Salute 27 Dicembre 2018

Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»

L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»

«Spesso dopo l’intervento siamo lasciati a noi stessi. Per questo è nata l’associazione: sapere che ci sono migliaia di persone nella stessa condizione a cui chiedere un consiglio ci rassicura». Claudia Santangelo, presidente dell’associazione “Vivere senza stomaco (si può) Onlus” racconta la difficile vita di chi ha subìto l’asportazione dello stomaco in seguito a un tumore e come è nata l’idea di creare un’associazione.

Tutto è nato su Facebook, dove si sono ritrovati una decina di pazienti gastrectomizzati. All’interno del gruppo chiuso ognuno ha condiviso la propria esperienza: le difficoltà, il confronto, le problematiche su cui sollecitare una risposta della politica sanitaria. Un luogo di condivisione, ascolto e sostegno psicologico che ben presto si è trasformato in una vera e propria associazione. Uno dei problemi che lamentano i malati è l’assenza, nelle strutture sanitarie, di nutrizionisti specifici: «Nelle strutture oncologiche, mancano nutrizionisti clinici esperti in gastrectomizzati, perché noi abbiamo oggettivamente un problema molto particolare», sottolinea la presidente dell’associazione Claudia Santangelo. «All’interno della nostra associazione esiste un forum di 2300 persone che evidenziano i problemi principali che hanno. La domanda più frequente è: “Dove mi opero” ma la seconda riguarda il periodo in cui si affronta l’operazione e la fase posteriore, il resto della vita: “Cosa mangio?”» spiega Santangelo.

Presidente, ci racconta il punto di vista dei pazienti sul tema della malnutrizione in oncologia? Leggiamo che più del 60% dei pazienti si presentano alla prima visita oncologica con problema di malnutrizione avanzata. Quanto è importante una call to action dei medici per sensibilizzare sul tema?

«La malnutrizione per chi vive senza stomaco è un tema cruciale. Noi abbiamo un forum all’interno dell’associazione di 2300 persone che si chiedono sempre: “Dove mi opero” ma anche ciò che riguarda il periodo prima dell’operazione, il durante e il resto della vita, ossia: “Cosa mangio?“. Purtroppo mancano i nutrizionisti all’interno delle strutture, ma mancano nutrizionisti esperti in gastrectomizzati perché noi abbiamo oggettivamente un problema molto particolare. Il professor Maurizio Muscaritoli della Sinuc ci dà l’opportunità di poter dire “abbiamo bisogno”. Speriamo che l’accordo Stato-Regione, siglato il 15 dicembre 2017, trovi applicazione nelle varie regioni e di poter trovare il nutrizionista clinico nelle strutture oncologiche: speriamo di essere curati da medici sul tema della nutrizione e non da altre figure».

Quanto è importante raccontare la propria esperienza a chi magari ha la diagnosi di questa malattia?

«Noi nasciamo su un social. Diversi anni fa sono entrata in questo social, non l’ho costruito io, eravamo una decina di persone. Nel tempo sono cresciute. Da gruppo chiuso siamo diventati associazione. Perché è importante coesistere all’interno di un social? Perché quando si esce dalla chirurgia spesso e volentieri siamo lasciati a noi stessi, non ci sono delle reti che ci inseriscono all’interno di un processo di cura. Le reti oncologiche sono presenti in sei regioni in Italia, la realtà è questa. Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono se ti si blocca il cibo cosa puoi fare, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura, non fa sentire soli. Noi purtroppo abbiamo danni metabolici che ci accompagneranno tutta la vita».

Che social avete usato all’inizio per trovarvi?

«Facebook. Il gruppo si chiama “Cancro allo stomaco: vivere senza stomaco si può”. È possibile accedere dal sito www.viveresenzastomaco.org».

Articoli correlati
Commissione Ue, è medico la nuova presidente von der Leyen. Ecco cosa propone per la sanità
Eletta con 383 voti l’esponente della Cdu tedesca. Lascia il posto di Ministro della Difesa in Germania. Propone un piano europeo per combattere il cancro e sostenere gli Stati membri nel migliorare l’assistenza e la prevenzione
Concerti in reparto per dare serenità ai malati oncologici. Compiono dieci anni i “Donatori di Musica”
L’associazione è nata nel 2009, da un’intuizione del compositore e producer discografico Gian Andrea Lodovici e dell’oncologo Maurizio Cantore. L’iniziativa in dieci anni di attività ha coinvolto più di 20mila pazienti per oltre 800 concerti principalmente in Italia, ma anche in Austria e negli Stati Uniti
di Federica Bosco
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
Tumori, alla Camera passa mozione per cure e assistenza a pazienti oncologici. Lazzarini (Lega): «Grande soddisfazione»
«Esprimiamo soddisfazione per l’approvazione all’unanimità della mozione, depositata nel marzo scorso a mia prima firma, che impegna il Governo ad assumere iniziative a favore della cura e dell’assistenza dei pazienti oncologici». Così Arianna Lazzarini, deputata della Lega e Segretario della Commissione Affari sociali di Montecitorio, e prima firmataria della mozione, approvata dalla Camera, che impegna […]
Trento, la bellezza entra nei reparti di Oncologia grazie al progetto “Donatori di Musica”
Trasformare le stanze di un reparto oncologico in sale concerto: una pausa di bellezza e convivialità durante un percorso terapeutico difficile e pieno di incertezze. Grazie a Donatori di Musica, quella che può sembrare un’utopia è da dieci anni una sorprendente realtà. Sin dal 2009, infatti, grazie ad un’intuizione del compositore e producer discografico Gian […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...