Salute 27 Dicembre 2018

Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»

L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»

«Spesso dopo l’intervento siamo lasciati a noi stessi. Per questo è nata l’associazione: sapere che ci sono migliaia di persone nella stessa condizione a cui chiedere un consiglio ci rassicura». Claudia Santangelo, presidente dell’associazione “Vivere senza stomaco (si può) Onlus” racconta la difficile vita di chi ha subìto l’asportazione dello stomaco in seguito a un tumore e come è nata l’idea di creare un’associazione.

Tutto è nato su Facebook, dove si sono ritrovati una decina di pazienti gastrectomizzati. All’interno del gruppo chiuso ognuno ha condiviso la propria esperienza: le difficoltà, il confronto, le problematiche su cui sollecitare una risposta della politica sanitaria. Un luogo di condivisione, ascolto e sostegno psicologico che ben presto si è trasformato in una vera e propria associazione. Uno dei problemi che lamentano i malati è l’assenza, nelle strutture sanitarie, di nutrizionisti specifici: «Nelle strutture oncologiche, mancano nutrizionisti clinici esperti in gastrectomizzati, perché noi abbiamo oggettivamente un problema molto particolare», sottolinea la presidente dell’associazione Claudia Santangelo. «All’interno della nostra associazione esiste un forum di 2300 persone che evidenziano i problemi principali che hanno. La domanda più frequente è: “Dove mi opero” ma la seconda riguarda il periodo in cui si affronta l’operazione e la fase posteriore, il resto della vita: “Cosa mangio?”» spiega Santangelo.

Presidente, ci racconta il punto di vista dei pazienti sul tema della malnutrizione in oncologia? Leggiamo che più del 60% dei pazienti si presentano alla prima visita oncologica con problema di malnutrizione avanzata. Quanto è importante una call to action dei medici per sensibilizzare sul tema?

«La malnutrizione per chi vive senza stomaco è un tema cruciale. Noi abbiamo un forum all’interno dell’associazione di 2300 persone che si chiedono sempre: “Dove mi opero” ma anche ciò che riguarda il periodo prima dell’operazione, il durante e il resto della vita, ossia: “Cosa mangio?“. Purtroppo mancano i nutrizionisti all’interno delle strutture, ma mancano nutrizionisti esperti in gastrectomizzati perché noi abbiamo oggettivamente un problema molto particolare. Il professor Maurizio Muscaritoli della Sinuc ci dà l’opportunità di poter dire “abbiamo bisogno”. Speriamo che l’accordo Stato-Regione, siglato il 15 dicembre 2017, trovi applicazione nelle varie regioni e di poter trovare il nutrizionista clinico nelle strutture oncologiche: speriamo di essere curati da medici sul tema della nutrizione e non da altre figure».

Quanto è importante raccontare la propria esperienza a chi magari ha la diagnosi di questa malattia?

«Noi nasciamo su un social. Diversi anni fa sono entrata in questo social, non l’ho costruito io, eravamo una decina di persone. Nel tempo sono cresciute. Da gruppo chiuso siamo diventati associazione. Perché è importante coesistere all’interno di un social? Perché quando si esce dalla chirurgia spesso e volentieri siamo lasciati a noi stessi, non ci sono delle reti che ci inseriscono all’interno di un processo di cura. Le reti oncologiche sono presenti in sei regioni in Italia, la realtà è questa. Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono se ti si blocca il cibo cosa puoi fare, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura, non fa sentire soli. Noi purtroppo abbiamo danni metabolici che ci accompagneranno tutta la vita».

Che social avete usato all’inizio per trovarvi?

«Facebook. Il gruppo si chiama “Cancro allo stomaco: vivere senza stomaco si può”. È possibile accedere dal sito www.viveresenzastomaco.org».

Articoli correlati
Gli oncologi: «Fondamentali potenziamento cure territoriali, assistenza domiciliare, telemedicina e reti oncologiche»
Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento […]
di i presidenti di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
Cancro e Covid-19, il presidente Aiom: «Deve riprendere lo screening o rischiamo di trovare malattie difficilmente curabili»
Giordano Beretta fa il punto sulla fase 2: ripresa delle attività chirurgiche, reti oncologiche in collaborazione con il territorio e una forte ripresa del sistema diagnostico, per imparare dall'emergenza
di Gloria Frezza
Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»
Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali
L’esercito del benessere a domicilio. Tre step per ritrovare la salute: nutrizione sana, attività fisica e supporto psicologico
Si chiama “Il benessere a casa tua” ed è un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza. Inaugurato in Friuli Venezia Giulia, esteso in Lombardia, ora mira ad un’espansione nazionale
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...