Salute 23 Febbraio 2017

Omeopatia, dossier AIFA: negata proroga ai produttori. Omeoimprese: «Settore in ginocchio»

A giugno scade il termine per la consegna dei dossier che analizzano le composizioni dei farmaci. A rischio la vendita dei prodotti e le aziende chiedono più tempo, intanto il Ministero dice no. Giovanni Gorga, Presidente Omeoimprese: «Resistenze ideologiche? È ora di giocare a carte scoperte. L’omeopatia è un’integrazione alla medicina tradizionale, l’una non esclude l’altra»

«Il settore è in una situazione grave, molto aziende rischiano il tracollo» a lanciare l’allarme, senza tanti giri di parole, è Giovanni Gorga il Presidente di Omeoimprese, l’associazione di categoria che riunisce i produttori di medicinali omeopatici. «Il Ministero non ha accolto la proroga richiesta per la consegna dei dossier all’AIFA».

L’antefatto: la direttiva europea 2001 che impone l’autorizzazione obbligatoria da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco, per tutti i prodotti farmaceutici, compresi quelli omeopatici, obbliga tutte le aziende a consegnare entro giugno 2017 dei dossier con indicate le preparazioni omeopatiche già in commercio. Pena, il ritiro, da tutti i banconi delle farmacie, dei prodotti a cui l’AIFA non ha concesso il beneplacito.

Da parte delle aziende che producono farmaci omeopatici è pressante la richiesta di una prolungamento dei tempi di consegna, infatti, reclama il settore, in una manciata di mesi è praticamente impossibile procedere con la preparazione dei dossier, ma il Ministero della Salute non sembra intenzionato a lanciare salvagenti.

«Credo che le istituzioni debbano ponderare bene quella che è la loro posizione e modificarla. – spiega il Presidente di Omeoimprese -. Seguendo questa direzione si rischia di colpire un settore florido, sano, che contribuisce a sostenere i conti dello Stato. Infatti, ogni anno lo Stato incassa dalla medicina omeopatica, tra i 60 e gli 80 milioni di euro solo di Irpef, Ires e Irap e svariate altre voci. L’omeopatia non è un sistema che pesa sulle Casse pubbliche, ma ribadisco, contribuisce all’economia del paese. Da parte del Ministero,  non cambiare posizione rischia davvero di mettere in ginocchio questo settore soprattutto le piccole medie imprese, tutto ciò si traduce in una perdita di posti di lavoro. Mi auspico che il Ministero voglia cambiare la sua posizione, peraltro ritengo sia incomprensibile questa decisione, a meno che non ci siano resistenze ideologiche… adesso però è il momento di giocare a carte scoperte».

In ogni caso è un dato di fatto che sempre più italiani si affidino all’omeopatia, «un trend in crescita – ribadisce Gorga – da un risultato di una indagine di mercato di qualche mese fa, condotta da EMG Acqua, istituto affidabile di indagini e ricerca, circa il 18-19% della popolazione usufruisce di cure omeopatiche ad integrazione delle medicina tradizionali. Peraltro stiamo parlando di un settore che rimane costante se non in crescita a fronte di una crisi economica molto pesante».

«Ricordiamo – conclude il Presidente – che la medicina omeopatica è a totale carico del paziente, sia la prestazione medica che l’acquisto del medicinale, sottolineo che in altri paesi europei la spesa omeopatica viene rimborsata dal Sistema Sanitario Nazionale, ultima la svizzera che, poche settimane fa, l’ha inserita nei piani sanitari».

Articoli correlati
Farmaci sfusi, via libera alla sperimentazione in Italia. Li Bassi (Aifa): «Ridurrà l’inquinamento ambientale»
L'obiettivo è soddisfare i bisogni sanitari e migliorare l'efficientamento delle risorse a disposizione. Il ministro della Salute Grillo: «Potrebbe rivoluzionare la vendita dei farmaci al dettaglio»
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Trasparenza del prezzo dei farmaci, risoluzione italiana all’Oms. Il ministro Grillo: «Nel nostro paese 30 miliardi investiti per l’acquisto di farmaci tra pubblico e privato»
Il documento italiano sarà discusso a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio. Il direttore generale di Aifa Li Bassi: «Ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza internazionale»
di Isabella Faggiano
Disforia di genere: entra nel SSN la triptorelina, farmaco «blocca pubertà». Consulta Bioetica e società scientifiche approvano, pro life dice no
L’AIFA ha stabilito che il farmaco, un antitumorale, sia un medicinale erogabile a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale. Al tema è dedicata una guida realizzata dall'Associazione Medici Endocrinologi (AME), in collaborazione con Consulcesi Club: «Non considerare la varianza e la disforia di genere come disturbi è indispensabile in età infantile». Scienza& Vita si appella al governo
Farmaceutica, il ministro Grillo: «Emendamento su payback pregresso e nuovo Piano Aifa segnano cambiamento»
Con l’approvazione da parte delle Commissioni riunite Affari costituzionali e Lavori pubblici del Senato dell’emendamento a firma Sileri, nel corso della conversione in legge del decreto legge Semplificazioni, prosegue il cammino di riforma del settore della farmaceutica da parte del ministero della Salute e dell’Agenzia italiana del farmaco. «Si tratta – dichiara il ministro della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...