Salute 27 Febbraio 2019 11:00

Osteopatia e logopedia per i prematuri, al Macedonio Melloni primo progetto in Italia. Silvia Di Chio: «Così aiutiamo i piccoli a tornare a casa prima»

Il progetto permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi. La vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale: «Verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia»

di Federica Bosco

Con il progetto “Valutazione della deglutizione nei neonati prematuri” la terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni di Milano sarà la prima a fornire un servizio di logopedia della deglutizione e di osteopatia per i nati prematuri.

Un progetto innovativo già presente negli Stati Uniti e che vedrà la luce a fine febbraio per permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi.

«La nutrizione autonoma – spiega la dottoressa Silvia Di Chio, vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale del Macedonio Melloni – rappresenta uno dei principali problemi dei prematuri costretti a rimanere per lunghi periodi nel reparto, fino alla completa autonomia alimentare dal sondino. Con questo programma, portato nella nostra struttura dalla dottoressa Denise Pighetti, logopedista deglutologa in tirocinio volontario presso la terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni dal dicembre 2017, verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia. Per poter arrivare all’obiettivo, il progetto prevede la piena collaborazione tra logopedista deglutologa ed osteopata che avrà il compito, attraverso piccoli massaggi, di stimolare lo sviluppo degli organi dei prematuri».

Per il reparto di terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni, che conta 10 medici e 34 infermiere professionali, la figura dell’osteopata, come della logopedista deglutologa, rappresenta una soluzione innovativa, oltre che una eccellenza ed una peculiarità rispetto alle altre terapie intensive neonatali. «Con dei piccoli tocchi e lievi massaggi – racconta Fabrizio Picciolo, osteopata in servizio dal mese di ottobre presso l’istituto Melloni – intervengo su piccole patologie: dal capo reclinato, al piede valgo, fino al diaframma per trattare insufficienze respiratorie». Se la figura dell’osteopata non è secondaria anche nel ruolo delle mamme, dapprima per la preparazione al parto e poi per la stimolazione della montata lattea, sicuramente l’eccellenza della terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni passa attraverso il lavoro quotidiano e capillare di medici ed infermieri, professionisti veri punti di forza del reparto. «Esiste una bella miscela tra giovani ed anziani – conclude Di Chio – un mix di esperienza ed innovazione che viene costruito in un percorso di formazione interno con il raggiungimento di obiettivi».

LEGGI ANCHE: TUTTI GLI SCREENING PER I NEONATI

 

Articoli correlati
Osteopatia, al via il progetto CronOs: dal 7 al 13 giugno visite gratuite ai pazienti cronici
Il progetto del ROI – Registro degli Osteopati d’Italia ha l’obiettivo di informare i cittadini sul supporto che l’osteopatia può fornire nel trattamento della cronicità e dare impulso alla ricerca scientifica
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
Laurea in Osteopatia, i risultati della ricerca SDA – Bocconi. Sciomachen (ROI): «Pronti a garantire massimo supporto alle istituzioni»
Dopo l’approvazione del profilo professionale degli osteopati, la seconda tappa dell’iter per l’istituzione della professione osteopatica riguarda la definizione del programma di formazione universitaria e delle equipollenze
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Osteopatia, De Poli (Udc): «Riprendere in Parlamento percorso su riconoscimento»
«Da troppo tempo questi professionisti attendono una risposta concreta dalla politica e dalle istituzioni. Le persone che si curano con l’osteopatia, oggi, sono più di 10 mln: è un fenomeno ampio che merita il giusto riconoscimento» sottolinea il senatore Antonio De Poli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco