Salute 17 Ottobre 2019

Congresso SIC, Basile: «Attenzione alla chirurgia di astensione per paura delle denunce»

«Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati», ha rivelato con amarezza il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile

Immagine articolo

Esaminare la chirurgia da un punto di vista tecnico, organizzativo e anche di responsabilità medico-legali del chirurgo, sono stati gli obiettivi della 121esima edizione del Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia, svoltosi a Bologna. Durante la kermesse, abbiamo incontrato il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile, insieme al quale abbiamo fatto il punto sulle sfide del futuro per la chirurgia.

«Da un punto di vista tecnico sono molti gli aggiornamenti, – ha spiegato il presidente SIC ai microfoni di Sanità Informazione – ormai la chirurgia laparoscopica comprende quasi tutto il panorama della chirurgia generale, ma si va verso la chirurgia robotica. Gli studi attuali sono propensi a stabilire che la chirurgia robotica è migliore di quella laparoscopica che però costa notevolmente di più. Pertanto, si sta cercando di individuare quali sono gli interventi per cui è talmente valida la robotica da superare il danno economico della chirurgia robotica».

«Dal punto di vista organizzativo, cerchiamo di puntare sull’accreditamento delle strutture. Ogni paziente deve sapere che va in una struttura che sa fare quel tipo di intervento, quindi un professionista valido e anche una struttura organizzata. L’idea della Società Italiana di Chirurgia è di accreditare i chirurghi per ciò che sono le loro competenze, in maniera da tranquillizzare il cittadino quando va in quel reparto, da quel chirurgo».

«Ultima cosa, la responsabilità medico-legale, che è sempre un nostro cruccio. Il rischio è che si faccia una chirurgia cosiddetta di astensione, cioè i chirurghi non operino dei pazienti per il rischio delle possibili complicanze. Questo va di pari passo con la medicina difensiva che porta a spendere tanti soldi per cercare di avere la diagnosi più accurata possibile e per effettuare la terapia migliore. Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati. Questo per noi è un dramma, perché la chirurgia non viene scelta per passione, ma soltanto perché chi rimane ultimo nelle graduatorie o fa chirurgia o non fa nulla. Fanno chirurgia e magari dopo un anno cambiano specialità o vanno in altre sedi. Questo non ce lo possiamo permettere, bisogna tornare a dare lustro alla professione chirurgica e a dare anche sicurezza e tranquillità al professionista e al giovane che si appresta a svolgere questo tipo di professione».

LEGGI: FORMAZIONE ECM, PETRELLA (SIC): «L’AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE È UN DOVERE E UN BENE PER NOI E PER I PAZIENTI»

Infine, tra i temi anche l’auspicata convergenza di tutte le società scientifiche di chirurgia. «I chirurghi sono già uniti di fatto, – spiega Basile – perché siamo tutti convinti che l’unione fa la forza e quindi in realtà, a prescindere dall’appartenenza ad una o all’altra società, lavoriamo tutti di comune accordo. Certo, riuscire a creare un modello tipo americano con un’unica società che comprenda tutte le altre, perché sono tantissime le società chirurgiche nei diversi campi, sarebbe una buona cosa. Tuttavia non è semplice, perché ovviamente passare da tante società ad un’unica società, capite quante problematiche comporterebbe. Stiamo lavorando principalmente tra chirurghi universitari e chirurghi ospedalieri per cercare di trovare delle soluzioni compatibili e che siano utili per la chirurgia nazionale».

Articoli correlati
L’oncologia tra le 100 eccellenze italiane, premiato l’Istituto Tumori Pascale di Napoli
A ritirare il premio Franco Maria Buonaguro, direttore della UOC Biologia Molecolare e Oncogenesi Virale: «Progressi con la chirugia robotica, ma anche immunoterapia, radioterapia e il cyber-knife»
Acoi Campania: «Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro»
Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro. A dettare l’agenda delle priorità è l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) – Gruppo Campania, nel corso della due giorni “Chirurgia d’urgenza 2019: tra linee guida e real life. Cos’è cambiato in questi anni e qual è la realtà dei fatti”, che ha riunito a […]
«Radiazione illegittima». La sentenza della Corte Costituzionale sul “caso Venturi”
Il medico e assessore alla Sanità dell'Emilia Romagna era stato radiato dall'Ordine dei medici di Bologna all'indomani dell'approvazione di una delibera della Giunta regionale sulla possibilità di impiegare infermieri nelle ambulanze anche in assenza dei medici
Congresso Aiom, focus sul tumore al seno. Luca Gianni (San Raffaele): «L’immunoterapia ha risultati su cancro metastatico»
«I risultati più importanti sul tumore al seno sono per la malattia metastatica» così il professor Luca Gianni, oncologo e Direttore del Dipartimento Oncologia Medica dell'Ospedale San Raffaele IRCCS di Milano, ha spiegato ai nostri microfoni l'efficacia dell'immunoterapia per le pazienti con tumore metastatico
Oscar Farinetti: «Vi racconto la mia storia tra sanità USA e quella italiana»
Il patron di Eataly nel corso dell'ultimo Congresso della Società italiana di Chirurgia ha raccontato la sua spiacevole esperienza con la sanità USA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...