Salute 29 Maggio 2024 12:21

NSCLC localmente avanzato o metastatico: con Dato-DXd migliora la sopravvivenza globale

Nella popolazione complessiva dello studio di fase III TROPION-Lung01, l’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato datopotamab deruxtecan (Dato-DXd), ha mostrato un dato di sopravvivenza globale numericamente superiore rispetto alla chemioterapia, pur non raggiungendo la significatività statistica

NSCLC localmente avanzato o metastatico: con Dato-DXd migliora la sopravvivenza globale

Novità importante nella terapia del carcinoma polmonare non a piccole cellule. I risultati principali dello studio di fase III TROPION-Lung01, che ha già raggiunto la sopravvivenza libera da progressione, hanno mostrato un dato di sopravvivenza globale numericamente superiore per datopotamab deruxtecan (Dato-DXd) rispetto a docetaxel nella popolazione complessiva dello studio, senza tuttavia raggiungere la significatività statistica.

La popolazione era composta da pazienti adulti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) localmente avanzato o metastatico, trattati con almeno una precedente linea di terapia. Nel sottogruppo pre-specificato di pazienti con NSCLC non squamoso, datopotamab deruxtecan ha mostrato un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza globale rispetto a docetaxel, l’attuale chemioterapia standard di cura in questa tipologia di pazienti.

Datopotamab deruxtecan è un anticorpo monoclonale farmaco-coniugato (antibody drug-conjugate, ADC) ingegnerizzato per essere diretto in modo specifico contro il recettore TROP2.

L’analisi finale della sopravvivenza globale si aggiunge ai risultati positivi sulla sopravvivenza libera da progressione presentati lo scorso anno al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (#ESMO23), che hanno mostrato per datopotamab deruxtecan un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione nella popolazione complessiva dello studio e un beneficio clinicamente significativo della sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con NSCLC non squamoso.

Nello studioTROPION-Lung01, l’arruolamento dei pazienti in base all’istologia del tumore è stato bilanciato tra i bracci di trattamento ed è coerente con l’incidenza nel mondo reale che vede il 75% dei pazienti affetti da NSCLC con istologia non squamosa.

Il profilo di sicurezza di datopotamab deruxtecan in TROPION-Lung01 è coerente con la precedente analisi, con un minor numero di riduzioni della dose o di interruzioni a causa di eventi avversi rispetto a docetaxel, e non sono stati identificati nuovi problemi di sicurezza. Nessun nuovo evento di malattia polmonare interstiziale di qualsiasi grado è stato giudicato correlato al farmaco.

“Il miglioramento della sopravvivenza globale osservato con datopotamab deruxtecan, insieme alla sopravvivenza libera da progressione clinicamente significativa precedentemente riportata, a una risposta anti-tumorale più che raddoppiata e a una durata prolungata della risposta rispetto a docetaxel, suggeriscono che questo anticorpo farmaco-coniugato anti-TROP2 ha le potenzialità per diventare un nuovo importante trattamento per i pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule non squamoso in fase metastatica avanzata”, osserva Ken Takeshita, Capo Globale R&S di Daiichi Sankyo,“Questi dati su datopotamab deruxtecan sosterranno le nostre richieste di autorizzazione presso le autorità regolatorie di tutto il mondo, al fine di avere la possibilità di portare questo ADC anti-TROP2 ai pazienti il più rapidamente possibile, e segneranno un altro passo avanti nella creazione di nuovi standard di cura per i pazienti oncologici.”

“Datopotamab deruxtecan è l’unica terapia in fase di sperimentazione nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule non squamoso precedentemente trattati, a mostrare un miglioramento della sopravvivenza clinicamente significativo rispetto a docetaxel, che è stato a lungo insuperato in questa popolazione di pazienti pretrattata con immunoterapia e terapia target” , dichiara Susan Galbraith, Vice Presidente Esecutivo, R&S, Oncologia di AstraZeneca, “Questi risultati rafforzano il potenziale di datopotamab deruxtecan nel sostituire la chemioterapia convenzionale in questo contesto di linee avanzate di terapia e sottolineano la nostra fiducia negli studi in corso, che lo valutano nella prima linea di trattamento della malattia metastatica”.

I nuovi dati dello studio saranno presentati in occasione di un prossimo congresso medico e supporteranno le richieste di autorizzazione attualmente in esame a livello globale, compresi gli Stati Uniti e l’Unione Europea, per il trattamento di pazienti adulti con NSCLC non squamoso localmente avanzato o metastatico che hanno ricevuto una precedente terapia sistemica.

 

Articoli correlati
Cancro al seno triplo negativo, dati su anticorpo monoclonale confermano risposta duratura e controllo della malattia
Nuovi dati dalla coorte TNBC dello studio di fase 1 del datopotamab deruxtecan di Daiichi Sankyo e AstraZeneca sono stati presentati al SABCS2021
Cancro al Polmone, l’ADC Datopotamab Deruxtecan raccoglie risultati incoraggianti
Al Congresso ESMO presentati i dati incoraggianti dello studio di fase 1 con datopotamab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato sviluppato da Daiichi Sankyo e Astrazeneca per il trattamento di vari tipi di tumori solidi
Carcinoma mammario triplo negativo metastatico: i dati sull’anticorpo monoclonale di Daiichi Sankyo e AstraZeneca sono promettenti
I primi risultati di dapotomab deruxtecan nelle pazienti affette da questo tipo di carcinoma mostrano un’attività clinica preliminare. I dati dello studio TROPION-PanTumor01 presentati all’ESMO Breast 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...