Salute 21 novembre 2016

Nasce l’Osservatorio Farmaci Orfani, una “lobby” per combattere le malattie rare

OSSFOR è il primo centro studi e think-tank interamente dedicato allo sviluppo di policy di incentivo e sostenibilità per il settore delle cure per le malattie rare. Il coordinatore dell’Osservatorio, Francesco Macchia: «La nostra mission è colmare lacune nella conoscenza sul tema e favorire sinergia tra il mondo istituzionale, politico, accademico ed imprenditoriale per creare libero confronto per nuove proposte e strategie»

Immagine articolo

Un centro studi per aumentare la consapevolezza generale e il dibattito sul tema delle malattie rare e dei farmaci orfani. Una «sana lobby», come l’ha definita la senatrice e membro della Commissione “Igiene e Sanità” Laura Bianconi (Ap), nel corso della conferenza di presentazione dell’Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR), ovvero il primo think-tank interamente dedicato allo sviluppo di policy di incentivo e sostenibilità per il settore delle cure per le malattie rare. «Questo osservatorio – ha spiegato la senatrice – ci permetterà di realizzare due obiettivi fondamentali: avere un occhio attento che seguirà tutto ciò che è nuovo e che favorisce la ricerca; dotarsi di un “braccio armato” che ci permetterà di creare un consenso intorno alle battaglie e relazioni con gli stakeholder del settore».

L’osservatorio, frutto di una iniziativa congiunta del centro di ricerca Crea Sanità (Consorzio per la ricerca economica applicata in sanità) e della testata Osservatorio Malattie Rare (Omar), sarà uno strumento utile ad avere una fotografia chiara, ma anche a favorire la messa a punto di politiche innovative e sostenibili per rendere il sistema meglio organizzato.

«Il nostro primo obiettivo – ha sottolineato Francesco Macchia dell’Ossfor – sarà colmare una lacuna di conoscenze attraverso nuove informazioni, per poi generare un confronto aperto e diretto tra istituzioni e stakeholder. Vogliamo proporre soluzioni per una gestione ottimale del settore, e contribuire a realizzare un sistema dove l’utilizzo delle terapie orfane sia ottimizzato per massimizzarne il ritorno in termini di salute, prima ancora di minimizzare la spesa annuale, compensando così gli importanti investimenti necessari a sostenerlo. Un sistema di cura nel quale i farmaci orfani abbiano valutazioni severe e continue, ma nel quale i pazienti possano avere rapido accesso alle terapie, limitando così i costi sanitari e umani di una terapia».

«Troppo spesso – ha spiegato Federico Spandonaro, presidente di Crea Sanità – le riforme qui in Italia si fanno per urgenze, e quindi di fretta e male. È dunque necessario fare tutto il possibile, nei tempi che servono, per aumentare la conoscenza delle varie parti chiamate in causa nelle decisioni che riguardano tutti. L’Osservatorio farà questo: diffondere conoscenza e informazioni corrette».

«Informare è il nostro primo obiettivo –  ha dichiarato la dottoressa Ilaria Ciancaleoni, direttrice dell’Osservatorio Malattie Rare –, così come scardinare credenze e convinzioni sbagliate che nascono proprio dalla mancanza di giuste informazioni. Spesso sento dire, ad esempio, che i farmaci orfani costano troppo e che si faccia poca ricerca. In realtà, di ricerca se ne fa molta, anche se per motivi economici non è possibile fare una ricerca “pubblica”, ma solo privata, e i farmaci che vengono immessi sul mercato costano molto, ma non troppo. Ciò dipende dalle spese elevate cui i centri di ricerca devono far fronte, con prospettive di vendita che, a causa della natura stessa dei farmaci orfani, non possono essere elevate. L’Osservatorio si farà dunque carico, per quanto possibile, non solo delle criticità relative alla creazione del farmaco (e dunque ricerca, leggi, e così via) ma anche dell’accesso alle terapie, che ancora oggi risulta molto problematico per tantissime persone».

 

Articoli correlati
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...