Salute 17 Marzo 2014

Nuovo governo, obblighi assicurativi e formazione: la sanità guarda al futuro

Intervista esclusiva a Roberto Lala, presidente OMCeO di Roma: “ Stop ai tagli, sì ad una riorganizzazione del sistema”

Immagine articolo

Tanta carne al fuoco, molte incognite e altrettante opportunità: è questo lo scenario tracciato dal primo trimestre dell’anno per il mondo della sanità. Il nuovo governo e il timore di nuovi tagli; le scadenze imminenti e le criticità in materia di Rc professionale; la necessità, per gli operatori sanitari di oggi, di aggiornarsi costantemente e le agevolazioni offerte, in quest’ambito, dalle nuove tecnologie e dalla FAD. Sanità Informazione ha sentito, su questi temi, il parere di Roberto Lala, presidente di una realtà importantissima nel panorama della sanità italiana: l’OMCeO di Roma, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri più grande d’Europa, che conta ben 42mila iscritti.

Presidente, attualmente sono tante le novità per il mondo medico, dal rinnovo del governo alle nuove istanze per la sanità del futuro.
Si tratta di questioni che dobbiamo affrontare insieme al Governo e alle Regioni: la sanità del Lazio arranca dal 2008, complici gli anni di commissariamento che non hanno portato soluzioni ma solo tagli. E non è riducendo le risorse che si risolvono i problemi, al contrario, si aumentano i danni. Bisogna trovare un’altra strada. Non più tagli, quindi, ma una riorganizzazione efficiente del sistema, anche inserendo nuovi professionisti, perché attualmente i medici sono davvero pochi.  La Regione ha dichiarato di voler perseguire questa politica, e speriamo che alle parole seguano i fatti.

Il punto non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere insostenibile per il professionista

Un tema caldo e imminente è anche quello della responsabilità  professionale: il termine ultimo per adempiere all’obbligo è vicino.
Una questione che definirei non solo calda, ma preoccupante. Non credo esista ad oggi un medico non ancora assicurato: operare senza assicurazione è impensabile. Il punto, quindi, non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere economicamente insostenibile per il professionista. E’ necessario individuare gli strumenti affinché il medico si assicuri, tutelando sé stesso ed il paziente, ma anche porre dei limiti alle richieste di risarcimento, talvolta non motivate, altre volte legittime ma inequivocabilmente esagerate.

Un altro punto essenziale per i medici riguarda la formazione e l’obbligo di aggiornamento costante. Tra tante idee e proposte, le nuove tecnologie aiutano grazie alla formazione a distanza.
Assolutamente sì. Ci siamo resi conto che con la sola formazione residenziale, a causa dei suoi molteplici limiti, sarebbe impossibile fronteggiare delle esigenze così sentite. La strada giusta credo stia nel coniugare i due strumenti: quindi sì alla formazione residenziale, che garantisce il pur importantissimo confronto diretto, ma via libera soprattutto alle nuove tecnologie e alla FAD, che garantisce uguali possibilità di formazione per tutti, senza discriminazioni di sorta. Uno strumento che va lanciato e che dovrà essere fortemente utilizzato da oggi in poi.

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»
Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano