Salute 18 Ottobre 2018

Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»

Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.

di Isabella Faggiano

In Italia, il 10% degli ultra 65enni soffre di patologie delle valvole cardiache che tradotto in cifre significa che un milione di anziani devono fare i conti con queste patologie. In Europa, ne è vittima una persona su otto di età superiore ai 75 anni, ma solo il 2,10% degli europei over 60 anni ne è preoccupato. Ed è per sensibilizzare e informare la popolazione sui rischi, anche letali, di queste patologie che Cuore Italia (un’associazione che aderisce alla rete europea Heart Valve Voice), con il sostegno di Senior Italia FederAnziani, ha organizzato “Ascolta il mio cuore”.

La campagna di informazione è culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma, in collaborazione con il gruppo podistico “I-Marziani”. Più di 120 persone hanno indossato una t-shirt verde “targata” Cuore Italia e si sono messi in marcia per distribuire depliant informativi preparati per l’occasione.

«Invitiamo le persone con più di 65 anni ad andare dal proprio medico di famiglia e chiedergli di farsi ascoltare il cuore – ha detto Diego Freri, direttore esecutivo di Cuore Italia -. Dolore al petto, affanno, stanchezza o battito cardiaco irregolare non sono semplici segni dell’età che avanza, ma possono essere chiari sintomi di queste malattie».

Le patologie delle valvole cardiache sono malattie molto frequenti e poco conosciute: «Da uno studio inglese (la ricerca è stata realizzata da Opinion Matters, istituto di ricerca britannico, su 12.820 europei, rappresentativi della popolazione degli over 60enni, di cui 1.301 italiani, ndr) è emerso che una persona su due con più di 65 anni aveva un qualche disturbo di questo tipo – ha aggiunto Freri – ma non ne era a conoscenza. Da una nostra indagine di alcuni anni fa e ripetuta lo scorso anno, invece, è risultato che tra le persone con più di 60 anni la conoscenza di questa malattia è scarsissima: ne aveva sentito parlare meno del 5% degli intervistati».

I ricercatori britannici hanno passato al setaccio anche le abitudini dei camici bianchi: in Europa i medici di famiglia che auscultano il cuore ai loro pazienti anziani ad ogni visita sono il 27,7%, quelli che lo fanno raramente il 37,20% e quelli che non lo fanno mai il 13,40%; in Italia i dati, rispettivamente, sono del 17%, del 43,9% e del 15,80%.

«La cosa peggiore – ha aggiunto il direttore esecutivo di Cuore Italia – è che i sintomi e le conseguenze di queste patologie sono generalmente poco temuti dai pazienti. Ci si preoccupa dei tumori, di malattie come il Parkinson o l’Alzheimer, ma non delle patologie delle valvole cardiache. Ed è un grosso errore: un stenosi aortica severa ha una mortalità, entro i due anni, molto alta, se non adeguatamente trattata. Le possibilità di cura ci sono, ma per assicurarsi una buona qualità di vita – ha concluso Freri –  occorre intervenire in tempo».

 

Articoli correlati
Covid e Cuore, Valente: «Pazienti cardiopatici tra i più colpiti da Covid-19. Ma non è l’unico motivo per tenersi aggiornati»
Serafina Valente, Segretario Generale dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri e tra i coordinatori del portale: «Molti pazienti con sindrome coronarica acuta arrivano tardi nella rete tempo-dipendente a causa della paura del contagio»
Un macchinario mantiene il cuore battente per 6 ore: trapianto salvavita per un 45enne al Niguarda
L'attività di trapianto prosegue nonostante le difficoltà nell'ospedale milanese. Il direttore del reparto di cardiochirurgia Russo: «Non è stato facile»
I cardiologi: «Ora ripristino di reparti e ambulatori di Cardiologia, riorganizzazione delle reti cardiologiche e telemedicina»
Il contributo di Ciro Indolfi, Presidente Sic (Società italiana cardiologia)
di Ciro Indolfi, Presidente Sic
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco