Salute 17 Febbraio 2015 19:16

Rapporto malpractice: meno sinistri, ma più costosi

Il rapporto registra un calo di denunce nella sanità pubblica e un aumento del valore assicurativo nell’ultimo decennio: i più esposti restano i chirurghi

Rapporto malpractice: meno sinistri, ma più costosi

I sinistri totali registrati in Italia negli ultimi dieci anni sono stati 41.628, con una media di 4.163 all’anno.

È quanto emerge dalla sesta edizione del rapporto “Medical Malpratice Claims Analysis” redatto da Marsh. Un’analisi dei sinistri avvenuti nella sanità pubblica tra il 2004 ed il 2014 e di come questi influiscono sul settore assicurativo.

Il campione analizzato dallo studio comprende 89 strutture, 265.678 lavoratori (di cui 43.190 medici e 110.208 infermieri) e 2.633.566 ricoveri annui. Il numero medio di sinistri all’anno per ospedale ammonta a 66. L’analisi mostra un picco di eventi nel periodo relativo agli anni 2008-2009 e una flessione costante fino all’ultimo anno preso in considerazione. Unica eccezione: il 2012, durante il quale si è registrato un picco positivo.

Il 43,2% dei sinistri è aperto, mentre quelli senza seguito sono il 24,1%. La maggior parte di queste pratiche è stragiudiziaria (il 78,6%) mentre i procedimenti penali si assestano intorno all’8%. Il 78,1% delle denunce viene effettuata per lamentate lesioni. I casi di decesso registrati nell’ultimo anno sono il 7,9%, in leggero aumento rispetto alla percentuale registrata l’anno precedente (7,7%).

L’unità operativa maggiormente soggetta a citazioni in denunce di sinistro è la Struttura (15,5%), che precede Ortopedia e Traumatologia (13,2%) e DEA/Pronto Soccorso (13,1%). La maggior parte degli eventi denunciati ha avuto luogo in specialità inerenti l’area chirurgica (il 36,3% dei casi). Gli eventi accaduti invece in aree comuni delle strutture sanitarie rappresentano il 15,5% del totale. Il 13,7% dei sinistri si è verificato infine in specialità relative all’area emergenza-urgenza.

L’evento denunciato più frequentemente è l’errore chirurgico (il 27,3%), seguito dall’errore diagnostico (18%) e dall’errore terapeutico (10,4%). In generale, nel 2014 si è osservata una diminuzione dei tassi di rischio dal -3,15 al -1,30%, alla quale si accompagna un aumento del valore assicurativo dal +1,25 al +3,18%.

Altro dato interessante riguarda i tempi di denuncia e quelli di risposta. il 95% degli eventi viene denunciato entro sei anni dalla data di accadimento dell’evento.

Articoli correlati
In aumento sanzioni per operatori sanitari, da Consulcesi una guida per orientarsi nel caos normativo
Simona Gori, amministratore delegato di Consulcesi & Partners: «I professionisti sanitari fanno parte di una categoria sovraesposta al controllo disciplinare e questo anche con conseguenze molto serie per la loro carriera. Ecco perché è importante conoscere i pericoli e imparare ad affrontarli tempestivamente»
Malpractice, quando rischia di pagare il sanitario e come evitarlo. Soluzioni pratiche dagli esperti C&P
Nel webinar organizzato da Consulcesi & Partners analizzate le principali casistiche della responsabilità civile sanitaria
Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»
In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un decreto attuativo della Legge Gelli-Bianco ma che, nel frattempo, ha mietuto e miete ancora tante vittime
Covid, Consulcesi & Partners: «Boom di denunce contro i medici, via a task force per difesa categoria»
Secondo il procuratore aggiunto di Roma, sono cresciute le denunce di pazienti e familiari su presunta responsabilità medica per aver contratto il Covid-19. Da Consulcesi & Partners un aiuto per tutelare le ragioni degli operatori sanitari
Malpractice, i chirurghi scrivono al Ministro Grillo: «Basta pubblicità ingannevole. Ridurre contezioso medico-paziente»
Una lettera aperta del Collegio Italiano dei Chirurghi indirizzata la Ministro della Salute, Giulia Grillo riporta di nuovo l'attenzione sulle pubblicità che promuovono azioni legali temerarie nei confronti dei medici italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...