Salute 13 Settembre 2018

Occhio secco, colpito un italiano su quattro e il 60% delle donne sopra i 50 anni. Attenzione all’igiene oculare

I sintomi classici sono bruciore, arrossamento, sensazione di corpo estraneo e nei casi più gravi anche dolore e problemi di visione. Il nuoto può peggiorare il disturbo

Lacrimare fa bene agli occhi. E lo salva da un disturbo noto come “sindrome dell’occhio secco”. A dirlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità che lo ha definito uno dei disturbi tra i più ignorati e sottovalutati della società moderna con un impatto sulla vita sociale e professionale molto forte e che riguarda 350 milioni di persone nel mondo e il 25% degli italiani.

I sintomi classici sono bruciore, arrossamento, sensazione di corpo estraneo e nei casi più gravi anche dolore e problemi di visione.

LEGGI ANCHE: OCCHIO SECCO: SMOG, ALIMENTAZIONE E DEVICE ELETTRONICI I FATTORI SCATENANTI

Tipica anche la sensazione di sabbia negli occhi. «L’occhio è circondato da una sottile pellicola, chiamata film lacrimale, che è ricco di numerose sostanze nutritive e protettive in equilibrio tra loro – spiega Aldo Caporossi, Direttore della Clinica Oculistica Policlinico A. Gemelli di Roma –  Possiamo immaginare il film lacrimale come una sorta di sandwich: esternamente c’è uno strato lipidico che impedisce alla componente acquosa di evaporare, internamente a contatto con le strutture oculari c’è uno strato di mucine che tiene la parte acquosa attaccata alle cellule, e la parte acquosa che è la più ampia, è localizzata in mezzo alle due precedenti».

Sono soprattutto gli anziani e le donne a soffrirne di più. Questo perché sopra i 60 anni è molto comune lo sviluppo di un deficit dello strato lacrimale acquoso dovuto proprio all’età. Nelle donne questo disturbo si manifesta con più frequenza perché gli estrogeni fanno diminuire la parte lipidica inducendo una maggior evaporazione del film lacrimale. La situazione per le donne peggiora poi in menopausa tanto che la secchezza oculare arriva ad interessare il 50% delle over 45 e fino al 90% delle donne in menopausa perché le variazioni di livelli ormonali tipiche di questa fase della vita delle donne possono ridurre il film lacrimale.

Cosa fare per fronteggiare questo problema? Per prima cosa, è fondamentale curare l’igiene oculare: palpebre e ciglia devono essere mantenute sempre perfettamente pulite e quindi le donne devono struccarsi bene. Poi è indispensabile migliorare la lubrificazione dell’occhio sia bevendo tanta acqua sia mettendo delle lacrime artificiali ma avendo cura di scegliere quelle monodose per evitare conservanti che potrebbero provocare irritazione e infiammazione peggiorando la situazione.

A peggiorare i sintomi dell’occhio secco possono essere alcuni sport come il nuoto, specie nei casi in cui si pratica un’attività sportiva agonistica come la pallanuoto perché si è a contatto con acqua clorurata per periodi prolungati e senza la protezione degli occhialini.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Salute visiva, Stirpe (Fondazione Bietti): «La superficie oculare risente dell’ambiente inquinato»
«Il 30% degli over 70 può sviluppare maculopatie. Possono nascondersi dietro a fattori ambientali o genetici: fumo, stile di vita errato. I danni del fumo e dell’inquinamento sono simili: ma ricercando le cause delle patologie non si puntualizza mai quanto sia importante vivere in un ambiente verde» così Mario Stirpe, Presidente Fondazione Bietti Onlus
Occhio secco, make up sul banco degli imputati insieme a interventi estetici e iniezioni antiaging
Secondo uno studio presentato dalla Tear Film & Ocular Surface Society (TFOS) può divenire un nemico del film lacrimale perché particelle di cosmetici possono migrare sulla superficie oculare alterando il delicato film idrolipidico che la ricopre
Occhio secco tra le principali cause di visita oculistica: colpisce oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo
Un fenomeno in crescita a causa di stili di vita ed esposizione a schermi. A Roma i maggiori esperti della vista statunitensi ed europei si incontreranno per discutere di malattie dell'apparato visivo e di soluzioni innovative
L’occhio artificiale made in USA ha anche origini italiane: parla la professoressa Massaro-Giordano
La condirettrice del Penn Dry Eye and Ocular Surface Center di Philadelphia: «Abbiamo ricreato la superficie dell’occhio con cellule umane e idrogel. Così combattiamo la sindrome dell’occhio secco». Il senatore Sileri (M5S): «La fantascienza è diventata scienza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli