Salute 15 Febbraio 2019 18:03

MolMed: presentato all’EHA (European Hematology Association) di Parigi il protocollo dello studio sul CAR T CD 44v6 nell’uomo

MolMed S.p.A. (“MolMed”, MLMD.MI), azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare e coordinatore del progetto EURE CART, comunica che oggi a Parigi, nell’ambito del 1st European CAR T Cell Meeting, organizzato dall’European Hematology Association (EHA), il professor Fabio Ciceri, […]

MolMed S.p.A. (“MolMed”, MLMD.MI), azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare e coordinatore del progetto EURE CART, comunica che oggi a Parigi, nell’ambito del 1st European CAR T Cell Meeting, organizzato dall’European Hematology Association (EHA), il professor Fabio Ciceri, direttore dell’Unità Operativa di Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo (UTMO) dell’Ospedale San Raffaele di Milano e principal Investigator dello studio, illustrerà il protocollo dello studio clinico di fase I/II, atto a investigare l’impiego del CAR T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo.

Nonostante i progressi fatti nell’ambito della cura di questi gravi tumori del sangue, non è ancora infatti disponibile una soluzione terapeutica soddisfacente. L’utilizzo delle cellule CAR T potrebbe rappresentare una strategia vincente sia per eradicare le cellule neoplastiche in caso di recidiva dopo la chemioterapia sia come “ponte” verso il trapianto di cellule staminali ematopoietiche.

La maggior parte degli studi clinici condotti sinora ha utilizzato CAR specifici per l’antigene CD19, mentre nello studio verrà impiegato il CAR T CD44v6, che grazie al suo recettore originale, si caratterizza per la capacità di identificare come bersaglio sia tumori ematologici che solidi, oltre che per una maggiore promessa di sicurezza d’impiego conferita dall’inserimento del gene suicida.

Obiettivo dello studio clinico sul CAR T CD44v6 presentato oggi a Parigi, è definire in una prima fase il profilo di sicurezza della terapia, per poi individuare la dose efficace appropriata in un gruppo di pazienti adulti e pediatrici.

La prima fase della sperimentazione coinvolgerà l’Ospedale San Raffaele di Milano e l’Ospedale Bambin Gesù di Roma, per poi estendersi ad altri tre centri europei. La conduzione della sperimentazione clinica sul CAR T CD44v6 rientra nel progetto EURE-CART che ha ottenuto un finanziamento da parte della Commissione Europea di circa Euro 6 milioni e coinvolge un consorzio di nove partner provenienti da cinque diversi Paesi europei.

Il professor Fabio Ciceri, ha commentato: “Siamo fiduciosi di poter portare a breve ai pazienti un nuovo strumento terapeutico frutto della Ricerca Italiana. Grazie al finanziamento europeo e alle capacità di sviluppo di Molmed, abbiamo la possibilità di sperimentare una nuova speranza per i pazienti con leucemia acuta mieloide e con mieloma multiplo”.

 

Articoli correlati
Al Bambino Gesù terapia CAR-T sui primi 3 pazienti con malattie autoimmuni
Due ragazze italiane e 1 bambino ucraino di 12 anni, fuggito dalla guerra, sono i primi pazienti pediatrici affetti da gravi patologie autoimmuni ad essere stati trattati con cellule CAR-T capaci di mandare in remissione la loro malattia. Il trattamento è stato eseguito all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma
di V.A.
INTERVISTA | Locatelli: «La grande sfida è traslare immunoterapia Car-T su tumori solidi. E sul CTS…»
A Sanità Informazione parla il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, e spiega: «Un onore aver servito il Paese durante il Covid-19, anche se qualche volta non si è capito quanto fosse difficile lavorare in quella situazione». E poi l'appello: «Più fondi per la ricerca»
Tumori, Lorefice: «Guarigione bambini grazie a terapia CAR-T è passo importante per ricerca in Italia»
«Il successo nel trattamento dei primi tre piccoli pazienti affetti da leucemia conferma la bontà della strada intrapresa dal Parlamento e dal Governo nel sostenere, attraverso importanti finanziamenti, la ricerca scientifica e le terapie avanzate» spiega la Presidente della Commissione Affari Sociali
Terapia delle leucemie con cellule CAR-T: primi tre bambini trattati con successo
«La ricerca sulle terapie avanzate ha un valore strategico. I risultati di questo importante progetto sono un passo avanti significativo e ci confermano come sia fondamentale continuare a investire sulla ricerca» sottolinea il Ministro della Salute, Roberto Speranza
Tumori del sangue e innovazione, a che punto siamo con le terapie Car-T? Risponde Ail
Il 21 giugno sarà la Giornata nazionale per la lotta a leucemia, linfoma e mieloma multiplo. Nel webinar organizzato da Ail si discute della cura con Car-T, ostacolata da Covid-19 per alcune somiglianze
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...