Salute 12 Febbraio 2018 16:07

Nadia Toffa: «Ho avuto un cancro e porto la parrucca. Provare vergogna è inaccettabile»

La conduttrice de Le Iene torna in tv dopo il malore dello scorso dicembre e svela: «Mi sono curata, ho fatto chemio e radio. Non trattateci da malati, siamo guerrieri»

Nadia Toffa torna a Le Iene, forte e combattiva come sempre, ma con una grande verità da raccontare al suo pubblico. Due mesi fa, in seguito al malore che aveva fatto temere per la sua vita, era stata letteralmente inondata di messaggi di stima e affetto. Ed ora, passata la tempesta, ha deciso di rivelare, commossa, di aver avuto la terribile diagnosi di un cancro e di essersi curata. «Mi prendo due minuti per raccontarvi cosa è accaduto in questi due mesi» esordisce, visibilmente turbata, entrando in studio tra gli applausi del pubblico e gli abbracci dei colleghi. E ancora: «Ho avuto un cancro, mi sono curata. Sono stata operata. I medici mi hanno tolto il 100 per cento del tumore. Ho fatto una chemio e una radio preventive. Non lo sapeva nessuno e ora ve ne posso parlare».

La giornalista continua rassicurando sulle sue condizioni attuali di salute, ma ricordando anche i momenti più duri: «Ora sto benissimo. E rispetto a quello che mi è successo, penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca, questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili. Quando vedi le prime ciocche di capelli che ti rimangono in mano è un momento molto forte» rivela emozionata. Con il sorriso e l’energia che la contraddistingue chiude con un invito e l’avvertimento, più importante, sulle “cure alternative”: «Vi chiedo normalità. Continuate a prendermi in giro, a criticarmi. Chi combatte contro il cancro va trattato come un guerriero non come un malato: siamo dei fighi pazzeschi e le uniche cure contro il cancro sono la chemio e la radio. Non c’è altro che possa curarti».

Articoli correlati
“Mi sento bene”, il progetto di inclusività in cui la dermocosmesi specialistica incontra il sociale
La farmacista e cosmetologa Myriam Mazza: «Il nostro lavoro, in sinergia con quello del dermatologo, è la chiave per aiutare le donne a prevenire e trattare patologie cutanee invalidanti»
Qualità della vita nelle pazienti oncologiche, l’esperta: «Salvaguardare benessere sociale, fisico ed emotivo»
Esther Natalie Oliva, ematologa del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, spiega quali sono le ripercussioni del cancro sulla qualità della vita delle pazienti
Recovery Plan, per la sanità 20 miliardi. Come verranno utilizzati
Cosa prevede il capitolo "Salute" del Recovery Plan approvato ieri dal Consiglio dei Ministri
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
Il contraccolpo indiretto del Covid sul SSN e sulle altre patologie
La sanità oltre il Covid-19: ridotti del 50% gli interventi cardiologici, crollo negli screening, visite specialistiche con picchi del -70%, aumento della natimortalità
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»