Salute 21 ottobre 2014

Omeopatia e cure alternative: varata la norma, ora si punta alla formazione 

Intervista al prof. Dario Chiriacò, responsabile della Commissione Medicine non Convenzionali FNOMCeO

Immagine articolo

Le terapie non convenzionali si fanno largo nell’ambito della sanità: un numero sempre crescente di pazienti, infatti, ne fa uso ormai da tempo con evidenti benefici, e ciò ha spinto anche le Istituzioni a legiferare sul tema. Tuttavia, per far sì che questa branca trovi ufficialmente posto accanto alla medicina tradizionale, bisogna investire sulla formazione.

Ne abbiamo parlato con il professor Dario Chiriacò, responsabile della commissione nazionale delle medicine non convenzionali per la FNOMCeO, nonchè presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e presidente dell’OMCeO di Rieti.

Queste medicine, tra cui l’Omeopatia, continuano ad avere sempre più importanza e si avvicinano alla medicina convenzionale.
Sì, e i fatti recenti lo confermano. Il Ministero ha fatto seguito alla normativa del 7 febbraio 2013 emanando  finalmente delle norme applicative, cui tutte le Regioni dovranno uniformarsi. Il 90% degli Ordini ha già istituito gli appositi albi a livello provinciale, ma il rimanente 10% degli Ordini dovrà adeguarsi al più presto: non si tratta più di assolvere ad una normativa FNOMCeO, ma del Ministero. Andranno inoltre istituite delle commissioni regionali con il compito di controllare, verificare e accreditare i corsi e le scuole, per consentire a tutti i medici, veterinari e farmacisti di applicare non solo l’omeopatia ma anche le altre medicine non convenzionali, come l’agopuntura.

La formazione, infatti, è un aspetto fondamentale in questo senso, di cui lei si è reso protagonista…
E’ importantissimo che le scuole siano adeguate allo scopo. Dal 18 ottobre è partito a Roma il corso che ho fondato 13 anni fa e di cui sono docente, presso la scuola COII (Centro Omeopatico Italiano Ippocrate). E’ un corso che unisce l’aspetto omeopatico alla medicina ufficiale: non più quindi “teoria dell’omeopatia”, ma vera e propria omeopatia clinica applicata alle patologie autoimmuni, croniche e degenerative in un’ottica esclusivamente medica. Saranno le medicine del futuro e come tali vanno gestite nel migliore dei modi. Vede, la medicina è una e unica, ma per realizzarsi può avvalersi di varie metodiche. E’ per questo che medicina omeopatica e allopatica devono integrarsi. In questi 13 anni abbiamo diplomato centinaia di allievi, ed è con grande soddisfazione che li vedo proiettati in grandi realtà e in Regioni dove i medici in possesso di questi attestati vengono accolti a braccia aperte.

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...