Salute 10 Gennaio 2022 15:05

Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore

Nico Acampora: «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Andrea Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma ho voluto tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Lavoriamo invece per far crescere il progetto di inclusione sociale»

di Federica Bosco
Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore

Alle parole d’odio ha risposto con una proposta di dialogo e una pizza. Nico Acampora, ideatore di PizzAut (la pizzeria di Cascina de Pecchi, in provincia di Milano, gestita interamente da ragazzi autistici), finita nel mirino dei no vax la scorsa settimana per aver offerto pizze gratis agli operatori sanitari e ai medici dell’hub vaccinale di Monza, vuole mettere la parola fine all’increscioso episodio che li ha visti protagonisti sui social di un attacco feroce da parte di chi non condivide la scelta vaccinale.

«A scatenare l’odio di pochi – racconta Acampora – è stata la congiuntura di due elementi: l’aver tenuto chiuso il locale il 3 gennaio per omaggiare con le nostre pizze i medici e gli operatori sanitari dell’hub vaccinale di Monza in segno di ringraziamento per l’enorme lavoro fatto dall’inizio della pandemia ad oggi, e le parole del direttore dell’ATS che sottolineava il valore aggiunto dell’iniziativa promossa da ragazzi autistici quando molto si è detto in passato sulla possibile correlazione tra autismo e vaccini. Ne è scaturita una miscela esplosiva».

Un gesto di gratitudine si è trasformato in una bufera d’odio sui social, ma Acampora e i suoi ragazzi ne sono usciti fortificati. Dopo le parole di gratitudine, di ringraziamento e di sostegno pervenute da ogni parte d’Italia per Nico e i suoi ragazzi è tempo ora di lavorare e guardare avanti con fiducia. «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma non ho voluto dare troppa enfasi a tutto ciò e tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Sono disponibile ad un confronto, a parlare di diritti e doveri, ma non posso accogliere le offese ai ragazzi di PizzAut, loro non lo meritano», riprende l’ideatore di PizzAut.

Meglio dunque abbassare i toni per tutelare questi giovani che si sono vaccinati, e che continuano a lavorare per far crescere il progetto di PizzAut. «Dopo aver lanciato la pizza AUTunno con funghi freschi ed aver ottenuto l’endorsement di Giorgio Calabrese, medico dietologo, che ha definito in un video i nostri prodotti buoni e salutari, proseguono i lavori per il nuovo locale che apriremo a Monza – sottolinea Acampora -. Il 15 gennaio definiremo il contratto d’affitto per lo spazio e partiremo poi con i corsi di formazione del personale autistico da inserire. Tra l’altro il locale sarà vicino all’hub vaccinale e infatti medici e operatori sanitari fanno il tifo per noi perché vogliono essere i nostri primi clienti. Ciò che mi riempie d’orgoglio e mi fa dimenticare in fretta la campagna d’odio dei pochi no vax sono i consensi dei clienti, i commenti favorevoli su TripAdvisor e su Google di quanti hanno capito il valore del progetto sociale e apprezzano la qualità del cibo. Chi ha avuto parole d’odio per noi dovrebbe venire a trovarci perché, sono convinto, la pizza più buona della Galassia Conosciuta li vaccinerebbe almeno dal virus dell’odio».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, tra obblighi e consenso informato
di Avvocato Maurizio Hazan
di Avvocato Maurizio Hazan
Covid, Tozzi (Bambino Gesù): «Ricoverati bimbi di tutte le età. Vaccinate i più piccoli con estrema fiducia e tranquillità»
«Ci sono neonati di pochi giorni fino a ragazzi di 16. Tre sono in terapia intensiva. I vaccini anti Covid si sono dimostrati efficaci e sicuri in una quantità così grande di casi che non ci aspettiamo sorprese. Devono invece prevenire i guai che vediamo in questi giorni»
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
Covid, Dattolo (OMCeO Firenze): “Sistema in crisi, subito obbligo vaccinale”
Il presidente dell'Ordine dei Medici di Firenze “Stop a 21 sistemi sanitari regionali diversi: serve regia unica nazionale”
Un anno fa il V-day contro Covid, cosa è successo in 365 giorni?
Dai primi vaccini ufficiali all'arrivo della variante Omicron, attraverso Green pass e vaccinazione dei bambini. Trecentosessantacinque giorni dal vaccine day del 2020, il bilancio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre