Salute 13 Ottobre 2017 13:16

Medici e genitori anti-vax: come comportarsi di fronte agli ‘scettici’? Lo spiega il virologo Roberto Burioni

«Un medico che sconsiglia i vaccini è come un poliziotto della stradale che incoraggia il cittadino a guidare ubriaco» lo dichiara il virologo divenuto una ‘star’ del web per la sua battaglia pro-vax

«Un ruolo fondamentale nell’istruire e guidare i genitori sull’argomento vaccini (e non solo) è quello del medico di base: questa figura è indispensabile per trasmettere un messaggio corretto» lo dichiara il virologo Roberto Burioni, Professore Ordinario di Microbiologia e Virologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele in occasione del Congresso della FIMMG organizzato di recente a Cagliari.

«Il medico di famiglia deve ‘sfruttare’ la fiducia che i pazienti hanno nei suoi confronti – prosegue Burioni che combatte da anni una risoluta battaglia contro gli anti-vax divenendo, soprattutto sui social, il ‘paladino’ della difesa dei vaccini -. Voglio sottolineare che i medici di famiglia sono i professionisti sanitari più vicini ai pazienti: li vedono spesso, vivono insieme le fasi della vita, questo rapporto deve essere lo strumento utile a persuadere le famiglie dell’utilità e dell’efficacia delle coperture vaccinali che rendono la nostra comunità più forte e sicura».

«D’altronde ‘la scienza non è democratica’ – spiega Burioni che più volte ha ribadito questo concetto divenuto oramai un ‘dogma’ della sua battaglia pro vaccini -. Io non metto in dubbio la ‘democrazia’, ma su alcuni temi ritengo non ci siano differenti interpretazioni. Mi spiego: sul numero di giocatori di una squadra di calcio ci sono da fare delle valutazioni? In campo si gioca in undici, di questi undici solo dieci possono toccare il pallone con i piedi e uno soltanto può utilizzare le mani. Possono esserci di queste regole del gioco differenti interpretazioni? No. La risposta è negativa. Così per i vaccini: esiste solo una interpretazione e questa va rispettata».

«Dunque, chi racconta bugie sui vaccini dicendo che non sono efficaci racconta delle menzogne molto pericolose. Ecco che di conseguenza, se questo ‘qualcuno’ è per giunta un medico, allora dovrebbe immediatamente scattare l’esonero dall’ordine professionale. L’espulsione in questi casi è l’unica strada. Un medico scettico sui vaccini è come un poliziotto della stradale che incoraggia a guidare ubriachi».

In ogni caso, prosegue Burioni, «nonostante le varie resistenze iniziali, siamo a due mesi dall’obbligo e il primo bilancio che possiamo fare è sostanzialmente positivo. Certo, si tratta di dati preliminari su cui è prematuro fare delle valutazioni definitive, tuttavia questi risultati fanno ben sperare: mi auguro che andando avanti questa tendenza molto positiva si confermi».

Articoli correlati
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
Biologi, ostetriche e tecnici sanitari vaccinatori, siglato il protocollo d’intesa
Ad annunciarlo il presidente Fedriga, per ampliare la piattaforma di somministratori. Il ringraziamento dal presidente dei Biologi D'Anna
Vaccini, C&P: «Per medici pensionati rischio di essere vittime di norma incostituzionale»
Ad esprimersi sulla vicenda che ha alimentato la preoccupazione di molte aziende sanitarie per i possibili contraccolpi in un momento di emergenza nazionale, sono gli avvocati di Consulcesi & Partners, network legale dell’azienda Consulcesi
Gimbe, numeri scendono ma salgono i decessi. 4 milioni di italiani hanno completato il ciclo vaccinale
Numeri del Covid cominciano a scendere, ma secondo gli esperti Gimbe in maniera "irregolare". Notevoli le differenze regionali nelle somministrazioni di vaccini anti-Covid: in Sardegna e Toscana solo il 30% degli over 80
MMG e campagna vaccinale, a che punto siamo nel Lazio?
Intervista a Giovanni Cirilli, Segretario FIMMG Lazio: «Peccato non essere stati messi in condizione di partire prima»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...