Salute 8 Luglio 2019

Patto per la Salute, il pessimismo di FNOMCeO: «Soluzioni conservatrici e medici non ascoltati»

I vertici della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri pongono l’accento su una serie di criticità. Il presidente Anelli: «Contrari al fatto che i giovani medici possano entrare nel SSN senza un’adeguata formazione e sbalorditi del giudizio sull’Accordo collettivo nazionale della medicina generale»

Immagine articolo

«Pensiamo che sia un Patto della Conservazione più che un Patto del Cambiamento». La stroncatura arriva dsl presidente FNOMCeO Filippo Anelli alla vigilia della maratona di incontri che porterà all’approvazione del Patto per la Salute, l’accordo programmatico e finanziario voluto dal Ministro della Salute, Giulia Grillo.

«Abbiamo dato una serie di suggerimenti al Ministro proprio per fare quel cambio di passo che ha più volte preannunciato», ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri a margine degli Stati Generali della professione medica, che si sono svolti a Roma. «Ci sembra questo Patto sia più conservatore. Rispecchia quelle che erano le linee che in questi anni si sono sviluppate. Crediamo invece che bisogna liberalizzare molto di più, coinvolgere di più i professionisti che sono completamente esclusi. Condividiamo l’ipotesi di modificare la governance del sistema, ma non nella visione che è espressa nel Patto, bensì nel dare maggiore responsabilità al medico».

LEGGI: TEST SPECIALIZZAZIONI, SPERANZE E PAURE DEI GIOVANI MEDICI: «MOLTI DI NOI ANDRANNO VIA DALL’ITALIA»

Nel merito delle proposte «siamo assolutamente contrari al fatto che i giovani medici possano entrare nel Servizio sanitario nazionale senza un’adeguata formazione – continua il presidente Anelli -. Siamo assolutamente sbalorditi sul giudizio dato sulla medicina generale che ritiene l’Accordo collettivo nazionale di ostacolo addirittura a quello che è l’erogazione dei livelli di assistenza territoriale. Queste ci sembrano delle criticità che abbiamo rilevato e che potrebbero essere cambiate e qui c’è tutta la nostra disponibilità a dare il supporto necessario al Ministero»

Duro anche il giudizio del segretario nazionale FNOMCeO, Roberto Monaco: «Abbiamo detto un secco no a questo Patto per la Salute che non vede la professione coinvolta. Penso che se la sanità deve andare avanti, non può andare avanti senza i medici. Non esiste sanità senza medici, non esiste un ospedale che può rimanere aperto senza medici, non esiste una tutela della salute senza il ruolo del medico. Noi ci aspettiamo che il Governo e il Ministro abbiano voglia di intraprendere questo percorso insieme alla professione, noi siamo pronti a farlo. Siamo consulenti gratuiti delle Istituzioni e vorremmo portare il nostro supporto e il nostro apporto ad un Patto che in questo momento si ha bisogno per la tutela davvero dei diritti che bisogna garantire al cittadino».

Articoli correlati
Napoli, aggredita dottoressa al San Giovanni Bosco. Da Anelli a Scotti, il mondo medico chiede misure urgenti
Il chirurgo ha riportato un trauma facciale e la rottura del naso. Il Presidente della FNOMCeO: «Serve una legge che aumenti le pene e introduca la procedibilità d'ufficio, oltre a rendere le sedi più sicure»
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone