Salute 3 maggio 2017

Meditazione zen, veleno di vipera e danza del ventre: bellezza e salute al Festival dell’Oriente

Si è conclusa a Roma la kermesse internazionale che ha portato nella Capitale italiana il meglio dell’arte, dei rimedi naturali e delle pratiche di benessere provenienti da ogni parte del mondo

Pomate a base di erbe, cibi ricchi di nutrienti essenziali, massaggi, balli ed esercizi che migliorano la postura. Il Festival dell’Oriente ha portato per due settimane a Roma il meglio dell’arte, della bellezza e della salute proveniente da ogni parte del mondo. Non solo rimedi naturali contro i malanni più comuni, ma anche pratiche e abitudini da adottare per sentirsi bene e vivere meglio, partendo dal benessere del proprio corpo. Come l’uso di creme biologiche contenenti sostanze come «bava di lumaca, caffeina, acido lattico e veleno di vipera», utili a «rilassare i tessuti e distendere le rughe in maniera naturale». Sostanze, per l’appunto, naturali che vengono lavorate e mescolate in «prodotti biologici che, al loro interno, non hanno alcuna sostanza di origine sintetica, e quindi potenzialmente dannosa per l’organismo». E dunque «niente nichel, paraffina o parabeni».

Ma tra una pomata biologica che cura la pelle, un massaggio Ashiatsu (quello in cui il massaggiatore cammina sulla schiena del paziente) e un frullato contenente diversi tipi di antiossidante, spiccano tecniche e pratiche per rimettersi in sesto molto meno conosciute e scontate. Ad esempio, chi ha mai pensato che la semplice azione del dipingere potesse avere degli effetti terapeutici? E invece esiste «una tecnica di pittura, portata circa cinque secoli fa dalla Cina al Giappone da monaci zen, che si chiama “Sumi-e” e che fa parte integrante della loro pratica meditativa». Sia la meditazione («in particolare quella praticata nella tradizione del buddhismo zen Soto») che questa tecnica di pittura sono basate su posture e gesti codificati, precisi, che portano diversi benefici: «Mettendo a posto la propria postura si autoregola quello che è il nostro equilibrio sia mentale che muscolo-scheletrico e si va a stimolare l’omeostasi, che è la naturale capacità del corpo di guarire».

Ma se restare seduti per ore nella posizione del Loto completo (ovvero su un cuscino a gambe incrociate) completamente immobili a seguire il proprio respiro può non rappresentare esattamente l’ideale di attività fisica per persone energiche e sempre in movimento, esistono altre soluzioni ugualmente efficaci, anche se con caratteristiche un po’ diverse. Un esempio? Le danze orientali. «Oltre a rinforzare il corpo e la muscolatura – spiega ai nostri microfoni la maestra Lelah Kaur – le danze orientali aiutano a migliorare la postura in quanto è necessario mantenere, durante la pratica, il bacino in retroversione. Ciò assicura uno scarico del peso sulle gambe e la colonna vertebrale viene alleggerita. I benefici però si estendono anche al piano emotivo: la danza orientale si rivolge a tutte le donne, di qualsiasi età e di forma fisica che possono, tramite questa pratica, raggiungere una completa libertà a livello sensoriale e riscoprire la propria femminilità, sviluppando a livello percettivo consapevolezze interiori ed emozioni nuove, che aiutano a migliorare la vita».

Articoli correlati
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica...
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Neoplasie ematologiche, 33mila italiani colpiti ogni anno da tumore del sangue, ma mortalità ridotta grazie a nuove terapie
I maggiori esperti di fama internazionale nel campo dell’ematologia oncologica e non riuniti a Bologna dal 14 al 16 febbraio per presentare tutte le novità e i progressi livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mieloma multiplo
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...