Salute 13 Ottobre 2017

Medici e genitori anti-vax: come comportarsi di fronte agli ‘scettici’? Lo spiega il virologo Roberto Burioni

«Un medico che sconsiglia i vaccini è come un poliziotto della stradale che incoraggia il cittadino a guidare ubriaco» lo dichiara il virologo divenuto una ‘star’ del web per la sua battaglia pro-vax

«Un ruolo fondamentale nell’istruire e guidare i genitori sull’argomento vaccini (e non solo) è quello del medico di base: questa figura è indispensabile per trasmettere un messaggio corretto» lo dichiara il virologo Roberto Burioni, Professore Ordinario di Microbiologia e Virologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele in occasione del Congresso della FIMMG organizzato di recente a Cagliari.

«Il medico di famiglia deve ‘sfruttare’ la fiducia che i pazienti hanno nei suoi confronti – prosegue Burioni che combatte da anni una risoluta battaglia contro gli anti-vax divenendo, soprattutto sui social, il ‘paladino’ della difesa dei vaccini -. Voglio sottolineare che i medici di famiglia sono i professionisti sanitari più vicini ai pazienti: li vedono spesso, vivono insieme le fasi della vita, questo rapporto deve essere lo strumento utile a persuadere le famiglie dell’utilità e dell’efficacia delle coperture vaccinali che rendono la nostra comunità più forte e sicura».

«D’altronde ‘la scienza non è democratica’ – spiega Burioni che più volte ha ribadito questo concetto divenuto oramai un ‘dogma’ della sua battaglia pro vaccini -. Io non metto in dubbio la ‘democrazia’, ma su alcuni temi ritengo non ci siano differenti interpretazioni. Mi spiego: sul numero di giocatori di una squadra di calcio ci sono da fare delle valutazioni? In campo si gioca in undici, di questi undici solo dieci possono toccare il pallone con i piedi e uno soltanto può utilizzare le mani. Possono esserci di queste regole del gioco differenti interpretazioni? No. La risposta è negativa. Così per i vaccini: esiste solo una interpretazione e questa va rispettata».

«Dunque, chi racconta bugie sui vaccini dicendo che non sono efficaci racconta delle menzogne molto pericolose. Ecco che di conseguenza, se questo ‘qualcuno’ è per giunta un medico, allora dovrebbe immediatamente scattare l’esonero dall’ordine professionale. L’espulsione in questi casi è l’unica strada. Un medico scettico sui vaccini è come un poliziotto della stradale che incoraggia a guidare ubriachi».

In ogni caso, prosegue Burioni, «nonostante le varie resistenze iniziali, siamo a due mesi dall’obbligo e il primo bilancio che possiamo fare è sostanzialmente positivo. Certo, si tratta di dati preliminari su cui è prematuro fare delle valutazioni definitive, tuttavia questi risultati fanno ben sperare: mi auguro che andando avanti questa tendenza molto positiva si confermi».

Articoli correlati
«Vogliamo i medici sul territorio ma la legge ci impedisce di aiutarli». L’appello di un sindaco che dà voce ai piccoli comuni italiani
Agnese Carletti, sindaco di San Casciano dei Bagni (in provincia di Siena), racconta le difficoltà del suo territorio: «Per il medico è dispendioso tenere aperti tre ambulatori, cioè tre affitti. Io come Comune vorrei dargli l’ambulatorio gratuitamente ma non posso farlo, rischio il danno erariale»
La rivoluzione della sanità territoriale parte dalla Campania: presentate a Napoli le novità per la medicina di famiglia
La riforma nasce dall’esigenza di garantire una maggiore continuità assistenziale alla popolazione, prende le mosse da tre punti fondamentali
Apparecchiature diagnostiche per MMG, ecco il decreto. Capitolati e formazione, cosa cambia per i medici famiglia
L'annuncio è arrivato durante la conferenza di chiusura del tour Fimmg #AdessoBasta. In tutto 235 i milioni destinati all'acquisto di macchinari
Scotti (Fimmg): «Ok del Ministero ad adeguamento stipendi e arretrati. Presto decreto per strumenti diagnostici»
«Ora la categoria attende che a esprimersi sia il ministro dell'Economia Gualtieri»
Obbligo vaccinale, Nas: «Ad oggi 217 contestazioni a dirigenti e genitori». A Belluno 30 indagati
Presentato il libro “La prima missione dei fratelli Super Vaccini e dei loro amici. Un pizzicotto in quattro e quattr’otto", realizzato dall’associazione Valore Uomo in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. Ricciardi: «Bene obbligo ma copertura non ancora sufficiente ovunque». Mazzucchiello: «La favoletta è per i bambini ma sono i genitori che devono leggerla». Il Miur diffonderà il volume nelle scuole
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano