Salute 17 febbraio 2015

Rapporto malpractice: meno sinistri, ma più costosi

Il rapporto registra un calo di denunce nella sanità pubblica e un aumento del valore assicurativo nell’ultimo decennio: i più esposti restano i chirurghi

Immagine articolo

I sinistri totali registrati in Italia negli ultimi dieci anni sono stati 41.628, con una media di 4.163 all’anno.

È quanto emerge dalla sesta edizione del rapporto “Medical Malpratice Claims Analysis” redatto da Marsh. Un’analisi dei sinistri avvenuti nella sanità pubblica tra il 2004 ed il 2014 e di come questi influiscono sul settore assicurativo.

Il campione analizzato dallo studio comprende 89 strutture, 265.678 lavoratori (di cui 43.190 medici e 110.208 infermieri) e 2.633.566 ricoveri annui. Il numero medio di sinistri all’anno per ospedale ammonta a 66. L’analisi mostra un picco di eventi nel periodo relativo agli anni 2008-2009 e una flessione costante fino all’ultimo anno preso in considerazione. Unica eccezione: il 2012, durante il quale si è registrato un picco positivo.

Il 43,2% dei sinistri è aperto, mentre quelli senza seguito sono il 24,1%. La maggior parte di queste pratiche è stragiudiziaria (il 78,6%) mentre i procedimenti penali si assestano intorno all’8%. Il 78,1% delle denunce viene effettuata per lamentate lesioni. I casi di decesso registrati nell’ultimo anno sono il 7,9%, in leggero aumento rispetto alla percentuale registrata l’anno precedente (7,7%).

L’unità operativa maggiormente soggetta a citazioni in denunce di sinistro è la Struttura (15,5%), che precede Ortopedia e Traumatologia (13,2%) e DEA/Pronto Soccorso (13,1%). La maggior parte degli eventi denunciati ha avuto luogo in specialità inerenti l’area chirurgica (il 36,3% dei casi). Gli eventi accaduti invece in aree comuni delle strutture sanitarie rappresentano il 15,5% del totale. Il 13,7% dei sinistri si è verificato infine in specialità relative all’area emergenza-urgenza.

L’evento denunciato più frequentemente è l’errore chirurgico (il 27,3%), seguito dall’errore diagnostico (18%) e dall’errore terapeutico (10,4%). In generale, nel 2014 si è osservata una diminuzione dei tassi di rischio dal -3,15 al -1,30%, alla quale si accompagna un aumento del valore assicurativo dal +1,25 al +3,18%.

Altro dato interessante riguarda i tempi di denuncia e quelli di risposta. il 95% degli eventi viene denunciato entro sei anni dalla data di accadimento dell’evento.

Articoli correlati
Stefano De Lillo si candida all’Omceo Roma: «Superare le divisioni per lavorare uniti per il meglio dei medici»
«Superare le divisioni e lavorare insieme per rilanciare l’immagine del medico nella società». Così Stefano De Lillo ha presentato la sua candidatura alla presidenza dell’OMCeO di Roma
International healthcare
Malpractice cases: doctors, beware of the precedent
Malpractice, sentenza Milano: rivoluzione in corsia, ma siamo solo al primo passo
Onere della prova a carico del paziente e tempi di prescrizione dimezzati a 5 anni: argine alla medicina difensiva, ma in sede di giudizio servirà sempre una tutela legale adeguata
Obbligo assicurativo, ANIA non ha dubbi: “Stop ai rinvii, sì ad impegno per una soluzione condivisa”
Intervista esclusiva ad Aldo Minucci, presidente dell’Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...