Salute 22 Febbraio 2021 12:09

NIPT: lo screening prenatale in un prelievo di sangue. Vaccari (Fnopo): «Per le sindromi di Down, Edwards e Patau attendibile al 99%»

In Emilia Romagna il NIPT (Non Invasive Prenatal Testing ) è gratuito. La vice presidente Fnopo: «Grazie ad un progetto regionale le donne in gravidanza, selezionate con apposito counseling, potranno sottoporsi al NIPT contemporaneamente al Bitest, evitando i rischi di esami più invasivi»

di Isabella Faggiano

Sapere se il bambino che si porta in grembo è affetto da anomalie cromosomiche, come la sindrome di Down, Patau o Edwards, senza esporsi ai rischi della villocentesi o dell’amniocetesi, è possibile.

E in Emilia Romagna non è nemmeno un lusso riservato a pochi. Grazie ad un progetto regionale, infatti, tutte le donne in gravidanza, che rientrano nei parametri di eleggibilità previsti dalla sperimentazione, possono sottoporsi gratuitamente al NIPT (Non Invasive Prenatal Testing), in combinazione con il Bitest, già previsto tra gli screening a carico del Sistema Sanitario Regionale.

Che cos’è il NIPT

«Il NIPT si effettua attraverso un semplice prelievo di sangue – spiega Silvia Vaccari, vicepresidente FNOPO, la Federazione Nazionale Ordini Ostetriche – dal cui campione viene isolato il Dna libero fetale circolante nel sangue materno. Analizzandolo è possibile valutare il rischio di anomalie cromosomiche come le trisomie 13-18 e 21 (rispettivamente sindrome di Patau, Edwards e Down) con un’attendibilità di circa il 99%. I risultati sono generalmente disponibili entro 4-7 giorni».

NIPT e Bitest a confronto

Il NIPT supera il Bitest, per affidabilità: «Il Bitest – sottolinea Vaccari – ha un’attendibilità che si aggira tra il 90 e il 93%. Questo test, oltre al prelievo di sangue materno, prevede un’ecografia esterna detta “traslucenza nucale”, che va a misurare lo spessore di una raccolta di liquido che si trova sotto al collo fetale, cioè la distanza tra la cute della nuca e l’osso occipitale del cranio. Se questo valore risulta alterato sarà possibile sospettare un’anomalia fetale». Entrambi i test prenatali non invasivi permettono di conoscere il sesso del nascituro e vanno effettuati intorno alla decima settimana di gestazione.

Villocentesi e amniocentesi, i rischi

Se i risultati del NIPT dovessero rilevare la presenza di un’anomalia cromosomica, sarà necessario procedere ad un esame invasivo, come la villocentesi o l’amniocentesi, per escludere un falso positivo.

«Durante una villocentesi, sulla base delle prove ad oggi disponibili – dice la vicepresidente Fnopo -, il rischio di aborto si considera compreso tra l’1-2%. Il rischio di infezioni uterine è inferiore a 1 ogni mille donne (dati del 2019). I pericoli collegati all’amniocentesi, invece, sono dovuti all’interruzione spontanea di gravidanza: il rischio di aborto collegato all’esecuzione dell’amniocentesi è attualmente al di sotto dello 0.5 % e nei Centri dove si effettuano almeno 500 procedure all’anno è di circa 0.03 % e, cioè, addirittura inferiore al rischio di abortività naturale di chi non la esegue (dati 2020)».

Se il NIPT è positivo

Ovviamente il NIPT non può considerarsi un sostituivo delle indagini invasive, come la villocentesi o l’amniocentesi, per chi voglia indagare un numero maggiore di patologie. Sarà la donna, attraverso un counseling adeguato con ginecologa e ostetrica, a valutare i rischi e i benefici tra un esame invasivo che offre più risposte, ma non è scevro di rischi, e un screening che indaga solo le principali anomalie, garantendo estrema sicurezza alla mamma ed al suo bambino.

Gli obiettivi del progetto dell’Emilia Romagna

Le donne residenti in Emilia Romagna che sceglieranno la seconda opzione, ovvero di sottoporsi al NIPT, potranno entrare a far parte del progetto regionale. «Si tratta di uno studio di fattibilità che intende confermare che l’attendibilità del NIPT sia realmente pari al 99%. E se i risultati, come crediamo che siano – sottolinea Vaccari -,  saranno positivi, si valuteranno non solo i rischi e i benefici per la donna e per il suo bambino, ma anche l’eventuale risparmio per il Sistema Sanitario Regionale, generato dalla riduzione del numero di esami invasivi, come villocentesi e amniocentesi. Il progetto avrà la durata di un anno ed ogni quattro mesi sarà tratto un bilancio dei risultati parziali».

Obiettivi futuri

«Se i numeri dovessero confermare le nostre aspettative, tutte più che positive, sarebbe auspicabile estendere lo stesso progetto anche ad altre regioni, permettendo così a molte donne di Italia di accedere ad un test che, altrimenti – conclude l’ostetrica -, a causa sei suoi elevati costi in regime privato, sarebbe inaccessibile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione professioni sanitarie, FNOPO: «Ddl Boldrini non rispecchia nostre necessità»
La Presidente Vaccari: «Se il testo del DDL intende essere una riforma tout court di tutte le professioni sanitarie, ribadiamo con forza la sua inadeguatezza poiché non rispetta né rispecchia le specificità di tutte le professioni citate né la normativa vigente»
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
2021: l’anno del “Baby Bust”? Vaccari (FNOPO): «-12.500 nuovi nati in 9 mesi»
La presidente FNOPO: «La denatalità riscontrata in questi due anni di pandemia ha colpito maggiormente le prime gravidanze. La solitudine non ha scoraggiato le donne al secondo o al terzo figlio»
Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»
di Isabella Faggiano
Continuità assistenziale ospedale-territorio. Traupe (FNOPO): «L’insostituibile ruolo dell’ostetrica dai consultori alle case della comunità»
La continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. L’ostetrica: «Intercettiamo le donne a rischio e le guidiamo verso le cure nosocomiali, al termine delle quali, in caso di cronicità le donne tornano nelle mani dell’assistenza territoriale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto