Salute 18 Ottobre 2018

Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»

Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.

di Isabella Faggiano

In Italia, il 10% degli ultra 65enni soffre di patologie delle valvole cardiache che tradotto in cifre significa che un milione di anziani devono fare i conti con queste patologie. In Europa, ne è vittima una persona su otto di età superiore ai 75 anni, ma solo il 2,10% degli europei over 60 anni ne è preoccupato. Ed è per sensibilizzare e informare la popolazione sui rischi, anche letali, di queste patologie che Cuore Italia (un’associazione che aderisce alla rete europea Heart Valve Voice), con il sostegno di Senior Italia FederAnziani, ha organizzato “Ascolta il mio cuore”.

La campagna di informazione è culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma, in collaborazione con il gruppo podistico “I-Marziani”. Più di 120 persone hanno indossato una t-shirt verde “targata” Cuore Italia e si sono messi in marcia per distribuire depliant informativi preparati per l’occasione.

«Invitiamo le persone con più di 65 anni ad andare dal proprio medico di famiglia e chiedergli di farsi ascoltare il cuore – ha detto Diego Freri, direttore esecutivo di Cuore Italia -. Dolore al petto, affanno, stanchezza o battito cardiaco irregolare non sono semplici segni dell’età che avanza, ma possono essere chiari sintomi di queste malattie».

Le patologie delle valvole cardiache sono malattie molto frequenti e poco conosciute: «Da uno studio inglese (la ricerca è stata realizzata da Opinion Matters, istituto di ricerca britannico, su 12.820 europei, rappresentativi della popolazione degli over 60enni, di cui 1.301 italiani, ndr) è emerso che una persona su due con più di 65 anni aveva un qualche disturbo di questo tipo – ha aggiunto Freri – ma non ne era a conoscenza. Da una nostra indagine di alcuni anni fa e ripetuta lo scorso anno, invece, è risultato che tra le persone con più di 60 anni la conoscenza di questa malattia è scarsissima: ne aveva sentito parlare meno del 5% degli intervistati».

I ricercatori britannici hanno passato al setaccio anche le abitudini dei camici bianchi: in Europa i medici di famiglia che auscultano il cuore ai loro pazienti anziani ad ogni visita sono il 27,7%, quelli che lo fanno raramente il 37,20% e quelli che non lo fanno mai il 13,40%; in Italia i dati, rispettivamente, sono del 17%, del 43,9% e del 15,80%.

«La cosa peggiore – ha aggiunto il direttore esecutivo di Cuore Italia – è che i sintomi e le conseguenze di queste patologie sono generalmente poco temuti dai pazienti. Ci si preoccupa dei tumori, di malattie come il Parkinson o l’Alzheimer, ma non delle patologie delle valvole cardiache. Ed è un grosso errore: un stenosi aortica severa ha una mortalità, entro i due anni, molto alta, se non adeguatamente trattata. Le possibilità di cura ci sono, ma per assicurarsi una buona qualità di vita – ha concluso Freri –  occorre intervenire in tempo».

 

Articoli correlati
Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»
L’associazione che segue le persone affette da leucemie, linfomi e mieloma dal 1949 traccia un bilancio del suo operato: «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia, ora le cose sono cambiate. Tra i nostri cavalli di battaglia lo sviluppo delle cure domiciliari»
Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»
Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Copenaghen vuole raggiungere la migliore qualità di vita al mondo e offrire maggiore salute a tutti i cittadini
Katrine Schjonning, Health Manager della capitale danese, spiega a Sanità Informazione in che modo prevenzione e formazione consentono di ottenere l’ambizioso risultato
Osteoporosi, nel mondo causa una frattura ogni 3 secondi. In Italia ne soffrono 4,5 milioni di persone
Fabio Vescini (endocrinolgo): «Non tutte le persone con una bassa massa ossea devono essere trattate con i farmaci. Terapie solo per i pazienti con un elevato rischio di frattura»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone