Salute 24 Ottobre 2019

Oscar Farinetti: «Vi racconto la mia storia tra sanità USA e quella italiana»

Il patron di Eataly nel corso dell’ultimo Congresso della Società italiana di Chirurgia ha raccontato la sua spiacevole esperienza con la sanità USA

«Il cibo è la nostra prima medicina, l’unico prodotto che mettiamo nel nostro corpo, come diceva Feuerbach l’uomo è ciò che mangia». Lo pensa Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, intervenuto al 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia alla presenza di quasi mille professionisti provenienti da tutto il Paese.

«In base a quello che mangiamo intanto stiamo meglio o peggio, – ha spiegato a margine del suo intervento ai microfoni di Sanità Informazione – viviamo di più o di meno, ma siamo anche più allegri o più incazzati. Sono convinto che molte persone sono incazzate perché mangiano di merda».

Il patron di Eataly ha tenuto anche a difendere il sistema sanitario italiano, raccontando la sua spiacevole esperienza con la sanità USA. «È stata un’esperienza molto brutta, intanto se non avevo la carta di credito non so come avrei fatto. L’operazione – racconta Farinetti il difficile iter vissuto dalla moglie – è andata male e quando siamo finalmente tornati in Italia si è messo tutto apposto. ma mi sono reso proprio conto dell’atmosfera diversa, là non è considerato un servizio ma una roba in più, quindi chi è più ricco ha più sanità, chi è più povero ne ha meno e questo non va bene». «Se dormi 4 notti al presbiterian e fai un intervento chirurgico sono 100mila dollari, – conclude – quindi viva tutta la vita il nostro servizio sanitario che è il migliore del mondo, teniamocelo stretto e smettiamola di criticarlo».

LEGGI: CONGRESSO SIC, BASILE: «ATTENZIONE ALLA CHIRURGIA DI ASTENSIONE PER PAURA DELLE DENUNCE»

 

Articoli correlati
Contenzioso, Marini (ACOI): «Completare al più presto Legge Gelli, per noi chirurghi le assicurazioni continuano ad aumentare»
«La medicina difensiva costa 15 miliardi all’anno, bisogna muoversi» sottolinea il presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri che poi chiede si avvii il percorso di unificazione tra le varie associazioni di categoria
Congresso SIC, Basile: «Attenzione alla chirurgia di astensione per paura delle denunce»
«Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati», ha rivelato con amarezza il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile
Formazione ECM, Petrella (SIC): «L’aggiornamento professionale è un dovere e un bene per noi e per i pazienti»
«La formazione professionale deve essere continua, i progressi in medicina sono quotidiani e bisogna essere sempre informati. Io, alla mia età, ancora oggi mi aggiorno, è un dovere soprattutto per noi chirurghi» così il Professor Petrella, che dal Congresso SIC ha lanciato i risultati di una ricerca dell’Università Tor Vergata: «Il 60% degli specializzandi vuole lavorare all'estero e l'80% è preoccupato per i contenziosi. Occorre un piano “su misura” per dare risposte ai giovani professionisti e suturare questa emorragia»
di Cesare Buquicchio
Congresso SIC: solo il 24% delle donne sceglie la contraccezione ormonale
Si è conclusa la nona edizione del Congresso nazionale SIC (Società Italiana della Contraccezione). Tre giornate intense di argomenti, confronto e propositi per l’oggi e il domani. Le parole più pronunciate dai relatori sono state Counseling, ascolto, dialogo e comprensione tra ginecologo e donna che porta a una maggiore compliance e aderenza terapeutica. In occasione del congresso, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...