Salute 6 Aprile 2022 18:05

Miopia: arrivano le lenti-intraoculari. Buratto (CAMO): «Soluzione competitiva rispetto al laser»

In Italia 15 milioni di persone soffrono di miopia. Arriva dalla ricerca U.S.A. l’impianto di lenti ICL intra-oculari, tecnologia innovativa per correggere tutti i gradi di miopia

La miopia è il difetto visivo più diffuso al mondo e si prevede che sempre più persone ne soffriranno, al punto da considerarla la “nuova pandemia”. Solo in Italia, oggi ne sono affette circa 15 milioni di persone. Tra queste, vi sono persone affette da miopia lieve e persone invece affette da miopia grave (a partire da 7-8 diottrie).

«Familiarità genetica, ma anche l’ambiente in cui viviamo e recenti stili di vita come l’uso massiccio di dispositivi elettronici, cellulari, ipad, pc favoriscono tanto lo sviluppo quanto la progressione della miopia – spiega il dottor Lucio Buratto oculista di fama internazionale, e direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico di Milano, CAMO. – Soffrire di miopia grave può comportare dei rischi, in quanto il bulbo oculare di chi ne è affetto tende ad allungarsi nel tempo, inducendo alterazioni a varie strutture oculari. Come conseguenza, il rischio è quello di sviluppare altre patologie oculari quali per esempio il glaucoma o la maculopatia».

E’ noto che la miopia, di frequente, comporta una difficoltà visiva particolarmente importante, che rende chi ne è affetto fortemente vincolato all’uso degli occhiali da vista o lenti a contatto. Ma esiste la possibilità di intervenire e farne a meno in modo permanente.

«Certamente la miopia si può correggere nella grandissima parte dei casi. Tutti conoscono la tecnologia laser, ma non c’è solo questa tecnica per correggere questi difetti – avverte Lucio Buratto, specializzato in chirurgia della cataratta, della presbiopia e nella chirurgia refrattiva per la correzione della miopia, dell’astigmatismo e dell’ipermetropia, settori per i quali ha ricevuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale – Ci sono altre tecnologie oggi ampiamente disponibili per la correzione della miopia d’ogni grado, quali ad esempio le lenti intra-oculari. Lenti simili alle lenti a contatto che inserite all’interno dell’occhio correggono difetti molto forti. Si chiamano: ICL – Intraocular Collamer Lenses ed oggi, ormai, l’operazione ha raggiunto dei livelli di precisione molto alti».

L’impianto di lenti ICL corrisponde ad una tecnica medico chirurgica standardizzata con oltre 25 anni di esperienza, la cui efficacia e sicurezza è dimostrata da centinaia di studi clinici nel mondo e, come riporta il sito di divulgazione it.discovericl.com, è stata già eseguita su oltre un milione di persone in tutto il mondo.

«I benefici della lente intra-oculare risiedono nel fatto che questa è in grado di correggere sia miopie leggere sia miopie forti, con astigmatismo o senza astigmatismo. Fornisce ottima qualità di vista ed è veramente una soluzione molto buona – prosegue Buratto – Anche perché riduce il rischio di sindrome da ‘occhio secco’ che invece può essere presente nella chirurgia laser. E la lente resta inalterata nel tempo. Non c’è regressione. Rappresenta quindi una soluzione ottima e ottimale”.

Le lenti intra-oculari ICL utilizzano il Collamer, un materiale altamente biocompatibile proveniente dal collagene e che non provoca alcun tipo d’infiammazione nell’occhio. Flessibili e morbide, contribuiscono alla protezione dell’occhio del paziente attraverso un filtro UV, che previene lo sviluppo di patologie come la maculopatia. Facendo questo tipo di scelta, inoltre, viene mantenuto il cristallino naturale che, grazie al suo potere accomodativo, permette di mettere a fuoco le immagini da vicino in modo del tutto naturale. Prima di poter impiantare le ICL, è necessario sottoporsi a un check-up refrattivo da parte di medici oculisti. In ogni caso, si tratta di una tecnica d’intervento ormai standardizzata, efficace e sicura per i pazienti che per il 99,4% hanno mostrato grande soddisfazione.

Malgrado i suoi benefici e vantaggi, le lenti ICL sono però ancora relativamente poco conosciute nonostante la riconosciuta efficacia e qualità. «Durante le visite, mi succede spesso di ascoltare pazienti che chiedono ‘Dottore ma lei mi propone una tecnica che io non conosco, che garanzie mi può offrire questa lente intraoculare, questo ‘corpo estraneo’ intraoculare? – conclude Buratto raccontando la sua esperienza medica –. La mia risposta è sempre la stessa. Innanzitutto, non è un corpo estraneo: il paziente non lo sente, nella maniera più assoluta. Noi al CAMO li impiantiamo da più di venti anni: abbiamo una lunghissima esperienza su queste tecnologie utilizzate in tutto il mondo e provviste della prestigiosa e rigorosa certificazione da parte dell’organismo regolatorio statunitense FDA (Food and Drug Administration). È vero: sono ancora poco conosciute perché si sente parlare più di tecnologie laser, ma le ICL sono competitive rispetto al laser grazie ai loro risultati medici, in termini di permanenza e benessere del paziente, molto ma molto buoni».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
È epide-miopia tra bambini e adolescenti. L’esperto: «Basta smartphone e tablet, fate sport all’aperto»
Roberto Caputo, direttore dell’Oftalmologia Pediatrica Meyer di Firenze: «L’attività all’aria aperta aumenta la produzione di dopamina che ha una certa efficacia nel controllo della progressione miopica». In fase di sviluppo anche lenti che rallentano la malattia
Minuscoli cristalli artificiali possono restituire la vista, ma il SSN non ne copre le spese
A scoprire le carte sull’inadeguatezza delle cure oculistiche offerte dalla Sanità pubblica è Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana, in occasione del 19° congresso Internazionale SOI. «L’intervento rifrattivo del cristallino sta sostituendo la chirurgia della cataratta, ma il SSN non è in grado di sostenerne i costi e, quindi, chi vuole farlo deve pagarlo di tasca propria»
Al via a Palazzo Pirelli la campagna “Testa la vista”
“Testa la Vista” punta alla prevenzione della maculopatia, che colpisce circa 300 mila persone in Lombardia (2 milioni in Italia), e a quella delle patologie correlate come il diabete.
Tiflologo: ecco chi è e che cosa fa
Il tiflologo lavora in stretta connessione con l’ambiente in cui vivono i soggetti con disabilità visiva e con le persone che frequenta. Tranfa (tiflologa): «A tutte le figure coinvolte nel percorso di crescita e formazione dell’individuo ipovedente o non vedente offriamo la possibilità di apprendere metodologie specifiche e strategie che possano facilitare e favorire il percorso educativo»
Oculisti dimenticati dai fondi del PNRR, Piovella (SOI): «A rischio la vista di milioni di italiani»
Appello del Presidente della Società Oftalmologica Italiana: «Il Covid ha cancellato la prevenzione e generato ritardi nelle liste d’attesa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...