Salute 3 Gennaio 2020

Papa Francesco a operatori sanitari: «No all’eutanasia». Mina Welby: «Interruzione terapie già prevista dalla Chiesa»

L’appello di Papa Francesco nel messaggio per la 28° Giornata Mondiale del Malato che si celebrerà il prossimo 11 febbraio. Critica l’Associazione Luca Coscioni: «Il medico ha il dovere di intervenire, secondo la volontà manifestata dal malato, per sedarlo e consentire una morte non dolorosa»

Immagine articolo

«Cari operatori sanitari, ogni intervento diagnostico, preventivo, terapeutico, di ricerca, cura e riabilitazione è rivolto alla persona malata, dove il sostantivo “persona”, viene sempre prima dell’aggettivo “malata”. Pertanto, il vostro agire sia costantemente proteso alla dignità e alla vita della persona, senza alcun cedimento ad atti di natura eutanasica, di suicidio assistito o soppressione della vita, nemmeno quando lo stato della malattia è irreversibile». A dirlo è Papa Francesco nel suo discorso agli operatori della sanità in occasione della 28° Giornata Mondiale del Malato che si celebrerà il prossimo 11 febbraio.

«Nell’esperienza del limite e del possibile fallimento anche della scienza medica di fronte a casi clinici sempre più problematici e a diagnosi infauste – avverte il pontefice – siete chiamati ad aprirvi alla dimensione trascendente, che può offrirvi il senso pieno della vostra professione. Ricordiamo che la vita è sacra e appartiene a Dio, pertanto è inviolabile e indisponibile. La vita va accolta, tutelata, rispettata e servita dal suo nascere al suo morire: lo richiedono contemporaneamente sia la ragione sia la fede in Dio autore della vita».

«In certi casi – osserva Papa Bergoglio – l’obiezione di coscienza è per voi la scelta necessaria per rimanere coerenti a questo “sì” alla vita e alla persona. In ogni caso, la vostra professionalità, animata dalla carità cristiana, sarà il migliore servizio al vero diritto umano, quello alla vita. Quando non potrete guarire, potrete sempre curare con gesti e procedure che diano ristoro e sollievo al malato».

LEGGI: PAPA FRANCESCO INCONTRA FNOMCEO: «NON PERDERE DI VISTA DIGNITÀ E FRAGILITÀ DEL MALATO». E LANCIA APPELLO CONTRO EUTANASIA

«Purtroppo – aggiunge poi – in alcuni contesti di guerra e di conflitto violento sono presi di mira il personale sanitario e le strutture che si occupano dell’accoglienza e assistenza dei malati. In alcune zone anche il potere politico pretende di manipolare l’assistenza medica a proprio favore, limitando la giusta autonomia della professione sanitaria. In realtà, attaccare coloro che sono dedicati al servizio delle membra sofferenti del corpo sociale non giova a nessuno».

LA REAZIONE DI MINA WELBY

«La professionalità medica prevede l’attenzione anche al malato in condizioni non più gestibili dal punto di vista della guarigione e del sollievo dalla sofferenza: in questa fase, è compreso anche il suicidio assistito che io preferisco chiamare morte volontaria assistita, richiesta dal malato terminale e rispetto alla quale il medico ha il dovere di agire». È quanto sottolinea Mina Welby copresidente dell’Associazione Luca Coscioni, commentando all’AdnKronos il messaggio di Papa Francesco.

«Esistono diversi metodi, non solo la prescrizione o la somministrazione di un medicinale che provoca la morte – ricorda Mina Welby – ma c’è anche l’interruzione di terapie che la stessa Chiesa appoggia e prevede, lì dove il malato può rifiutare trattamenti sanitari non più utili per il suo benessere e cura o per superare le sofferenze non più arginabili, ovvero il cosiddetto accanimento terapeutico: il malato può chiedere di interrompere questi trattamenti e i medici possono e devono farlo, come è stato il caso di mio marito Piergiorgio Welby. È il malato che deve chiederlo, non è il medico che deve decidere o che può rifiutarsi di agire: non si provoca la morte, ma si accetta di non poterla impedire».

Mina Welby ricorda che «quando non esistevano la nutrizione o la respirazione artificiale, il malato doveva morire per la sua malattia, per le sue condizioni fisiche; è stato aiutato dalla scienza e dalla tecnologia a ‘riprendere’ la sua vita con la resilienza rimasta nella persona malata: ma il malato ha tutto il diritto di interrompere queste terapie, compresa l’alimentazione e l’idratazione artificiale; e il medico ha il dovere di intervenire in tal senso, secondo la volontà manifestata dal malato, per sedarlo e consentire una morte non dolorosa».

In altri casi, «come in quello di DjFabo, una morte lenta sarebbe stata dolorosa, anche per i suoi familiari; dunque, era necessario procedere come è stato fatto. Anzi, sarebbe stato molto meglio per lui non avere fra le mani il pulsante con il quale ha liberato la sostanza che poi è entrata nelle sue vene, ma che questa fosse stata somministrata da un medico, come prevede il ricorso all’eutanasia».

Per questo motivo, spiega Mina Welby criticando questo passaggio del messaggio di Papa Francesco, «sono favorevole a una legge che regolamenti sia l’eutanasia che il suicidio assistito o ancora meglio la morte volontaria assistita, senza per questo prevedere una libertà assoluta del malato ma valutando le diverse situazioni, senza dare spazio a chi anche in Italia, ne sono convinta, agisce fuorilegge per soldi, come avveniva per le interruzioni di gravidanza prima della legge sull’aborto».

Articoli correlati
«È stata una battaglia per la libertà di tutti. Mi è mancato il sostegno di medici e infermieri». Parla la compagna di Dj Fabo
Applausi e standing ovation alla Sapienza per Valeria Imbrogno, la compagna di Fabiano Antoniani, il ragazzo tetraplegico e cieco che nel 2017 decise di togliersi la vita in Svizzera: «Bisogna essere liberi di poter scegliere in qualsiasi momento della propria vita». Dopo l’intervento della Consulta chiede che «il legislatore si dia una mossa» sul fine vita
Suicidio assistito, eutanasia, DAT: cosa cambia nella responsabilità per il medico?
La Sentenza della Corte Costituzionale sul fine vita pone nuovi interrogativi ai medici in ambito di responsabilità professionale. Alcuni chiarimenti con il contributo del Prof. Pasquale Macrì della Prof. Paola Frati, a margine del convegno dell’Università La Sapienza.
Suicidio assistito, perché no/ Garavaglia (Com. Bioetica): «Consulta è entrata in campo ‘etico’, così rende inutile Servizio sanitario»
L’ex ministro della Salute, membro del Comitato dio Bioetica, contesta la decisione della Corte Costituzionale sul fine vita: «La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini»
Eutanasia, 4mila medici cattolici pronti all’obiezione di coscienza. Attesa per la decisione della Consulta
«Il codice deontologico e la prassi medica - ricorda il vicepresidente Amci Giuseppe Battimelli - non prevedono di favorire in qualsiasi caso la richiesta di morte del paziente». Prevista per oggi pomeriggio la decisione dei giudici della Consulta sulla punibilità dell'aiuto al suicidio
Papa Francesco incontra FNOMCeO: «Non perdere di vista dignità e fragilità del malato». E lancia appello contro eutanasia
Delegazione della Federazione dei Medici e Odontoiatri ricevuta dal Pontefice. Sul fine vita cita la Nuova Carta per gli Operatori Sanitari e chiede di «respingere la tentazione di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano