Salute 6 Febbraio 2024 15:45

Mieloma multiplo recidivante/refrattario: belantamab mafodotin ha ridotto del 59% il rischio di progressione di malattia/morte nello Studio DREAMM-7

Da un’analisi dello studio di fase III DREAMM-7, nella terapia del mieloma multiplo recidivante/refrattario belantamab mafodotin ha fatto registrare una riduzione del rischio di morte del 59%. GSK presenta oggi questi risultati alla plenaria dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO)

Mieloma multiplo recidivante/refrattario: belantamab mafodotin ha ridotto del 59% il rischio di progressione di malattia/morte nello Studio DREAMM-7

Nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, belantamab mafodotin ha ridotto del 59% il rischio di progressione di malattia o morte rispetto alla combinazione standard di cura con daratumumab. È questo uno dei dati più importanti che emerge da un’analisi provvisoria dello studio di fase III DREAMM-7.

Quest’analisi ha valutato l’efficacia e la sicurezza di belantamab mafodotin in combinazione con bortezomib e desametasone (BorDex) rispetto a una combinazione di daratumumab e BorDex in seconda linea di trattamento e successive del mieloma multiplo recidivante o refrattario. GSK presenterà i dati dell’analisi oggi, martedì 6 febbraio, alla plenaria dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO).

Nell’endpoint primario della sopravvivenza libera da progressione (PFS), è stato dunque osservato un miglioramento statisticamente e clinicamente significativo con la combinazione belantamab mafodotin (n=243), che ha mostrato una riduzione del 59% del rischio di progressione della malattia o di morte (hazard ratio [ HR]: 0,41 [intervallo di confidenza al 95% (CI): 0,31-0,53], valore p<0,00001) rispetto alla combinazione di daratumumab (n=251).

Con un follow-up mediano di 28,2 mesi, la PFS mediana è stata di 36,6 mesi (IC al 95%: 28,4-non raggiunto [NR]) con la combinazione belantamab mafodotin rispetto ai 13,4 mesi (11,1-17,5) con la combinazione daratumumab.

L’effetto PFS è stato osservato in tutti i sottogruppi prespecificati, compresi quelli refrattari a lenalidomide e quelli con citogenetica ad alto rischio. Il profilo di sicurezza e tollerabilità della combinazione belantamab mafodotin è stata coerente con il profilo noto dei singoli agenti.

“Il sostanziale beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione e il forte trend di sopravvivenza globale rispetto a una combinazione standard di cura con daratumumab rafforzano la nostra convinzione nel potenziale di belantamab mafodotin usato in combinazione nel ridefinire il trattamento del mieloma multiplo in corrispondenza o dopo la prima recidiva. Abbiamo in programma di condividere questi risultati con le autorità sanitarie di tutto il mondo”, afferma Hesham Abdullah, Vicepresidente senior, Global Head Oncology, R&D, GSK.

La combinazione di belantamab mafodotin ha portato anche a miglioramenti clinicamente significativi in tutti gli endpoint secondari di efficacia, compreso un raddoppio del tasso di risposta completa (risposta completa stringente più risposta completa), del tasso di negatività della malattia minima residua (MRD) e della durata mediana della risposta (DOR). All’analisi ad interim è stato osservato un trend di sopravvivenza globale (OS) forte e clinicamente significativo, con una riduzione del 43% del rischio di morte (HR: 0,57 [IC 95%: 0,40-0,80], valore p=0,00049), che non ha ancora raggiunto i criteri provvisori per la significatività statistica dell’OS. Il follow-up dell’OS continua e sono previste ulteriori analisi.

“Questi risultati di DREAMM-7 mostrano come belantamab mafodotin in combinazione con BorDex rappresenti un miglioramento significativo rispetto al regime a base di daratumumab in un contesto di trattamento del mieloma multiplo di seconda linea. Le terapie anti-BCMA stanno contribuendo a migliorare gli esiti per i pazienti affetti da mieloma multiplo e la disponibilità di un’opzione standard, come belantamab mafodotin, che può essere somministrata in un centro di trattamento oncologico comunitario in cui viene trattata la maggior parte dei pazienti, ha il potenziale per trasformare il modo in cui trattiamo il mieloma durante o dopo la prima recidiva”, conclude María-Victoria Mateos, Responsabile dell’Unità di Mieloma e Sperimentazioni Cliniche, Dipartimento di Ematologia e Professore di Medicina presso l’Università di Salamanca, Spagna, e ricercatrice principale di DREAMM-7.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...