Salute 23 febbraio 2017

Omeopatia, dossier AIFA: negata proroga ai produttori. Omeoimprese: «Settore in ginocchio»

A giugno scade il termine per la consegna dei dossier che analizzano le composizioni dei farmaci. A rischio la vendita dei prodotti e le aziende chiedono più tempo, intanto il Ministero dice no. Giovanni Gorga, Presidente Omeoimprese: «Resistenze ideologiche? È ora di giocare a carte scoperte. L’omeopatia è un’integrazione alla medicina tradizionale, l’una non esclude l’altra»

«Il settore è in una situazione grave, molto aziende rischiano il tracollo» a lanciare l’allarme, senza tanti giri di parole, è Giovanni Gorga il Presidente di Omeoimprese, l’associazione di categoria che riunisce i produttori di medicinali omeopatici. «Il Ministero non ha accolto la proroga richiesta per la consegna dei dossier all’AIFA».

L’antefatto: la direttiva europea 2001 che impone l’autorizzazione obbligatoria da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco, per tutti i prodotti farmaceutici, compresi quelli omeopatici, obbliga tutte le aziende a consegnare entro giugno 2017 dei dossier con indicate le preparazioni omeopatiche già in commercio. Pena, il ritiro, da tutti i banconi delle farmacie, dei prodotti a cui l’AIFA non ha concesso il beneplacito.

Da parte delle aziende che producono farmaci omeopatici è pressante la richiesta di una prolungamento dei tempi di consegna, infatti, reclama il settore, in una manciata di mesi è praticamente impossibile procedere con la preparazione dei dossier, ma il Ministero della Salute non sembra intenzionato a lanciare salvagenti.

«Credo che le istituzioni debbano ponderare bene quella che è la loro posizione e modificarla. – spiega il Presidente di Omeoimprese -. Seguendo questa direzione si rischia di colpire un settore florido, sano, che contribuisce a sostenere i conti dello Stato. Infatti, ogni anno lo Stato incassa dalla medicina omeopatica, tra i 60 e gli 80 milioni di euro solo di Irpef, Ires e Irap e svariate altre voci. L’omeopatia non è un sistema che pesa sulle Casse pubbliche, ma ribadisco, contribuisce all’economia del paese. Da parte del Ministero,  non cambiare posizione rischia davvero di mettere in ginocchio questo settore soprattutto le piccole medie imprese, tutto ciò si traduce in una perdita di posti di lavoro. Mi auspico che il Ministero voglia cambiare la sua posizione, peraltro ritengo sia incomprensibile questa decisione, a meno che non ci siano resistenze ideologiche… adesso però è il momento di giocare a carte scoperte».

In ogni caso è un dato di fatto che sempre più italiani si affidino all’omeopatia, «un trend in crescita – ribadisce Gorga – da un risultato di una indagine di mercato di qualche mese fa, condotta da EMG Acqua, istituto affidabile di indagini e ricerca, circa il 18-19% della popolazione usufruisce di cure omeopatiche ad integrazione delle medicina tradizionali. Peraltro stiamo parlando di un settore che rimane costante se non in crescita a fronte di una crisi economica molto pesante».

«Ricordiamo – conclude il Presidente – che la medicina omeopatica è a totale carico del paziente, sia la prestazione medica che l’acquisto del medicinale, sottolineo che in altri paesi europei la spesa omeopatica viene rimborsata dal Sistema Sanitario Nazionale, ultima la svizzera che, poche settimane fa, l’ha inserita nei piani sanitari».

Articoli correlati
Farmaci biosimilari, Ministero: campagne Aifa rivolte a medici e pazienti per loro uso appropriato
Le attuali conoscenze scientifiche – sottolinea il report del Ministero sulla nuova governance del farmaco - sono tali da garantire la sovrapponibilità in termini di efficacia e sicurezza fra i farmaci originatori e i biosimilari
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Aifa, Ministero Salute propone Luca Li Bassi come direttore generale. Grillo: «Riporto in Italia un cervello in fuga»
Il nome del chirurgo milanese sarà sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni. Per lui una lunga carriera internazionale. Il Ministro: «Tra i primi compiti quello di garantire a tutti i pazienti i trattamenti innovativi che la ricerca mette a disposizione»
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
Aifa senza vertici a settembre? Il ministero della Salute: «Presto indicazione nuovo Dg. Operatività Agenzia garantita»
Dopo le dimissioni del presidente Stefano Vella e l'imminente scadenza del mandato dell'attuale Direttore generale Mario Melazzini, le associazioni di pazienti temono l'impossibilità di ottenere autorizzazioni necessarie per alcuni farmaci. Ma il ministero le tranquillizza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano