Salute 7 Giugno 2021 15:13

Mappato il microbioma di 60 centri urbani: «Un’arma per prevedere la diffusione di pandemie di origine batterica»

Lo studio condotto a livello globale e pubblicato sulla rivista Cell ha campionato le linee dei trasporti urbani. Prevista prossimamente mappatura a livello ospedaliero

Mappato il microbioma di 60 centri urbani: «Un’arma per prevedere la diffusione di pandemie di origine batterica»

La più vasta popolazione di ogni luogo della terra, dalle foreste alle metropoli, è invisibile. Miliardi di microrganismi, molti dei quali ancora sconosciuti, colonizzano da sempre qualsiasi superficie, e camminano, si diffondono e si trasmettono attraverso di noi. Il microbioma dell’ambiente che ci circonda racconta molto del luogo in cui viviamo e può predire i rischi che corriamo. Mappare le colture batteriche dei centri urbani per comprendere meglio le vie di propagazione di microrganismi e virus nell’ambiente, e contribuire ad evitare la diffusione di microrganismi potenzialmente coinvolti nella trasmissione dell’antibiotico-resistenza, sarà un’arma preziosa nelle mani del genere umano da qui al prossimo futuro dal punto di vista epidemiologico.

Lo studio globale cui ha preso parte anche l’Italia

Da questi obiettivi ha preso le mosse lo studio, a livello globale, portato avanti dal consorzio internazionale MetaSUB – Metagenomics and Metadesign of Subways and Urban Biomes, coordinato dal Professor Christopher Mason della Weill Cornell Medicine di New York. Un progetto che, attraverso l’analisi dell’aria e delle superfici della rete dei trasporti urbani, ha permesso di mappare per la prima volta nella storia il microbioma urbano di 60 città nel mondo, caratterizzandone le biodiversità.

Uno studio di cui è entrata a far parte anche l’Italia attraverso il campionamento della città di Napoli. Al consorzio MetaSUB, infatti, partecipa anche l’Università di Napoli Federico II e la sua Task Force per gli sctudi sul microbioma. Un team di ricercatori del dipartimento di Agraria ha effettuato il campionamento delle superfici della Linea 1 della Metropolitana di Napoli, partecipando al Global City Sampling Day (gCSD).

Il sistema di mappatura: tamponi ai mezzi di trasporto pubblici

A partire dal 2016, infatti, il 21 giugno di ogni anno, i ricercatori di tutto il mondo hanno partecipato alla giornata dedicata alla raccolta di tamponi superficiali nelle stazioni ferroviarie, metropolitane e sugli autobus delle 60 città prese in esame, distribuite in 6 continenti. I tamponi sono stati fatti su diverse superfici, all’interno delle carrozze e sulle banchine, come tornelli, biglietterie automatiche, panchine e scale mobili, corrimani e sostegni. «Proprio perché l’idea di partenza era cercare di capire quanti e quali batteri l’essere umano trasmette e deposita più frequentemente – spiega il prof. Danilo Ercolini, direttore del Dipartimento di Agraria presso la Federico II – abbiamo scelto l’”ecosistema” del trasporto pubblico urbano, in quanto densamente frequentato da una moltitudine eterogenea di persone. Nel campionamento – aggiunge – è stato ovviamente tenuto conto anche dei tassi di umidità e delle temperature».

Microbioma urbano: ogni città porta la sua “firma”

Analizzando circa 5.000 campioni raccolti in 4 anni, attraverso metodiche avanzate basate sull’analisi dei genomi dei microrganismi presenti su queste superfici, è stato possibile creare una mappa globale del microbioma urbano. I risultati dello studio, recentemente pubblicati sulla rivista Cell, hanno portato all’identificazione di più di 4.200 diverse specie di virus e batteri, molti mai identificati prima, creando il primo catalogo mondiale della diversità microbica negli ecosistemi urbani.

Ogni città presenta un microbioma caratteristico, selezionato dalle specifiche condizioni climatiche e che permette di distinguerla dalle altre. «Nella città di Napoli, ad esempio, è stata ritrovata una vasta gamma di microrganismi di origine marina – spiega Ercolini – e batteri di tipo lattico, che si trovano normalmente in alimenti fermentati. È chiaro che in città o addirittura nazioni con situazioni climatiche sovrapponibili – osserva – sia possibile riscontrare similitudini e parallelismi nei microbiomi».

Prospettive per il futuro: monitoraggio e previsione

I risultati di questo studio, archiviati in un database, possono aprire nuovi orizzonti nel campo della prevenzione e del monitoraggio. «Se un domani dovessimo imbatterci in una pandemia di origine batterica – afferma Ercolini – attraverso i dati in nostro possesso potremo risalire alle zone di maggior diffusione anche all’interno di una singola città. Un altro progetto in fieri prevede infatti lo stesso tipo di mappatura ma all’interno degli ospedali. Anche qui, attraverso i dati raccolti e archiviati – conclude il prof. – sarà possibile anche incrociare le mappature e a seconda degli ambienti campionati, poter avere risposte dettagliate su diffusione e valutazione del rischio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Violenza sulle donne, in Campania il “referto psicologico” entra nei percorsi rosa
L’intervista all’ideatrice Elvira Reale (Centro Dafne Cardarelli), autrice del libro “La violenza invisibile sulle donne. Il referto psicologico: linee guida e strumenti clinici”
Napoli, aggressioni Cardarelli. Rostan (Misto): «Subito qualifica pubblico ufficiale a personale sanitario contro impunità violenti»
«È giunto il momento di voltare pagina e offrire a tutti coloro che operano nel settore della sanità, strumenti efficaci per prevenire questi episodi e per garantire pene severe a chi li commette» sottolinea Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
Nuova variante identificata a Napoli, cosa sappiamo fino ad ora
La variante identificata a Napoli corrisponde a quella "nigeriana". Altri 30 casi in UK. Per ora tutti i contatti del soggetto sono negativi
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?