Salute 10 Gennaio 2022 15:05

Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore

Nico Acampora: «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Andrea Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma ho voluto tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Lavoriamo invece per far crescere il progetto di inclusione sociale»

di Federica Bosco
Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore

Alle parole d’odio ha risposto con una proposta di dialogo e una pizza. Nico Acampora, ideatore di PizzAut (la pizzeria di Cascina de Pecchi, in provincia di Milano, gestita interamente da ragazzi autistici), finita nel mirino dei no vax la scorsa settimana per aver offerto pizze gratis agli operatori sanitari e ai medici dell’hub vaccinale di Monza, vuole mettere la parola fine all’increscioso episodio che li ha visti protagonisti sui social di un attacco feroce da parte di chi non condivide la scelta vaccinale.

«A scatenare l’odio di pochi – racconta Acampora – è stata la congiuntura di due elementi: l’aver tenuto chiuso il locale il 3 gennaio per omaggiare con le nostre pizze i medici e gli operatori sanitari dell’hub vaccinale di Monza in segno di ringraziamento per l’enorme lavoro fatto dall’inizio della pandemia ad oggi, e le parole del direttore dell’ATS che sottolineava il valore aggiunto dell’iniziativa promossa da ragazzi autistici quando molto si è detto in passato sulla possibile correlazione tra autismo e vaccini. Ne è scaturita una miscela esplosiva».

Un gesto di gratitudine si è trasformato in una bufera d’odio sui social, ma Acampora e i suoi ragazzi ne sono usciti fortificati. Dopo le parole di gratitudine, di ringraziamento e di sostegno pervenute da ogni parte d’Italia per Nico e i suoi ragazzi è tempo ora di lavorare e guardare avanti con fiducia. «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma non ho voluto dare troppa enfasi a tutto ciò e tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Sono disponibile ad un confronto, a parlare di diritti e doveri, ma non posso accogliere le offese ai ragazzi di PizzAut, loro non lo meritano», riprende l’ideatore di PizzAut.

Meglio dunque abbassare i toni per tutelare questi giovani che si sono vaccinati, e che continuano a lavorare per far crescere il progetto di PizzAut. «Dopo aver lanciato la pizza AUTunno con funghi freschi ed aver ottenuto l’endorsement di Giorgio Calabrese, medico dietologo, che ha definito in un video i nostri prodotti buoni e salutari, proseguono i lavori per il nuovo locale che apriremo a Monza – sottolinea Acampora -. Il 15 gennaio definiremo il contratto d’affitto per lo spazio e partiremo poi con i corsi di formazione del personale autistico da inserire. Tra l’altro il locale sarà vicino all’hub vaccinale e infatti medici e operatori sanitari fanno il tifo per noi perché vogliono essere i nostri primi clienti. Ciò che mi riempie d’orgoglio e mi fa dimenticare in fretta la campagna d’odio dei pochi no vax sono i consensi dei clienti, i commenti favorevoli su TripAdvisor e su Google di quanti hanno capito il valore del progetto sociale e apprezzano la qualità del cibo. Chi ha avuto parole d’odio per noi dovrebbe venire a trovarci perché, sono convinto, la pizza più buona della Galassia Conosciuta li vaccinerebbe almeno dal virus dell’odio».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi