Salute 17 Ottobre 2019 16:00

Congresso SIC, Basile: «Attenzione alla chirurgia di astensione per paura delle denunce»

«Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati», ha rivelato con amarezza il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile

Congresso SIC, Basile: «Attenzione alla chirurgia di astensione per paura delle denunce»

Esaminare la chirurgia da un punto di vista tecnico, organizzativo e anche di responsabilità medico-legali del chirurgo, sono stati gli obiettivi della 121esima edizione del Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia, svoltosi a Bologna. Durante la kermesse, abbiamo incontrato il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile, insieme al quale abbiamo fatto il punto sulle sfide del futuro per la chirurgia.

«Da un punto di vista tecnico sono molti gli aggiornamenti, – ha spiegato il presidente SIC ai microfoni di Sanità Informazione – ormai la chirurgia laparoscopica comprende quasi tutto il panorama della chirurgia generale, ma si va verso la chirurgia robotica. Gli studi attuali sono propensi a stabilire che la chirurgia robotica è migliore di quella laparoscopica che però costa notevolmente di più. Pertanto, si sta cercando di individuare quali sono gli interventi per cui è talmente valida la robotica da superare il danno economico della chirurgia robotica».

«Dal punto di vista organizzativo, cerchiamo di puntare sull’accreditamento delle strutture. Ogni paziente deve sapere che va in una struttura che sa fare quel tipo di intervento, quindi un professionista valido e anche una struttura organizzata. L’idea della Società Italiana di Chirurgia è di accreditare i chirurghi per ciò che sono le loro competenze, in maniera da tranquillizzare il cittadino quando va in quel reparto, da quel chirurgo».

«Ultima cosa, la responsabilità medico-legale, che è sempre un nostro cruccio. Il rischio è che si faccia una chirurgia cosiddetta di astensione, cioè i chirurghi non operino dei pazienti per il rischio delle possibili complicanze. Questo va di pari passo con la medicina difensiva che porta a spendere tanti soldi per cercare di avere la diagnosi più accurata possibile e per effettuare la terapia migliore. Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati. Questo per noi è un dramma, perché la chirurgia non viene scelta per passione, ma soltanto perché chi rimane ultimo nelle graduatorie o fa chirurgia o non fa nulla. Fanno chirurgia e magari dopo un anno cambiano specialità o vanno in altre sedi. Questo non ce lo possiamo permettere, bisogna tornare a dare lustro alla professione chirurgica e a dare anche sicurezza e tranquillità al professionista e al giovane che si appresta a svolgere questo tipo di professione».

LEGGI: FORMAZIONE ECM, PETRELLA (SIC): «L’AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE È UN DOVERE E UN BENE PER NOI E PER I PAZIENTI»

Infine, tra i temi anche l’auspicata convergenza di tutte le società scientifiche di chirurgia. «I chirurghi sono già uniti di fatto, – spiega Basile – perché siamo tutti convinti che l’unione fa la forza e quindi in realtà, a prescindere dall’appartenenza ad una o all’altra società, lavoriamo tutti di comune accordo. Certo, riuscire a creare un modello tipo americano con un’unica società che comprenda tutte le altre, perché sono tantissime le società chirurgiche nei diversi campi, sarebbe una buona cosa. Tuttavia non è semplice, perché ovviamente passare da tante società ad un’unica società, capite quante problematiche comporterebbe. Stiamo lavorando principalmente tra chirurghi universitari e chirurghi ospedalieri per cercare di trovare delle soluzioni compatibili e che siano utili per la chirurgia nazionale».

Articoli correlati
Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»
Intervista al presidente dell’ Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego non lasciate soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo »
di Peter D'Angelo
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio
Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione
di Federica Bosco
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...