesioni agli arti»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...