Salute 11 Luglio 2019 15:09

Pelle sana con microbiota sano: le infiammazioni si combattono anche a tavola

La disbiosi intestinale alla base dell’acne e delle dermatiti atopiche. Anche di questo si è discusso all’ultimo congresso mondiale di dermatologia a Milano. «Occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato». Questi i consigli di Marco Pignatti, Clinica dermatologica di Modena e Reggio Emilia

di Federica Bosco

Tra le possibili cause di acne e dermatiti atopiche ci sarebbe uno squilibrio microbico sulla superficie o all’interno del corpo, la cosiddetta disbiosi intestinale e cutanea. Una rivelazione importante avuta nel corso del 24° congresso mondiale di dermatologia che si è tenuto a Milano. Pelle e cibo dunque rappresentano un binomio imprescindibile. La conferma arriva dal dottor Marco Pignatti della Clinica dermatologica universitaria di Modena e Reggio Emilia che ha dato indicazioni precise sui cibi da consumare e quelli da evitare per avere una pelle in salute.

«La nostra pelle è legata al nostro microbioma con due importantissime relazioni: il microbioma che la riveste con batteri, virus, funghi e il microbiota intestinale che partecipa alla digestione degli alimenti. Questo modula i nostri metabolismi e si ripercuote sulle infiammazioni croniche e della pelle» sottolinea Pignatti.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO DERMATOLOGIA, PER IL MELANOMA LA SPERANZA ARRIVA DALLA MICROSCOPIA LASER CONFOCALE

La ricerca dove vi sta indirizzando?

«Il concetto di base dice che è impossibile trascurare l’alimentazione e la dieta dei nostri pazienti perché la modulazione del microbiota deriva da ciò che noi mangiamo, come lo mangiamo e quando lo mangiamo. L’altra considerazione da fare riguarda la salute dei batteri. Infatti molti atti, anche medici, determinano l’uccisione dei batteri, mentre le terapie antibiotiche e gli antiacidi eliminano il PH dello stomaco determinando la traslocazione di batteri. Tutto ciò può influire sul microbiota di superficie o intestinale, pertanto dobbiamo modularlo con molta attenzione perché può dare effetti a lunga scadenza sulla salute».

Facciamo alcuni esempi di alimentazione sana: cosa dobbiamo bandire dalle nostre tavole e cosa invece riscoprire?

«È meglio staccarsi dall’alimentazione mordi e fuggi; occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato. Questi pochi accorgimenti aiutano a mantenere un microbiota in salute che significa di conseguenza pelle in salute».

Articoli correlati
«Freddo nemico della pelle, aumenta dermatiti e peggiora acne», i consigli della dermatologa
Nicoletta Bernardini, dermatologa e dirigente medico ospedaliero presso l’ASL di Latina, spiega l'impatto del freddo sulla nostra pelle ed elenca 6 trucchetti pratici per proteggerla
È la pelle la nuova sentinella di inquinamento ambientale
Mezzana (SIMA): «Analizzando la cute di un individuo sarà possibile identificare il grado di inquinamento del luogo in cui vive o ha vissuto. Nessun test invasivo, come la biopsia, ma sensori cutanei in grado di rilevare i parametri della pelle, in profondità e in tempo reale»
SLA: e se fosse “colpa” dei batteri intestinali?
Individuato, dai microbiologi del Gemelli, in un 69enne affetto da SLA un batterio Gram positivo anaerobio. Il ricercatore: «Il microbiota intestinale potrebbe essere coinvolto nella disfunzione dei linfociti T regolatori che, in pazienti con SLA, sarebbero una concausa di questa patologia multifattoriale. L’obiettivo futuro è cercare di rallentare la progressione della patologia agendo sulla modulazione del microbiota»
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Giornata mondiale dell’alimentazione, il paradosso: «Prendo l’ascensore, uso l’auto, ma mangio light»
Con Silvia Migliaccio, nutrizionista, un’analisi del paradosso del nostro secolo: «Ricerchiamo cibi senza grassi e senza zuccheri, ma siamo “sedentary behavior”, ovvero preferiamo le attività sedentarie a quelle motorie»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa