Salute 18 Ottobre 2018

Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»

Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.

di Isabella Faggiano

In Italia, il 10% degli ultra 65enni soffre di patologie delle valvole cardiache che tradotto in cifre significa che un milione di anziani devono fare i conti con queste patologie. In Europa, ne è vittima una persona su otto di età superiore ai 75 anni, ma solo il 2,10% degli europei over 60 anni ne è preoccupato. Ed è per sensibilizzare e informare la popolazione sui rischi, anche letali, di queste patologie che Cuore Italia (un’associazione che aderisce alla rete europea Heart Valve Voice), con il sostegno di Senior Italia FederAnziani, ha organizzato “Ascolta il mio cuore”.

La campagna di informazione è culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma, in collaborazione con il gruppo podistico “I-Marziani”. Più di 120 persone hanno indossato una t-shirt verde “targata” Cuore Italia e si sono messi in marcia per distribuire depliant informativi preparati per l’occasione.

«Invitiamo le persone con più di 65 anni ad andare dal proprio medico di famiglia e chiedergli di farsi ascoltare il cuore – ha detto Diego Freri, direttore esecutivo di Cuore Italia -. Dolore al petto, affanno, stanchezza o battito cardiaco irregolare non sono semplici segni dell’età che avanza, ma possono essere chiari sintomi di queste malattie».

Le patologie delle valvole cardiache sono malattie molto frequenti e poco conosciute: «Da uno studio inglese (la ricerca è stata realizzata da Opinion Matters, istituto di ricerca britannico, su 12.820 europei, rappresentativi della popolazione degli over 60enni, di cui 1.301 italiani, ndr) è emerso che una persona su due con più di 65 anni aveva un qualche disturbo di questo tipo – ha aggiunto Freri – ma non ne era a conoscenza. Da una nostra indagine di alcuni anni fa e ripetuta lo scorso anno, invece, è risultato che tra le persone con più di 60 anni la conoscenza di questa malattia è scarsissima: ne aveva sentito parlare meno del 5% degli intervistati».

I ricercatori britannici hanno passato al setaccio anche le abitudini dei camici bianchi: in Europa i medici di famiglia che auscultano il cuore ai loro pazienti anziani ad ogni visita sono il 27,7%, quelli che lo fanno raramente il 37,20% e quelli che non lo fanno mai il 13,40%; in Italia i dati, rispettivamente, sono del 17%, del 43,9% e del 15,80%.

«La cosa peggiore – ha aggiunto il direttore esecutivo di Cuore Italia – è che i sintomi e le conseguenze di queste patologie sono generalmente poco temuti dai pazienti. Ci si preoccupa dei tumori, di malattie come il Parkinson o l’Alzheimer, ma non delle patologie delle valvole cardiache. Ed è un grosso errore: un stenosi aortica severa ha una mortalità, entro i due anni, molto alta, se non adeguatamente trattata. Le possibilità di cura ci sono, ma per assicurarsi una buona qualità di vita – ha concluso Freri –  occorre intervenire in tempo».

 

Articoli correlati
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
Roma, salute lungo il Tevere con i medici del Fatebenefratelli
Parte il progetto dell’ospedale Fatebenefratelli  per sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione. A partire dal 5 al 22 luglio, dalle 19.30, i medici dell’ospedale saranno sulla banchina del Tevere, con uno stand sotto l’Isola Tiberina, per rispondere alle domande dei cittadini, parlare di cura e stili di vita. Ecco il calendario: 5-6 con i […]
Rifiuti, D’Amato (Regione Lazio): «Da Asl verifica e monitoraggio per tutelare diritto alla salute cittadini»
«Nell’ordinanza presentata oggi e già notificata alle Aziende sanitarie locali per assicurare il ripristino della raccolta dei rifiuti urbani della Capitale, i Dipartimenti di igiene e sanità pubblica delle Asl Roma 1, 2 e 3 avranno il compito di attivare protocolli di verifica e monitoraggio per tutelare il diritto alla salute pubblica. Verrà inoltre inviata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...