Salute 17 febbraio 2015

Rapporto malpractice: meno sinistri, ma più costosi

Il rapporto registra un calo di denunce nella sanità pubblica e un aumento del valore assicurativo nell’ultimo decennio: i più esposti restano i chirurghi

Immagine articolo

I sinistri totali registrati in Italia negli ultimi dieci anni sono stati 41.628, con una media di 4.163 all’anno.

È quanto emerge dalla sesta edizione del rapporto “Medical Malpratice Claims Analysis” redatto da Marsh. Un’analisi dei sinistri avvenuti nella sanità pubblica tra il 2004 ed il 2014 e di come questi influiscono sul settore assicurativo.

Il campione analizzato dallo studio comprende 89 strutture, 265.678 lavoratori (di cui 43.190 medici e 110.208 infermieri) e 2.633.566 ricoveri annui. Il numero medio di sinistri all’anno per ospedale ammonta a 66. L’analisi mostra un picco di eventi nel periodo relativo agli anni 2008-2009 e una flessione costante fino all’ultimo anno preso in considerazione. Unica eccezione: il 2012, durante il quale si è registrato un picco positivo.

Il 43,2% dei sinistri è aperto, mentre quelli senza seguito sono il 24,1%. La maggior parte di queste pratiche è stragiudiziaria (il 78,6%) mentre i procedimenti penali si assestano intorno all’8%. Il 78,1% delle denunce viene effettuata per lamentate lesioni. I casi di decesso registrati nell’ultimo anno sono il 7,9%, in leggero aumento rispetto alla percentuale registrata l’anno precedente (7,7%).

L’unità operativa maggiormente soggetta a citazioni in denunce di sinistro è la Struttura (15,5%), che precede Ortopedia e Traumatologia (13,2%) e DEA/Pronto Soccorso (13,1%). La maggior parte degli eventi denunciati ha avuto luogo in specialità inerenti l’area chirurgica (il 36,3% dei casi). Gli eventi accaduti invece in aree comuni delle strutture sanitarie rappresentano il 15,5% del totale. Il 13,7% dei sinistri si è verificato infine in specialità relative all’area emergenza-urgenza.

L’evento denunciato più frequentemente è l’errore chirurgico (il 27,3%), seguito dall’errore diagnostico (18%) e dall’errore terapeutico (10,4%). In generale, nel 2014 si è osservata una diminuzione dei tassi di rischio dal -3,15 al -1,30%, alla quale si accompagna un aumento del valore assicurativo dal +1,25 al +3,18%.

Altro dato interessante riguarda i tempi di denuncia e quelli di risposta. il 95% degli eventi viene denunciato entro sei anni dalla data di accadimento dell’evento.

Articoli correlati
Stefano De Lillo si candida all’Omceo Roma: «Superare le divisioni per lavorare uniti per il meglio dei medici»
«Superare le divisioni e lavorare insieme per rilanciare l’immagine del medico nella società». Così Stefano De Lillo ha presentato la sua candidatura alla presidenza dell’OMCeO di Roma
International healthcare
Malpractice cases: doctors, beware of the precedent
Malpractice, sentenza Milano: rivoluzione in corsia, ma siamo solo al primo passo
Onere della prova a carico del paziente e tempi di prescrizione dimezzati a 5 anni: argine alla medicina difensiva, ma in sede di giudizio servirà sempre una tutela legale adeguata
Obbligo assicurativo, ANIA non ha dubbi: “Stop ai rinvii, sì ad impegno per una soluzione condivisa”
Intervista esclusiva ad Aldo Minucci, presidente dell’Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano