Salute 11 Luglio 2019

Pelle sana con microbiota sano: le infiammazioni si combattono anche a tavola

La disbiosi intestinale alla base dell’acne e delle dermatiti atopiche. Anche di questo si è discusso all’ultimo congresso mondiale di dermatologia a Milano. «Occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato». Questi i consigli di Marco Pignatti, Clinica dermatologica di Modena e Reggio Emilia

di Federica Bosco

Tra le possibili cause di acne e dermatiti atopiche ci sarebbe uno squilibrio microbico sulla superficie o all’interno del corpo, la cosiddetta disbiosi intestinale e cutanea. Una rivelazione importante avuta nel corso del 24° congresso mondiale di dermatologia che si è tenuto a Milano. Pelle e cibo dunque rappresentano un binomio imprescindibile. La conferma arriva dal dottor Marco Pignatti della Clinica dermatologica universitaria di Modena e Reggio Emilia che ha dato indicazioni precise sui cibi da consumare e quelli da evitare per avere una pelle in salute.

«La nostra pelle è legata al nostro microbioma con due importantissime relazioni: il microbioma che la riveste con batteri, virus, funghi e il microbiota intestinale che partecipa alla digestione degli alimenti. Questo modula i nostri metabolismi e si ripercuote sulle infiammazioni croniche e della pelle» sottolinea Pignatti.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO DERMATOLOGIA, PER IL MELANOMA LA SPERANZA ARRIVA DALLA MICROSCOPIA LASER CONFOCALE

La ricerca dove vi sta indirizzando?

«Il concetto di base dice che è impossibile trascurare l’alimentazione e la dieta dei nostri pazienti perché la modulazione del microbiota deriva da ciò che noi mangiamo, come lo mangiamo e quando lo mangiamo. L’altra considerazione da fare riguarda la salute dei batteri. Infatti molti atti, anche medici, determinano l’uccisione dei batteri, mentre le terapie antibiotiche e gli antiacidi eliminano il PH dello stomaco determinando la traslocazione di batteri. Tutto ciò può influire sul microbiota di superficie o intestinale, pertanto dobbiamo modularlo con molta attenzione perché può dare effetti a lunga scadenza sulla salute».

Facciamo alcuni esempi di alimentazione sana: cosa dobbiamo bandire dalle nostre tavole e cosa invece riscoprire?

«È meglio staccarsi dall’alimentazione mordi e fuggi; occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato. Questi pochi accorgimenti aiutano a mantenere un microbiota in salute che significa di conseguenza pelle in salute».

Articoli correlati
Alimentazione, tra microbiota e serotonina la felicità si costruisce a tavola
Il tour “ La buona salute. Intestino, alimentazione consapevole e biochimica della gioia” organizzato da Aboca con il dottor Pier Luigi Rossi e Patrizio Roversi analizza la relazione tra nutrizione e tono dell’umore
Pelle giovane senza il botox? Si può. Il dermatologo dei vip Di Pietro punta sulla rigenerazione cellulare
Antonino di Pietro, dermatologo dei vip spiega come combattere l'invecchiamento cutaneo: ««Dobbiamo fare di tutto per aiutare le cellule a rigenerarsi e quindi migliorare la qualità e quantità di collagene ed elastina che abbiamo nella nostra pelle. Per mantenere la pelle giovane la strada da seguire è la rigenerazione»
di Federica Bosco
Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»
Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa
Cancro del seno, la flora batterica del tessuto mammario potrebbe predisporre alla malattia. Lo studio del Gemelli
Grazie a uno studio condotto presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – Università Cattolica, in collaborazione con l’Università della Tuscia di Viterbo, si è scoperto che anche la composizione della flora batterica che si annida nel tessuto delle mammelle potrebbe avere un ruolo nel predisporre certe donne al cancro del seno. In futuro […]
Le alterazioni del microbiota in pazienti con cirrosi epatica: ecco lo studio Sapienza-Istituto Pasteur Italia
Il microbiota è una collezione di microrganismi residenti nei vari distretti del nostro corpo. Abbiamo, per esempio, il microbiota della pelle, il microbiota vaginale, quello degli occhi e delle vie respiratorie. Il microbiota intestinale, nello specifico, è un ecosistema composto da funghi, virus e batteri che si sono adattati a vivere sulla superficie dell’intestino, sviluppandosi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...