Salute 29 Marzo 2021 16:35

Ospedalità privata accanto allo Stato per le vaccinazioni, Faroni (Aiop Lazio): «Strutture pronte»

Jessica Faroni, presidente di Aiop Lazio, rimarca ai nostri microfoni: «L’Ospedalità privata è accanto al Ssn di cui fa parte, le strutture sono pronte a vaccinare». Come già succede in qualche città

Ospedalità privata accanto allo Stato per le vaccinazioni, Faroni (Aiop Lazio): «Strutture pronte»

La vaccinazione di massa è una prova importante per tutti i sistemi operativi in Europa, l’Italia in questo non fa eccezione. Il commissario straordinario all’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, ha paragonato più volte la situazione attuale a quella di un conflitto mondiale. Mettere al sicuro i 60 milioni di abitanti italiani significa utilizzare mezzi e strutture originariamente destinati ad altro.

Non solo teatri e auditorium, ma stadi, palazzetti e centri commerciali. Figliuolo ha corretto la rotta del suo predecessore, Domenico Arcuri, che parlava di hub vaccinali costruiti ad hoc, in favore del riuso di locali già pronti. Non è mancato il supporto dell’ospedalità privata, che si è schierata accanto allo Stato per velocizzare le manovre. Sanità Informazione ha intervistato Jessica Faroni, presidente Aiop Lazio (Associazione Italiana Ospedalità Privata) che ha confermato questo impegno.

«L’ospedalità privata – ha detto – si è messa a disposizione dello Stato e del sistema sanitario nazionale di cui facciamo parte per le vaccinazioni. In tante strutture le vaccinazioni del personale stesso sono state fatte in sede e ora probabilmente alcune saranno sede della vaccinazione della popolazione generale».

«Si farà la prenotazione regionale dove, come già oggi nella Asl Roma 1 – ha aggiunto – compaiono delle strutture che appartengono all’ospedalità privata. Dobbiamo tutti darci una mano: è una pandemia, una guerra che stiamo affrontando e per cui nessuno si può tirare indietro. Vaccinarsi è importante e che sia fatto in presenza di un medico, per cui spesso l’organizzazione è difficile. Noi siamo agevolati perché siamo strutture fornite e quindi riusciamo ad essere veloci. Quando si deve vaccinare tutta la popolazione mondiale c’è bisogno di un’organizzazione chiara per velocizzare il percorso che ci libererà di questo virus».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
AstraZeneca e J&J, il farmacologo: «Non esiste farmaco comune con possibilità di eventi avversi così remota»
Con il prof. Sava (SIF) analizziamo i rischi di farmaci comuni e l'incidenza di trombosi, comparandola con quella dei vaccini a vettore virale
Vaccini, Regimenti (Lega): «Strategia lacunosa, Ue informi su negoziati con azienda Novavax»
L'eurodeputata della Lega ha presentato una interrogazione in cui chiede alla Commissione Ue «quali misure intende adottare per garantire la trasparenza delle negoziazioni dei contratti pubblici di acquisto dei vaccini» con la casa farmaceutica Novavax
Vaccini Covid, Italia senza dosi. Rostan (Misto): «Priorità ai fragili poi categorie economiche»
«L’ipotesi delle isole Covid free è un buon punto di partenza, a patto che si allarghi immediatamente a tutti gli altri siti turistici di pregio del nostro Paese», spiega la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Obbligo vaccinazione personale sanitario scelta giusta per uscire da emergenza»
«Il Governo si appresta ad adottare provvedimenti giusti per affrontare, in maniera risolutiva, la crisi pandemica. Con la previsione, contenuta nel decreto legge che entrerà in vigore dopo Pasqua, dell’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario, altrimenti sanzionabile e di uno scudo penale per coloro che somministreranno il vaccino, si adottano due importanti norme […]
Vaccinare tutto il mondo e farlo velocemente: è davvero possibile?
Le proposte per aumentare la produzione di vaccini: licenza intellettuale sospesa temporaneamente, accordi tra aziende in competizione e formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...