Salute 17 marzo 2014

Nuovo governo, obblighi assicurativi e formazione: la sanità guarda al futuro

Intervista esclusiva a Roberto Lala, presidente OMCeO di Roma: “ Stop ai tagli, sì ad una riorganizzazione del sistema”

Immagine articolo

Tanta carne al fuoco, molte incognite e altrettante opportunità: è questo lo scenario tracciato dal primo trimestre dell’anno per il mondo della sanità. Il nuovo governo e il timore di nuovi tagli; le scadenze imminenti e le criticità in materia di Rc professionale; la necessità, per gli operatori sanitari di oggi, di aggiornarsi costantemente e le agevolazioni offerte, in quest’ambito, dalle nuove tecnologie e dalla FAD. Sanità Informazione ha sentito, su questi temi, il parere di Roberto Lala, presidente di una realtà importantissima nel panorama della sanità italiana: l’OMCeO di Roma, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri più grande d’Europa, che conta ben 42mila iscritti.

Presidente, attualmente sono tante le novità per il mondo medico, dal rinnovo del governo alle nuove istanze per la sanità del futuro.
Si tratta di questioni che dobbiamo affrontare insieme al Governo e alle Regioni: la sanità del Lazio arranca dal 2008, complici gli anni di commissariamento che non hanno portato soluzioni ma solo tagli. E non è riducendo le risorse che si risolvono i problemi, al contrario, si aumentano i danni. Bisogna trovare un’altra strada. Non più tagli, quindi, ma una riorganizzazione efficiente del sistema, anche inserendo nuovi professionisti, perché attualmente i medici sono davvero pochi.  La Regione ha dichiarato di voler perseguire questa politica, e speriamo che alle parole seguano i fatti.

Il punto non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere insostenibile per il professionista

Un tema caldo e imminente è anche quello della responsabilità  professionale: il termine ultimo per adempiere all’obbligo è vicino.
Una questione che definirei non solo calda, ma preoccupante. Non credo esista ad oggi un medico non ancora assicurato: operare senza assicurazione è impensabile. Il punto, quindi, non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere economicamente insostenibile per il professionista. E’ necessario individuare gli strumenti affinché il medico si assicuri, tutelando sé stesso ed il paziente, ma anche porre dei limiti alle richieste di risarcimento, talvolta non motivate, altre volte legittime ma inequivocabilmente esagerate.

Un altro punto essenziale per i medici riguarda la formazione e l’obbligo di aggiornamento costante. Tra tante idee e proposte, le nuove tecnologie aiutano grazie alla formazione a distanza.
Assolutamente sì. Ci siamo resi conto che con la sola formazione residenziale, a causa dei suoi molteplici limiti, sarebbe impossibile fronteggiare delle esigenze così sentite. La strada giusta credo stia nel coniugare i due strumenti: quindi sì alla formazione residenziale, che garantisce il pur importantissimo confronto diretto, ma via libera soprattutto alle nuove tecnologie e alla FAD, che garantisce uguali possibilità di formazione per tutti, senza discriminazioni di sorta. Uno strumento che va lanciato e che dovrà essere fortemente utilizzato da oggi in poi.

Articoli correlati
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...