Salute 27 Febbraio 2019

Osteopatia e logopedia per i prematuri, al Macedonio Melloni primo progetto in Italia. Silvia Di Chio: «Così aiutiamo i piccoli a tornare a casa prima»

Il progetto permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi. La vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale: «Verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia»

di Federica Bosco

Con il progetto “Valutazione della deglutizione nei neonati prematuri” la terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni di Milano sarà la prima a fornire un servizio di logopedia della deglutizione e di osteopatia per i nati prematuri.

Un progetto innovativo già presente negli Stati Uniti e che vedrà la luce a fine febbraio per permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi.

«La nutrizione autonoma – spiega la dottoressa Silvia Di Chio, vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale del Macedonio Melloni – rappresenta uno dei principali problemi dei prematuri costretti a rimanere per lunghi periodi nel reparto, fino alla completa autonomia alimentare dal sondino. Con questo programma, portato nella nostra struttura dalla dottoressa Denise Pighetti, logopedista deglutologa in tirocinio volontario presso la terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni dal dicembre 2017, verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia. Per poter arrivare all’obiettivo, il progetto prevede la piena collaborazione tra logopedista deglutologa ed osteopata che avrà il compito, attraverso piccoli massaggi, di stimolare lo sviluppo degli organi dei prematuri».

Per il reparto di terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni, che conta 10 medici e 34 infermiere professionali, la figura dell’osteopata, come della logopedista deglutologa, rappresenta una soluzione innovativa, oltre che una eccellenza ed una peculiarità rispetto alle altre terapie intensive neonatali. «Con dei piccoli tocchi e lievi massaggi – racconta Fabrizio Picciolo, osteopata in servizio dal mese di ottobre presso l’istituto Melloni – intervengo su piccole patologie: dal capo reclinato, al piede valgo, fino al diaframma per trattare insufficienze respiratorie». Se la figura dell’osteopata non è secondaria anche nel ruolo delle mamme, dapprima per la preparazione al parto e poi per la stimolazione della montata lattea, sicuramente l’eccellenza della terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni passa attraverso il lavoro quotidiano e capillare di medici ed infermieri, professionisti veri punti di forza del reparto. «Esiste una bella miscela tra giovani ed anziani – conclude Di Chio – un mix di esperienza ed innovazione che viene costruito in un percorso di formazione interno con il raggiungimento di obiettivi».

LEGGI ANCHE: TUTTI GLI SCREENING PER I NEONATI

 

Articoli correlati
A Milano il primo ospedale ‘rosa’ d’Italia, il Macedonio Melloni: dallo sviluppo puberale alla menopausa, tanti servizi per la salute della donna
La struttura nasce con il supporto di Fondazione Onda, da sempre attenta al tema della medicina di genere. Gallera (Assessore al Welfare Lombardia): «Le donne hanno reazioni diverse ai farmaci, hanno problematiche differenti da quelle degli uomini e se vogliamo curarle ed accompagnarle nel loro percorso di vita in maniera ottimale, dobbiamo mettere in campo misure diverse»
di Federica Bosco
World Prematurity Day, il gotha della Neonatologia a Napoli. Raimondi (Federico II): «Formazione decisiva»
Più di 400 esperti provenienti da 45 Paesi per confrontarsi su innovazione e tecnologia nella presa in carico dei neonati prematuri
Logopedia: il potere terapeutico del gioco. Francesca Mollo: «Attraverso il modeling linguistico correggiamo la produzione dei suoni»
La referente della Federazione Logopedisti Italiani per il progetto europeo “Cost Action” sui Disturbi Primari del Linguaggio racconta come fa ‘lavorare’ i bambini: «La tipologia di gioco è selezionata in base all’età del paziente e al suo specifico disturbo di linguaggio. Serve ad aumentare la produzione linguistica in un contesto divertente, ma significativo»
di Isabella Faggiano
Logopedisti: tre abusivi per ogni professionista qualificato. Rossetto (Fli): «L’albo è garanzia per i cittadini: i comportamenti scorretti saranno sanzionati»
La presidente della Federazione Logopedisti Italiani: «Puntiamo ad un percorso di laurea quinquennale, con una preparazione maggiore in ambito clinico». Attivati i nuovi master, uno per ogni area di intervento: dall’età evolutiva, all’area della neurologia, fino alla geriatria ed al campo della chirurgia otorina
di Isabella Faggiano
Osteopatia, Paola Sciomachen (ROI): «Avviato confronto con Ministero per l’individuazione del profilo professionale dell’osteopata»
«È un passaggio fondamentale per istituire la professione», afferma la presidente del Registro Osteopati d’Italia che aggiunge: «Abbiamo realizzato la prima proposta di core competence dell’osteopatia in Italia, in cui sono classificate le competenze esclusive e caratterizzanti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...