Salute 24 Giugno 2014

Patto per la Salute, stavolta si fa sul serio

Ma è chiusura posticipata per Lea e ticket. Lorenzin: “Lavoriamo per agevolare le famiglie a basso reddito”

Immagine articolo

Finalmente ci siamo: il Patto per la Salute sembra essere ormai ai blocchi di partenza ed un primo testo condiviso vedrà la luce nel corso della settimana. Sui Lea (Livelli Essenziali di Assistenza) e i ticket, però, si dovrà attendere ancora, e per affrontare le due questioni, sicuramente tra le più calde e attese all’interno del Patto, sono infatti stati avviati dei tavoli di lavoro paralleli.

In audizione alla Commissione Affari Sociali, il ministro Lorenzin non si sbilancia sulla revisione del sistema di compartecipazione della spesa. L’unica anticipazione è che la riorganizzazione dei ticket sarà improntata a garantire una maggiore equità sociale per tutelare le fasce di popolazione a basso reddito, anche in relazione al numero dei componenti familiari.

Dobbiamo cercare di aiutare le famiglie e al tempo stesso incentivare le forme di prevenzione

Infatti, come come sottolineato dal ministro stesso:“Stiamo lavorando con un comitato che procederà entro una data precisa – anche dopo l’approvazione del Patto – per una riorganizzazione dei ticket che tenga conto di due aspetti: il primo è l’invarianza di gettito, il secondo riguarda anche i carichi familiari e le nuove povertà. Dobbiamo cercare – continua Lorenzin – di aiutare le famiglie e al tempo stesso incentivare le forme di prevenzione, su cui oggi abbiamo qualche criticità dovuta ai problemi di reddito della popolazione”.

Tra gli altri temi che animeranno il Patto, saranno protagonisti la programmazione, le cure primarie, i controlli, ed un modello diverso di gestione, ricerca e prevenzione. Altro punto cardine dell’imminente Patto sarà l’implementazione della sanità telematica – E-health –  e della trasparenza, per far sì che i cittadini possano scegliere con maggior cognizione di causa le strutture in cui farsi curare. E proprio l’edilizia sanitaria è un altro punto su cui il documento inciderà. Infine, il Patto interverrà anche nei confronti dell’Age.Na.S., che verrà riformata con l’intento di raggiungere una maggiore sinergia tra le Regioni e il Ministero della Salute.

Sarà un Patto perfettamente inquadrato nella proposta di riforma del Titolo V della Costituzione, come emerge dall’obiettivo predisposto per i Lea: un livellamento verso l’alto grazie all’introduzione di standard appropriati cui dovranno uniformarsi tutte le regioni. Ma proprio sui Lea, a quanto pare, l’Italia dovrà pazientare ancora un po’.

Articoli correlati
Carni suine italiane: via libera per l’esportazione in Cina
Le autorità cinesi hanno, infatti, concesso, per la prima volta, l’abilitazione di una lista di stabilimenti italiani senza che questi fossero ispezionati direttamente e specificatamente da personale ufficiale cinese, salvo successive verifiche
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
Ricerca finalizzata 2018, approvata la graduatoria per il finanziamento dei programmi: oltre 6 milioni di euro ai vincitori
Il Comitato Tecnico Sanitario ha approvato nell’ambito del Bando per la ricerca finalizzata la graduatoria finale e l’attribuzione del finanziamento ministeriale ai programmi di rete collocatisi in posizione utile, per una somma complessiva di € 6.172.633 a cui si aggiunge il co-finanziamento delle Istituzioni finanziatrici. LEGGI IL BANDO DELLA RICERCA FINALIZZATA ANNO 2018 Studi altamente […]
Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»
La denuncia della segretaria nazionale Cisl Funzione Pubblica, Marianna Ferruzzi: «A tutt’oggi la disponibilità del Ministro Grillo la leggo solo sui giornali». Intanto il contratto della sanità privata è fermo da 12 anni
Maratona Patto per la Salute, Di Silverio (Anaao): «Serve formazione integrata con gli e-learning hospital»
«In tutta Europa il medico è considerato un medico, in Italia è considerato un super studente che ad oggi tappa di fatto i buchi dell’università quando occorre ma non ha la possibilità di imparare dal punto di vista soprattutto pratico ciò che deve imparare per conseguire il titolo di specialista», ha dichiarato il responsabile di Anaao Giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone