Salute 21 Marzo 2019 09:00

Osteoporosi, nel mondo causa una frattura ogni 3 secondi. In Italia ne soffrono 4,5 milioni di persone

Fabio Vescini (endocrinolgo): «Non tutte le persone con una bassa massa ossea devono essere trattate con i farmaci. Terapie solo per i pazienti con un elevato rischio di frattura»

di Isabella Faggiano

Ogni 3 secondi, nel mondo, un uomo o una donna si fratturano il femore, il polso o una vertebra a causa di un’unica patologia: l’osteoporosi. È una malattia metabolica dello scheletro che colpisce un’ampia fetta della popolazione italiana: «Si calcola – spiega Fabio Vescini, endocrinologo dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine – che in Italia ci siano circa 4,5 milioni persone malate di osteoporosi». In percentuale sono le donne ad essere più colpite degli uomini: 3,5 milioni contro un milione.

«La patologia – continua l’endocrinologo – è riconoscibile attraverso analisi strumentali come la densitometria ossea, che permette di valutare la densità minerale ossea ed esprimerla con un numero». Questo tipo di esame diagnostico utilizza una piccolissima dose di raggi X per stabilire quanti grammi di calcio e altri minerali sono presenti nel segmento osseo esaminato.

LEGGI ANCHE: OSTEOPOROSI, COS’È E COME PREVENIRLA

«Avere una bassa massa ossea non rappresenta un immediato fattore di rischio per la frattura perché – specifica Vescini – la malattia si conclama quando avvengono le fratture per un trauma minimo. Proprio per questo motivo, è di fondamentale importanza capire che non tutte le persone con una bassa massa ossea devono tassativamente essere trattate con i farmaci per l’osteoporosi. Le terapie farmacologiche devono essere prescritte solo a quei pazienti che presentano un elevato rischio di frattura». Rischio che oggi può essere stimato incrociando una serie di specifici dati.

«Esistono degli algoritmi creati proprio a questo scopo – commenta lo specialista -. Un calcolo che associa la densità minerale ossea alla valutazione dei fattori di rischio di frattura individuali, come la genetica, il fumo, l’alcol. Dal risultato si otterrà una percentuale di rischio di frattura a 10 anni, che permetterà di classificare i pazienti in tre diverse categorie: coloro che necessitano di un trattamento immediato, quelli che possono procrastinare l’inizio di una terapia limitandosi solo a misure igienico-sanitarie e di alimentazione, e i pazienti che dovranno sottoporsi ad un controllo negli anni futuri».

Diagnosticare precocemente un elevato rischio di frattura significa poter evitare la frattura stessa: «Esistono terapie con un’elevatissima efficacia antifratturativa. La parte del leone, tra i farmaci – prosegue Vescini – la fanno ancora i cosiddetti bifosfonati, da somministrare per via orale o iniettiva. Negli ultimi 5-6 anni è stato commercializzato un anticorpo monoclonale molto valido. Da oltre 15 anni, invece, esiste anche un anabolizzante osseo, un farmaco particolare indicato per le fasce di popolazione ad elevato rischio di frattura. Ma il futuro – conclude l’endocrinologo – ci riserverà sicuramente nuovi farmaci che permetteranno di ampliare ulteriormente i trattamenti e migliorare i risultati».

Articoli correlati
Recovery Plan, per la sanità 20 miliardi. Come verranno utilizzati
Cosa prevede il capitolo "Salute" del Recovery Plan approvato ieri dal Consiglio dei Ministri
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Torna Dottor Libro. Andrea Vianello racconta la sua rinascita dopo l’ictus
Il 3 dicembre all’Ospedale Israelitico all’Isola Tiberina il primo appuntamento dopo lo stop imposto dalla pandemia. Nell’opera del giornalista Rai il racconto della battaglia contro la malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...