Salute 2 Marzo 2023 11:04

Naso che cola e tosse? Se non è Covid può essere allergia. Esperti: «Arrivo anticipato, attesa stagione intensa»

Anche se siamo ancora in inverno, è possibile che qualcuno abbia già iniziato a manifestare i primi sintomi dell’allergia ai pollini. A spiegarci il perché e cosa possiamo fare è Gianenrico Senna, pastpresident della Società italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC) e professore di Malattie Respiratorie all’Università di Verona

Naso che cola e tosse? Se non è Covid può essere allergia. Esperti: «Arrivo anticipato, attesa stagione intensa»

Con questo clima pazzo anche le piante sembrano essere impazzite e quelle «primaverili» hanno iniziato a fiorire anche se siamo ancora in inverno. Una bruttissima notizia per quei 10 milioni di italiani che soffrono di allergia ai pollini. «E’ possibile che qualcuno abbia già iniziato a manifestare i primi sintomi allergici», conferma a Sanità Informazione Gianenrico Senna, pastpresident della Società italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC) e professore di Malattie Respiratorie all’Università di Verona. Occhi rossi, rinite e tosse grassa e secca, in questo periodo, possono essere confuse con influenza o Covid, ma in realtà potrebbero dipendere da un inizio molto anticipato delle allergie primaverili.

Il caldo anomalo ha anticipato la stagione dei pollini

«Attualmente c’è già l’impollinazione di alcune specie allergeniche, ad esempio il cipresso e la betulla», dice Senna. «In verità, queste piante hanno già iniziato a fiorire nel mese di gennaio con la complicità di temperature sopra la media», aggiunge. Ma per gli allergici le brutte notizie non finiscono qui. «Il caldo anomalo – continua Senna – può far sì che le stagioni dei pollini, non solo durino di più, ma siano anche più intense. E’ quindi molto probabile che anche quest’anno i sintomi allergici siano più fastidiosi e difficili da controllare se non si inizia tempestivamente la terapia farmacologica».

Senna: «Senza mascherina i sintomi dell’allergia saranno più forti»

Potrebbe anche farsi sentire l’«effetto pandemia». «Il fatto che per lungo tempo sono state utilizzate le mascherine sia al chiuso che all’aperto, gli allergici hanno beneficiato di una buona protezione contro i pollini e quindi anche contro i sintomi allergici», spiega Senna. «Ora però che le mascherine non si usano più all’aperto, ci sarà probabilmente una maggiore esposizione al polline e, quindi, una maggiore percezione dei sintomi stessi», aggiunge.

Antistaminici e steroidi vanno iniziati all’inizio della stagione dell’allergia

La buona notizia è che abbiamo a disposizione terapie mediche efficaci nel controllo dei sintomi. «E’ consigliabile cominciare la terapia all’inizio della stagione dell’impollinazione – raccomanda Senna – perchè è più efficace quando la sintomatologia non è ancora già esplosa. I trattamenti si basano sulla somministrazione di antistaminaci in modo continuativo, che sono sicuri tanto che si usano anche in gravidanza. Nei casi in cui c’è un’ostruzione nasale l’aggiunta di steroidi per via inalatoria può essere di grande aiuto, è sicura e senza effetti collaterali importanti».

Senna: «Con immunoterapie specifiche possibile prevenire i sintomi»

«Dal punto di vista preventivo ci sono immunoterapie molto specifiche che vanno somministrate prima dell’inizio della stagione», dice Senna. «Sono molto efficaci contro i sintomi ed evitano che la rinite si complichi in asma bronchiale. E’ un trattamento – continua – che si somministra per via sublinguale senza effetti colletarali, se non disturbi locali lievi come prurito del cavo orale. La soluzione migliore è la combinazione di immunoterapia fatta prima e della terapia farmacologia quando inizia l’impollinazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel 2022 il caldo ha ucciso oltre 70mila persone in Europa, più di quanto stimato prima
Durante l'estate del 2022 la mortalità per caldo in Europa è stata piuttosto elevata, più di quanto precedentemente stimato. Uno studio condotto dall’Istituto di Barcellona per la salute globale, pubblicato su The Lancet Regional Health – Europe, ha concluso che, a causa delle temperature elevate, si sarebbero verificati oltre 70.000 decessi nel Vecchio Continente lo scorso anno
«Colpi di calore, a rischio donne in gravidanza e menopausa». I consigli del ginecologo
«Donne in gravidanza e in menopausa attenzione ai colpi di calore in agguato». A mettere in guardia,  invitando a proteggersi in queste giornate roventi, è Claudio Giorlandino, ginecologo, direttore scientifico dell'Istituto di Ricerche Altamedica
Caldo, una mappa degli interventi per proteggere i fragili a domicilio
Una mappa di alcuni degli interventi in corso da Nord a Sud per proteggere i pazienti fragili dall’emergenza caldo. Il presidente Fiaso, Migliore: «Grande attenzione alla comunicazione per evitare afflusso eccessivo nei pronto soccorso nei prossimi giorni»
INTERVISTA | L’allarme di Monsignor Paglia: «Nostri anziani non muoiono di caldo, ma di solitudine e abbandono»
A Sanità Informazione Monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita, lancia un monito a prendersi cura degli anziani specialmente ora che siano nel pieno di un'ondata di calore estremo: «Molte famiglie sono eroiche e non lasciano soli genitori e nonni. Basta RSA come quella del dramma di Milano. DDL 33/2023 sia riforma profonda, non ennesima "leggina"...»
Allarme caldo africano, da Federanziani decalogo salva-vita
Dal prossimo venerdì sono previste temperature altissime con punte di 38-40 gradi. E con l’allerta per le ondate di calore, comincia per i cittadini anziani e fragili la stagione più difficile, quella in cui le condizioni climatiche possono rappresentare un grave pericolo per la salute e per la vita. Da Senior Italia FederAnziani un decalogo anti-caldo, pensato per proteggere i nostri nonni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...