Salute 21 Marzo 2019 09:00

Osteoporosi, nel mondo causa una frattura ogni 3 secondi. In Italia ne soffrono 4,5 milioni di persone

Fabio Vescini (endocrinolgo): «Non tutte le persone con una bassa massa ossea devono essere trattate con i farmaci. Terapie solo per i pazienti con un elevato rischio di frattura»

di Isabella Faggiano

Ogni 3 secondi, nel mondo, un uomo o una donna si fratturano il femore, il polso o una vertebra a causa di un’unica patologia: l’osteoporosi. È una malattia metabolica dello scheletro che colpisce un’ampia fetta della popolazione italiana: «Si calcola – spiega Fabio Vescini, endocrinologo dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine – che in Italia ci siano circa 4,5 milioni persone malate di osteoporosi». In percentuale sono le donne ad essere più colpite degli uomini: 3,5 milioni contro un milione.

«La patologia – continua l’endocrinologo – è riconoscibile attraverso analisi strumentali come la densitometria ossea, che permette di valutare la densità minerale ossea ed esprimerla con un numero». Questo tipo di esame diagnostico utilizza una piccolissima dose di raggi X per stabilire quanti grammi di calcio e altri minerali sono presenti nel segmento osseo esaminato.

LEGGI ANCHE: OSTEOPOROSI, COS’È E COME PREVENIRLA

«Avere una bassa massa ossea non rappresenta un immediato fattore di rischio per la frattura perché – specifica Vescini – la malattia si conclama quando avvengono le fratture per un trauma minimo. Proprio per questo motivo, è di fondamentale importanza capire che non tutte le persone con una bassa massa ossea devono tassativamente essere trattate con i farmaci per l’osteoporosi. Le terapie farmacologiche devono essere prescritte solo a quei pazienti che presentano un elevato rischio di frattura». Rischio che oggi può essere stimato incrociando una serie di specifici dati.

«Esistono degli algoritmi creati proprio a questo scopo – commenta lo specialista -. Un calcolo che associa la densità minerale ossea alla valutazione dei fattori di rischio di frattura individuali, come la genetica, il fumo, l’alcol. Dal risultato si otterrà una percentuale di rischio di frattura a 10 anni, che permetterà di classificare i pazienti in tre diverse categorie: coloro che necessitano di un trattamento immediato, quelli che possono procrastinare l’inizio di una terapia limitandosi solo a misure igienico-sanitarie e di alimentazione, e i pazienti che dovranno sottoporsi ad un controllo negli anni futuri».

Diagnosticare precocemente un elevato rischio di frattura significa poter evitare la frattura stessa: «Esistono terapie con un’elevatissima efficacia antifratturativa. La parte del leone, tra i farmaci – prosegue Vescini – la fanno ancora i cosiddetti bifosfonati, da somministrare per via orale o iniettiva. Negli ultimi 5-6 anni è stato commercializzato un anticorpo monoclonale molto valido. Da oltre 15 anni, invece, esiste anche un anabolizzante osseo, un farmaco particolare indicato per le fasce di popolazione ad elevato rischio di frattura. Ma il futuro – conclude l’endocrinologo – ci riserverà sicuramente nuovi farmaci che permetteranno di ampliare ulteriormente i trattamenti e migliorare i risultati».

Articoli correlati
Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere
Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
Denti storti e bullismo: c’è una relazione?
L’Oral Health-related Quality of Life, Maccagnola (FACExp): «È una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé»
Elezioni, Ricciardi (Azione): «Rivedere rapporto con le regioni sulla sanità»
Il responsabile sanità di Azione, Walter Ricciardi, chiede nuovi contratti di lavoro e programmi straordinari di assunzione: «Gli operatori sanitari sono l’unica categoria che ha perso potere d’acquisto in maniera così massiccia dal 2004»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi