Salute 27 Febbraio 2019 11:00

Osteopatia e logopedia per i prematuri, al Macedonio Melloni primo progetto in Italia. Silvia Di Chio: «Così aiutiamo i piccoli a tornare a casa prima»

Il progetto permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi. La vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale: «Verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia»

di Federica Bosco

Con il progetto “Valutazione della deglutizione nei neonati prematuri” la terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni di Milano sarà la prima a fornire un servizio di logopedia della deglutizione e di osteopatia per i nati prematuri.

Un progetto innovativo già presente negli Stati Uniti e che vedrà la luce a fine febbraio per permettere ai prematuri di imparare a nutrirsi senza sondino, così da andare a casa in tempi più rapidi di quanto non accada oggi.

«La nutrizione autonoma – spiega la dottoressa Silvia Di Chio, vicedirettrice della Patologia e terapia intensiva neonatale del Macedonio Melloni – rappresenta uno dei principali problemi dei prematuri costretti a rimanere per lunghi periodi nel reparto, fino alla completa autonomia alimentare dal sondino. Con questo programma, portato nella nostra struttura dalla dottoressa Denise Pighetti, logopedista deglutologa in tirocinio volontario presso la terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni dal dicembre 2017, verranno applicati degli indici che si rifanno a delle scale adottate appunto negli Stati Uniti, per offrire stimoli ai piccoli e permettere loro di imparare a deglutire e dunque a nutrirsi in autonomia. Per poter arrivare all’obiettivo, il progetto prevede la piena collaborazione tra logopedista deglutologa ed osteopata che avrà il compito, attraverso piccoli massaggi, di stimolare lo sviluppo degli organi dei prematuri».

Per il reparto di terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni, che conta 10 medici e 34 infermiere professionali, la figura dell’osteopata, come della logopedista deglutologa, rappresenta una soluzione innovativa, oltre che una eccellenza ed una peculiarità rispetto alle altre terapie intensive neonatali. «Con dei piccoli tocchi e lievi massaggi – racconta Fabrizio Picciolo, osteopata in servizio dal mese di ottobre presso l’istituto Melloni – intervengo su piccole patologie: dal capo reclinato, al piede valgo, fino al diaframma per trattare insufficienze respiratorie». Se la figura dell’osteopata non è secondaria anche nel ruolo delle mamme, dapprima per la preparazione al parto e poi per la stimolazione della montata lattea, sicuramente l’eccellenza della terapia intensiva neonatale del presidio ospedaliero Macedonio Melloni passa attraverso il lavoro quotidiano e capillare di medici ed infermieri, professionisti veri punti di forza del reparto. «Esiste una bella miscela tra giovani ed anziani – conclude Di Chio – un mix di esperienza ed innovazione che viene costruito in un percorso di formazione interno con il raggiungimento di obiettivi».

LEGGI ANCHE: TUTTI GLI SCREENING PER I NEONATI

 

Articoli correlati
Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»
I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli
Osteopatia, dal 18 al 24 aprile il progetto CronOs 2022 con prime visite gratuite per pazienti long Covid
Obiettivo del progetto promosso dal Registro Osteopati d'Italia è quello di informare i cittadini sul supporto che l’osteopatia può offrire ai pazienti che presentano disturbi cronici
Giornata della Logopedia. Rossetto (FLI): «Vicini ai disabili in Ucraina: il loro diritto alla cura non può essere calpestato»
Rossetto (FLI): «Dai neonati ai centenari, la logopedia è per tutte le età della vita e può intervenire per curare moltissimi disturbi»
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?
Tra le professioni sanitarie è annoverabile l'osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Osteopati, pubblicato il profilo professionale. Sciomachen (ROI): «Appello a Speranza e Messa: concludere presto iter»
«Abbiamo un’identità e un ruolo definito. Lavoriamo da subito ai corsi di laurea» sottolinea la presidente del registro Osteopati Italiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto