Salute 21 Ottobre 2014

Omeopatia e cure alternative: varata la norma, ora si punta alla formazione 

Intervista al prof. Dario Chiriacò, responsabile della Commissione Medicine non Convenzionali FNOMCeO

Immagine articolo

Le terapie non convenzionali si fanno largo nell’ambito della sanità: un numero sempre crescente di pazienti, infatti, ne fa uso ormai da tempo con evidenti benefici, e ciò ha spinto anche le Istituzioni a legiferare sul tema. Tuttavia, per far sì che questa branca trovi ufficialmente posto accanto alla medicina tradizionale, bisogna investire sulla formazione.

Ne abbiamo parlato con il professor Dario Chiriacò, responsabile della commissione nazionale delle medicine non convenzionali per la FNOMCeO, nonchè presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e presidente dell’OMCeO di Rieti.

Queste medicine, tra cui l’Omeopatia, continuano ad avere sempre più importanza e si avvicinano alla medicina convenzionale.
Sì, e i fatti recenti lo confermano. Il Ministero ha fatto seguito alla normativa del 7 febbraio 2013 emanando  finalmente delle norme applicative, cui tutte le Regioni dovranno uniformarsi. Il 90% degli Ordini ha già istituito gli appositi albi a livello provinciale, ma il rimanente 10% degli Ordini dovrà adeguarsi al più presto: non si tratta più di assolvere ad una normativa FNOMCeO, ma del Ministero. Andranno inoltre istituite delle commissioni regionali con il compito di controllare, verificare e accreditare i corsi e le scuole, per consentire a tutti i medici, veterinari e farmacisti di applicare non solo l’omeopatia ma anche le altre medicine non convenzionali, come l’agopuntura.

La formazione, infatti, è un aspetto fondamentale in questo senso, di cui lei si è reso protagonista…
E’ importantissimo che le scuole siano adeguate allo scopo. Dal 18 ottobre è partito a Roma il corso che ho fondato 13 anni fa e di cui sono docente, presso la scuola COII (Centro Omeopatico Italiano Ippocrate). E’ un corso che unisce l’aspetto omeopatico alla medicina ufficiale: non più quindi “teoria dell’omeopatia”, ma vera e propria omeopatia clinica applicata alle patologie autoimmuni, croniche e degenerative in un’ottica esclusivamente medica. Saranno le medicine del futuro e come tali vanno gestite nel migliore dei modi. Vede, la medicina è una e unica, ma per realizzarsi può avvalersi di varie metodiche. E’ per questo che medicina omeopatica e allopatica devono integrarsi. In questi 13 anni abbiamo diplomato centinaia di allievi, ed è con grande soddisfazione che li vedo proiettati in grandi realtà e in Regioni dove i medici in possesso di questi attestati vengono accolti a braccia aperte.

Articoli correlati
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»
L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»
Covid-19, on line la prima collana formativa. Zucchiatti (Sanità in-Formazione): «Nozioni fondamentali per prevenire il contagio»
Consulcesi, attraverso il provider, ha realizzato una raccolta di materiale formativo indirizzato a tutti i professionisti sanitari: «I corsi ECM FAD della collana Covid-19 sono costruiti sulla base delle evidenze scientifiche attualmente disponibili e delle fonti ufficiali di informazione e aggiornamento»
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco