Salute 8 Luglio 2019

Patto per la Salute, il pessimismo di FNOMCeO: «Soluzioni conservatrici e medici non ascoltati»

I vertici della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri pongono l’accento su una serie di criticità. Il presidente Anelli: «Contrari al fatto che i giovani medici possano entrare nel SSN senza un’adeguata formazione e sbalorditi del giudizio sull’Accordo collettivo nazionale della medicina generale»

Immagine articolo

«Pensiamo che sia un Patto della Conservazione più che un Patto del Cambiamento». La stroncatura arriva dsl presidente FNOMCeO Filippo Anelli alla vigilia della maratona di incontri che porterà all’approvazione del Patto per la Salute, l’accordo programmatico e finanziario voluto dal Ministro della Salute, Giulia Grillo.

«Abbiamo dato una serie di suggerimenti al Ministro proprio per fare quel cambio di passo che ha più volte preannunciato», ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri a margine degli Stati Generali della professione medica, che si sono svolti a Roma. «Ci sembra questo Patto sia più conservatore. Rispecchia quelle che erano le linee che in questi anni si sono sviluppate. Crediamo invece che bisogna liberalizzare molto di più, coinvolgere di più i professionisti che sono completamente esclusi. Condividiamo l’ipotesi di modificare la governance del sistema, ma non nella visione che è espressa nel Patto, bensì nel dare maggiore responsabilità al medico».

LEGGI: TEST SPECIALIZZAZIONI, SPERANZE E PAURE DEI GIOVANI MEDICI: «MOLTI DI NOI ANDRANNO VIA DALL’ITALIA»

Nel merito delle proposte «siamo assolutamente contrari al fatto che i giovani medici possano entrare nel Servizio sanitario nazionale senza un’adeguata formazione – continua il presidente Anelli -. Siamo assolutamente sbalorditi sul giudizio dato sulla medicina generale che ritiene l’Accordo collettivo nazionale di ostacolo addirittura a quello che è l’erogazione dei livelli di assistenza territoriale. Queste ci sembrano delle criticità che abbiamo rilevato e che potrebbero essere cambiate e qui c’è tutta la nostra disponibilità a dare il supporto necessario al Ministero»

Duro anche il giudizio del segretario nazionale FNOMCeO, Roberto Monaco: «Abbiamo detto un secco no a questo Patto per la Salute che non vede la professione coinvolta. Penso che se la sanità deve andare avanti, non può andare avanti senza i medici. Non esiste sanità senza medici, non esiste un ospedale che può rimanere aperto senza medici, non esiste una tutela della salute senza il ruolo del medico. Noi ci aspettiamo che il Governo e il Ministro abbiano voglia di intraprendere questo percorso insieme alla professione, noi siamo pronti a farlo. Siamo consulenti gratuiti delle Istituzioni e vorremmo portare il nostro supporto e il nostro apporto ad un Patto che in questo momento si ha bisogno per la tutela davvero dei diritti che bisogna garantire al cittadino».

Articoli correlati
Sanità, Fp Cgil Medici: «Serve riforma Enpam e Ordini professionali»
«Non è più rinviabile una riforma complessiva della gestione dell’Enpam così come quella degli Ordini professionali». Ad affermarlo è Andrea Filippi, il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, alla luce di quanto emerso sulle retribuzioni del presidente dell’Ente di previdenza ed assistenza dei medici e degli odontoiatri, aggiungendo che: «Da anni chiediamo […]
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Campagna Nursing Up #NoViolenzasuglinfermieri: l’appello di Eva Grimaldi
All’indomani dell’ennesima aggressione a due infermiere all’ospedale Cardarelli di Napoli, prosegue la campagna di sensibilizzazione del sindacato Nursing Up contro le aggressioni agli operatori sanitari con l’adesione di Eva Grimaldi, dopo Simona Ventura e gli attori Giorgio Colangeli, Michela Giraud e Massimiliano Vado. Già impegnata nella lotta per i diritti umani, e in particolare di […]
Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»
La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...