Salute 21 Marzo 2019 09:00

Osteoporosi, nel mondo causa una frattura ogni 3 secondi. In Italia ne soffrono 4,5 milioni di persone

Fabio Vescini (endocrinolgo): «Non tutte le persone con una bassa massa ossea devono essere trattate con i farmaci. Terapie solo per i pazienti con un elevato rischio di frattura»

di Isabella Faggiano

Ogni 3 secondi, nel mondo, un uomo o una donna si fratturano il femore, il polso o una vertebra a causa di un’unica patologia: l’osteoporosi. È una malattia metabolica dello scheletro che colpisce un’ampia fetta della popolazione italiana: «Si calcola – spiega Fabio Vescini, endocrinologo dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine – che in Italia ci siano circa 4,5 milioni persone malate di osteoporosi». In percentuale sono le donne ad essere più colpite degli uomini: 3,5 milioni contro un milione.

«La patologia – continua l’endocrinologo – è riconoscibile attraverso analisi strumentali come la densitometria ossea, che permette di valutare la densità minerale ossea ed esprimerla con un numero». Questo tipo di esame diagnostico utilizza una piccolissima dose di raggi X per stabilire quanti grammi di calcio e altri minerali sono presenti nel segmento osseo esaminato.

LEGGI ANCHE: OSTEOPOROSI, COS’È E COME PREVENIRLA

«Avere una bassa massa ossea non rappresenta un immediato fattore di rischio per la frattura perché – specifica Vescini – la malattia si conclama quando avvengono le fratture per un trauma minimo. Proprio per questo motivo, è di fondamentale importanza capire che non tutte le persone con una bassa massa ossea devono tassativamente essere trattate con i farmaci per l’osteoporosi. Le terapie farmacologiche devono essere prescritte solo a quei pazienti che presentano un elevato rischio di frattura». Rischio che oggi può essere stimato incrociando una serie di specifici dati.

«Esistono degli algoritmi creati proprio a questo scopo – commenta lo specialista -. Un calcolo che associa la densità minerale ossea alla valutazione dei fattori di rischio di frattura individuali, come la genetica, il fumo, l’alcol. Dal risultato si otterrà una percentuale di rischio di frattura a 10 anni, che permetterà di classificare i pazienti in tre diverse categorie: coloro che necessitano di un trattamento immediato, quelli che possono procrastinare l’inizio di una terapia limitandosi solo a misure igienico-sanitarie e di alimentazione, e i pazienti che dovranno sottoporsi ad un controllo negli anni futuri».

Diagnosticare precocemente un elevato rischio di frattura significa poter evitare la frattura stessa: «Esistono terapie con un’elevatissima efficacia antifratturativa. La parte del leone, tra i farmaci – prosegue Vescini – la fanno ancora i cosiddetti bifosfonati, da somministrare per via orale o iniettiva. Negli ultimi 5-6 anni è stato commercializzato un anticorpo monoclonale molto valido. Da oltre 15 anni, invece, esiste anche un anabolizzante osseo, un farmaco particolare indicato per le fasce di popolazione ad elevato rischio di frattura. Ma il futuro – conclude l’endocrinologo – ci riserverà sicuramente nuovi farmaci che permetteranno di ampliare ulteriormente i trattamenti e migliorare i risultati».

Articoli correlati
Gonfi e stanchi, dieta detox contro la “sindrome post-abbuffate”
Da Serena Missori endocrinologa, nutrizionista e docente della serie Ecm “Gusto è Salute” di Consulcesi consigli utili per rimettersi in carreggiata dopo gli eccessi natalizi
«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano
La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre