Salute 12 Febbraio 2018 16:07

Nadia Toffa: «Ho avuto un cancro e porto la parrucca. Provare vergogna è inaccettabile»

La conduttrice de Le Iene torna in tv dopo il malore dello scorso dicembre e svela: «Mi sono curata, ho fatto chemio e radio. Non trattateci da malati, siamo guerrieri»

Nadia Toffa torna a Le Iene, forte e combattiva come sempre, ma con una grande verità da raccontare al suo pubblico. Due mesi fa, in seguito al malore che aveva fatto temere per la sua vita, era stata letteralmente inondata di messaggi di stima e affetto. Ed ora, passata la tempesta, ha deciso di rivelare, commossa, di aver avuto la terribile diagnosi di un cancro e di essersi curata. «Mi prendo due minuti per raccontarvi cosa è accaduto in questi due mesi» esordisce, visibilmente turbata, entrando in studio tra gli applausi del pubblico e gli abbracci dei colleghi. E ancora: «Ho avuto un cancro, mi sono curata. Sono stata operata. I medici mi hanno tolto il 100 per cento del tumore. Ho fatto una chemio e una radio preventive. Non lo sapeva nessuno e ora ve ne posso parlare».

La giornalista continua rassicurando sulle sue condizioni attuali di salute, ma ricordando anche i momenti più duri: «Ora sto benissimo. E rispetto a quello che mi è successo, penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca, questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili. Quando vedi le prime ciocche di capelli che ti rimangono in mano è un momento molto forte» rivela emozionata. Con il sorriso e l’energia che la contraddistingue chiude con un invito e l’avvertimento, più importante, sulle “cure alternative”: «Vi chiedo normalità. Continuate a prendermi in giro, a criticarmi. Chi combatte contro il cancro va trattato come un guerriero non come un malato: siamo dei fighi pazzeschi e le uniche cure contro il cancro sono la chemio e la radio. Non c’è altro che possa curarti».

Articoli correlati
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali