Salute 21 ottobre 2014

Omeopatia e cure alternative: varata la norma, ora si punta alla formazione 

Intervista al prof. Dario Chiriacò, responsabile della Commissione Medicine non Convenzionali FNOMCeO

Immagine articolo

Le terapie non convenzionali si fanno largo nell’ambito della sanità: un numero sempre crescente di pazienti, infatti, ne fa uso ormai da tempo con evidenti benefici, e ciò ha spinto anche le Istituzioni a legiferare sul tema. Tuttavia, per far sì che questa branca trovi ufficialmente posto accanto alla medicina tradizionale, bisogna investire sulla formazione.

Ne abbiamo parlato con il professor Dario Chiriacò, responsabile della commissione nazionale delle medicine non convenzionali per la FNOMCeO, nonchè presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e presidente dell’OMCeO di Rieti.

Queste medicine, tra cui l’Omeopatia, continuano ad avere sempre più importanza e si avvicinano alla medicina convenzionale.
Sì, e i fatti recenti lo confermano. Il Ministero ha fatto seguito alla normativa del 7 febbraio 2013 emanando  finalmente delle norme applicative, cui tutte le Regioni dovranno uniformarsi. Il 90% degli Ordini ha già istituito gli appositi albi a livello provinciale, ma il rimanente 10% degli Ordini dovrà adeguarsi al più presto: non si tratta più di assolvere ad una normativa FNOMCeO, ma del Ministero. Andranno inoltre istituite delle commissioni regionali con il compito di controllare, verificare e accreditare i corsi e le scuole, per consentire a tutti i medici, veterinari e farmacisti di applicare non solo l’omeopatia ma anche le altre medicine non convenzionali, come l’agopuntura.

La formazione, infatti, è un aspetto fondamentale in questo senso, di cui lei si è reso protagonista…
E’ importantissimo che le scuole siano adeguate allo scopo. Dal 18 ottobre è partito a Roma il corso che ho fondato 13 anni fa e di cui sono docente, presso la scuola COII (Centro Omeopatico Italiano Ippocrate). E’ un corso che unisce l’aspetto omeopatico alla medicina ufficiale: non più quindi “teoria dell’omeopatia”, ma vera e propria omeopatia clinica applicata alle patologie autoimmuni, croniche e degenerative in un’ottica esclusivamente medica. Saranno le medicine del futuro e come tali vanno gestite nel migliore dei modi. Vede, la medicina è una e unica, ma per realizzarsi può avvalersi di varie metodiche. E’ per questo che medicina omeopatica e allopatica devono integrarsi. In questi 13 anni abbiamo diplomato centinaia di allievi, ed è con grande soddisfazione che li vedo proiettati in grandi realtà e in Regioni dove i medici in possesso di questi attestati vengono accolti a braccia aperte.

Articoli correlati
Formazione: apre a Milano il CeFAeS su iniziativa di AIPO
Apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a Milano, il Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS) destinato a mutare radicalmente lo scenario della formazione basato sulla simulazione in ambito medico. Il Centro infatti darà l’opportunità a chi opera nell’ambito di questa […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro Grillo, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...