Salute 7 Aprile 2014 16:12

Numero chiuso, partono i test in un clima al vetriolo

Oggi i primi quiz e poi si continuerà il 29 aprile ed il 3 settembre: tra i banchi 70mila studenti per 10mila posti. Intanto però il caso continua ad avere anche risvolti legali

Numero chiuso, partono i test in un clima al vetriolo

Al via i test d’ammissione ai corsi di laurea a numero chiuso in materie sanitarie: le università italiane aprono i battenti per dare una chance alle migliaia di aspiranti camici bianchi di realizzare il proprio sogno professionale.

Ad inaugurare le danze sono oggi, 8 aprile, le facoltà di Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana. Si continua il 29 aprile con i quiz di accesso ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia in lingua inglese, per finire, il 3 settembre, con quelli relativi alle Professioni Sanitarie.

La fatidica prova, che da stamattina vedrà impegnati oltre 69mila studenti, permetterà solo a 9.983 fortunati di assicurarsi uno dei posti che il Ministero dell’Istruzione ha messo quest’anno a disposizione negli atenei italiani per gli aspiranti medici. Le statistiche registrano un sensibile calo del numero di candidati rispetto al passato; un dato che è probabilmente imputabile al fatto che quest’anno, per la prima volta, il test di ammissione ha luogo prima della chiusura dell’anno scolastico, e in un periodo cruciale per gli studenti alle prese anche con la preparazione per l’esame di Stato. Un forte segnale di discontinuità col passato, che ha scoraggiato non pochi.

Il criterio del numero chiuso è attualmente al centro di un dibattito tra chi lo ritiene uno strumento necessario a garantire un adeguato livello qualitativo nella formazione, e chi invece lo considera un espediente, se non proprio discriminatorio, sicuramente inopportuno vista la carenza di figure professionali sanitarie di cui soffre il nostro Paese, tanto da andare a ricercarle all’estero. Una disputa ideologica che, come spesso accade, ha trovato spazio anche nelle aule dei tribunali: sono infatti numerosi i ricorsi in merito proposti e accolti dal TAR, da parte di studenti inizialmente esclusi.

L’ultima ordinanza, relativa al Tribunale Amministrativo del Lazio, risale a pochissime settimane fa, ed ha permesso, grazie all’accoglimento dell’istanza proposta, l’immatricolazione con riserva ad un gruppo di studenti illegittimamente scartati ai test.

Articoli correlati
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Test medicina: da quesiti errati a procedure ambigue, valanga di segnalazioni a Consulcesi
Arriva il form dedicato per raccogliere segnalazioni. Tortorella (presidente Consulcesi): «Pronti a sostenere i candidati fin da subito per accedere alla graduatoria finale»
Diventare medico: ecco come nasce un sogno
Dalle tradizioni familiari alla vocazione post pandemia, i racconti da tutta Italia dei ragazzi che si sono cimentati nei test di accesso a Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola