Mondo 15 Febbraio 2019 18:03

MolMed: presentato all’EHA (European Hematology Association) di Parigi il protocollo dello studio sul CAR T CD 44v6 nell’uomo

MolMed S.p.A. (“MolMed”, MLMD.MI), azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare e coordinatore del progetto EURE CART, comunica che oggi a Parigi, nell’ambito del 1st European CAR T Cell Meeting, organizzato dall’European Hematology Association (EHA), il professor Fabio Ciceri, […]

MolMed S.p.A. (“MolMed”, MLMD.MI), azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare e coordinatore del progetto EURE CART, comunica che oggi a Parigi, nell’ambito del 1st European CAR T Cell Meeting, organizzato dall’European Hematology Association (EHA), il professor Fabio Ciceri, direttore dell’Unità Operativa di Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo (UTMO) dell’Ospedale San Raffaele di Milano e principal Investigator dello studio, illustrerà il protocollo dello studio clinico di fase I/II, atto a investigare l’impiego del CAR T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo.

Nonostante i progressi fatti nell’ambito della cura di questi gravi tumori del sangue, non è ancora infatti disponibile una soluzione terapeutica soddisfacente. L’utilizzo delle cellule CAR T potrebbe rappresentare una strategia vincente sia per eradicare le cellule neoplastiche in caso di recidiva dopo la chemioterapia sia come “ponte” verso il trapianto di cellule staminali ematopoietiche.

La maggior parte degli studi clinici condotti sinora ha utilizzato CAR specifici per l’antigene CD19, mentre nello studio verrà impiegato il CAR T CD44v6, che grazie al suo recettore originale, si caratterizza per la capacità di identificare come bersaglio sia tumori ematologici che solidi, oltre che per una maggiore promessa di sicurezza d’impiego conferita dall’inserimento del gene suicida.

Obiettivo dello studio clinico sul CAR T CD44v6 presentato oggi a Parigi, è definire in una prima fase il profilo di sicurezza della terapia, per poi individuare la dose efficace appropriata in un gruppo di pazienti adulti e pediatrici.

La prima fase della sperimentazione coinvolgerà l’Ospedale San Raffaele di Milano e l’Ospedale Bambin Gesù di Roma, per poi estendersi ad altri tre centri europei. La conduzione della sperimentazione clinica sul CAR T CD44v6 rientra nel progetto EURE-CART che ha ottenuto un finanziamento da parte della Commissione Europea di circa Euro 6 milioni e coinvolge un consorzio di nove partner provenienti da cinque diversi Paesi europei.

Il professor Fabio Ciceri, ha commentato: “Siamo fiduciosi di poter portare a breve ai pazienti un nuovo strumento terapeutico frutto della Ricerca Italiana. Grazie al finanziamento europeo e alle capacità di sviluppo di Molmed, abbiamo la possibilità di sperimentare una nuova speranza per i pazienti con leucemia acuta mieloide e con mieloma multiplo”.

 

Articoli correlati
Tumori del sangue e innovazione, a che punto siamo con le terapie Car-T? Risponde Ail
Il 21 giugno sarà la Giornata nazionale per la lotta a leucemia, linfoma e mieloma multiplo. Nel webinar organizzato da Ail si discute della cura con Car-T, ostacolata da Covid-19 per alcune somiglianze
Leucemia, per la prima volta complicanza da immunoterapia risolta con depurazione del sangue
Il ragazzo, in terapia intensiva per gli effetti collaterali dell’immunoterapia con Car-T, è stato trattato con emoperfusione e dimesso dopo soli 15 giorni. Gabriella Bottari (Rianimatore pediatrico Bambino Gesù): «Nuova possibilità per i pazienti»
Ricerca, Speranza: «Il cancro non è invincibile, dobbiamo continuare ad investire. Dal ministero 60 milioni per CAR-T»
Al Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è tenuta la cerimonia di celebrazione de “I Giorni della Ricerca“, iniziativa promossa dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Sono intervenuti il Presidente della Fondazione AIRC, Pier Giuseppe Torrani, il Presidente della Commissione consultiva per la Ricerca, Giorgio Trinchieri, Valentina Robino, […]
ATMP, Campania modello virtuoso per le nuove terapie onco-ematologiche grazie alla sinergia tra specialisti e istituzioni
L’Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori “Fondazione Giovanni Pascale” è stato accreditato come una delle strutture adibite a erogare le nuove terapie a base di CAR-T cells per le neoplasie ematologiche dell'adulto. Ora si candida come punto di riferimento anche per altri centri in tutta Italia
Tumori del sangue, Pamela guarita grazie alla terapia Car-T. Ma in Italia la cura è ancora sperimentale
Su questo è intervenuto il direttore generale dell’Aifa, Luca Li Bassi: «C'è già una stima di prezzo per l'approvazione delle terapie Car-T. Siamo molto vicini a concludere con un'azienda farmaceutica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco