Salute 5 luglio 2017

«Non diventino invisibili», la battaglia della Commissione Parlamentare Infanzia su diritti minori diversamente abili

La Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza, sotto la presidenza dell’onorevole Michela Vittoria Brambilla, approva l’indagine conoscitiva sulla tutela della salute psicofisica dei minori. «Abbattere barriere fisiche e mentali», ha sottolineato l’ex ministro

Immagine articolo

Servizi di neuropsichiatria infantile non sempre in grado di offrire trattamenti tempestivi ed appropriati, gravi carenze quantitative e qualitative dell’offerta riabilitativa, edifici scolastici non adeguati alle esigenze di bambini e ragazzi diversamente abili. Sono alcune delle principali criticità evidenziate nell’indagine conoscitiva sulla tutela della salute psicofisica dei minori, sezione “Il diritto alla salute dei minori diversamente abili”, approvata nei giorni scorsi dalla Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza sotto la presidenza dell’onorevole Michela Vittoria Brambilla (FI): «È dovere dell’Italia mettere al primo posto dell’agenda della salute chi è più in difficoltà. In quest’ottica, maggiormente vulnerabili sono i bambini, in particolare i bambini diversamente abili, che non devono diventare invisibili», ha dichiarato l’onorevole Brambilla in occasione della presentazione dell’Indagine avvenuta di recente in Senato.

«In questo Paese le fasce più vulnerabili devono essere tutelate, il nostro impegno è quello di garantire loro questo diritto con la speranza che finalmente la politica si ravveda e capisca che anche chi non ha voce, chi non vota e magari non scende in piazza, ha tanti diritti quanti chi si fa più sentire».

Il documento, sintesi di 42 audizioni svolte in circa un anno, è stato illustrato e discusso da un prestigioso “panel” di esperti tra cui il professor Nicola Marcello Portinaro, Direttore della Clinica ortopedica dell’Università degli Studi di Milano e Direttore scientifico della Fondazione Ariel (Centro disabilità neuromotorie infantili); la Dottoressa Maria Antonella Costantino, Presidente della Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (SINPIA); il Professor Umberto Ambrosetti associato di Audiologia e Foniatria dell’Università di Milano e Direttore f.f. dell’Unità Operativa di Audiologia; la Professoressa Letizia Leocani, associato di neurologia dell’Università Vita-Salute San Raffaele e Responsabile del Centro di Stimolazione Magnetica Intracerebrale dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

«Un altro riflettore da accendere è quello sulle famiglie delle fasce più vulnerabili – ha proseguito l’onorevole Brambilla –, molto spesso capita che i genitori, dopo aver affrontato le fasi acute delle terapie con i loro figli, tornino a casa e a quel punto si ritrovino soli. Tutto questo è inaccettabile innanzitutto dal punto di vista etico e poi anche in ottica d’investimenti per il futuro. Un grande Paese come l’Italia deve mettere questi temi tra le priorità: cominciare a mettere a disposizione risorse adeguate e garantire servizi appropriati».

Inoltre la Presidente Brambilla, nel corso dell’incontro, ha più volte sottolineato la sostanziale assenza di un dibattito pubblico sulla disabilità «che invece dovrebbe essere una grande questione nazionale, a maggiore ragione quando si parla di bambini».

Legato a questo è il problema di come realizzare pienamente nella scuola l’inclusione prevista dalle norme. «È evidente – ha spiegato l’ex ministro – che sono necessari almeno due adeguamenti: il primo, è quello dell’offerta di ore di sostegno e di continuità didattica. Il secondo adeguamento è quello richiesto per uniformare gran parte (30-50%) degli edifici scolastici alla normativa relativa all’abbattimento delle barriere architettoniche». Sul tema, schierata in prima linea, è la Onlus FIABA, che con alla guida il Presidente Giuseppe Triste, intervenuto all’incontro in Senato, lavora da anni per combattere il pregiudizio nei confronti delle fasce più vulnerabili che non si esplica solo nelle strutture fisicamente non accessibili a tutti ma anche in manifestazioni comportamentali e ideologiche.

LEGGI LA CARTA DEONTOLOGICA DELLE PRM DI FIABA ONLUS

«In Italia il diritto all’istruzione è una certezza – conclude l’onorevole Brambilla – ma quando questo viene messo in discussione perché minori con difficoltà motorie non riescono ad accedere agli spazi scolastici, allora il problema è concreto, tangibile e va affrontato».

Articoli correlati
Erba, ecco l’ambulatorio “ospitale” per persone con gravi disabilità
«È diritto di ogni individuo godere di una accoglienza che garantisca un percorso diagnostico tempestivo con un orientamento ed un programma terapeutico adeguati. Per i pazienti disabili l’accesso a tali percorsi spesso si rivela ancor più problematico». Con queste parole Pierpaolo Maggioni, direttore sanitario dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (Como)  annuncia una riorganizzazione del servizio delle […]
XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»
La malattia rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità. La presidente dell’Associazione per lotta all’ictus: «I maschi sono più colpiti delle donne. Colpisce per lo più sopra i 65 anni, ma l’età media si sta abbassando»
di Isabella Faggiano
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Conferenza Regioni, via libera al riparto di 110,1 miliardi del fondo sanitario. Borse MMG aumentano di 800 unità
Assegnati 75 milioni del Fondo disabili alle Regioni a statuto ordinario. Saitta (Coordinatore Commissione Salute): «Gli specializzandi dell’ultimo anno operino immediatamente nell’ambito del sistema sanitario. L'auspicio è che il Governo riallinei il Fondo sanitario a livelli pari a quelli di altri Paesi europei e che soprattutto termini la stagione dei tagli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...