Salute 31 Marzo 2022 15:35

Mal di primavera: in pochi giorni mette KO due milioni di italiani

Torricelli (ENPAP): «Irritabilità, sonnolenza, ansia, stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di testa, inappetenza e sbalzi di umore sono i sintomi più diffusi del mal di primavera. A turbare ulteriormente gli equilibri già precari durante un cambio di stagione anche la pandemia e la guerra in Ucraina»

Ogni dialogo sfocia in una discussione? I difetti altrui sono diventati improvvisamente insopportabili? La giornata è appena cominciata, ma va già tutto a rotoli? Niente paura, poche settimane e tutto tornerà alla normalità. È molto probabile che la responsabile di ogni sventura sia la primavera. O meglio il mal di primavera, una vera e propria sindrome che, secondo gli esperti, colpisce circa 2 milioni di italiani ogni anno, manifestandosi con maggiore frequenza tra le donne.

I sintomi del mal di primavera

«Irritabilità, sonnolenza, ansia, stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di testa, inappetenza e sbalzi di umore sono i sintomi più diffusi del mal di primavera – spiega Felice Damiano Torricelli, presidente dell’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi (ENPAP) -. Sintomi che compromettono non solo la produttività quotidiana, ma anche le relazioni sociali».

Se le mezze stagioni non esistono più

La primavera dovrebbe essere una stagione di passaggio, che dal periodo più freddo dell’anno ci conduce verso i giorni più caldi. E invece le mezze stagioni, come dimostrato anche da alcuni studi scientifici, non esistono più: «La primavera, ormai, piomba nelle nostre vite all’improvviso, creando un vero e proprio shock – assicura Torricelli -. Lo sbalzo termico è piuttosto repentino, le giornate uggiose diventano luminose. Tutto intorno a noi muta e questi cambiamenti vanno a turbare l’equilibrio che ognuno si era creato solo pochi mesi prima, in molti casi anche con estrema fatica, per affrontare il freddo inverno».

Perché ci arrabbiamo più facilmente

La riorganizzazione richiede sempre uno sforzo sia fisico, che psicologico. «La reazione ad un cambio di stagione è simile a quella che tipicamente si ha di fronte ad una situazione stressante – spiega lo specialista -. Chi è alle prese con un atto di riorganizzazione, anche sbrigando faccende pratiche come sistemare il guardaroba con vestiti e biancheria più adatti alla stagione calda in arrivo, può avere la sensazione che non tutto sia sotto controllo. Questa incertezza, seppur temporanea e spesso legata a cose futili, aumenta l’irritabilità. L’agitazione, a sua volta, può dare origine a forme d’ansia e influenzare negativamente i rapporti sociali. Questo mal adattamento relazionale non fa altro che peggiorare il livello di stress, gettando l’individuo in una sorta di circolo vizioso».

Perché siamo più stanchi

E come se non bastasse, a peggiorare la situazione arriva anche un’inspiegabile voglia di riposare che, non a caso, un vecchio proverbio – aprile dolce dormire – associa proprio al primo periodo della primavera. Ma anche questa stanchezza ha una spiegazione chiara: «La luce e il tepore tipici della primavera risvegliano le nostre funzioni ormonali. Tale riattivazione richiede un maggiore dispendio energetico che ci spinge ad essere più sonnecchianti», dice il presidente ENPAP.

Le aggravanti

Ma non è tutto. Abituarsi a questa primavera sarà più difficile anche dello scorso anno. «A turbare ulteriormente gli equilibri già normalmente precari durante un cambio di stagione contribuiscono anche gli eventi che stanno condizionando l’esistenza dei cittadini di tutto il mondo. Già reduci da oltre due anni di pandemia, ora ci troviamo a fare in conti anche con le conseguenze della guerra esplosa in Ucraina. Restrizioni, incertezze verso il futuro sia lavorativo che economico, i continui adattamenti, molti dei quali repentini, hanno aumentato i motivi di stress, anche se in misura diversa, in ciascuno di noi. Ma anche questa volta – assicura Torricelli -, ognuno con i suoi tempi e nel rispetto delle proprie peculiarità, ritornerà ad adattarsi anche alla primavera del 2022». E chissà, nel giro di qualche settimana, potremmo ritornare a litigare con la frequenza abituale e a tollerare quei difetti altrui che con il tempo avevamo accettato, se non addirittura imparato ad amare.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Contatto con caso Covid, dopo quanto ci si positivizza?
Maga (Cnr): «I sintomi iniziano a manifestarsi dopo 2-3 giorni dal contatto Covid. Per sicurezza meglio aspettare almeno una settimana»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Arrivano le zecche, attenzione alla malattia di Lyme
Inverno mite e primavera con temperature elevate hanno contribuito alla diffusione delle zecche. L’area più colpita è l’Europa centrale, dove si segnala un 20,7% di infezioni, a seguire l’Asia orientale con il 15,9% e l’Europa occidentale con il 13,5%. Antonella D’Arminio Monforte, direttore della struttura complessa di malattie infettive Santi Paolo e Carlo Milano spiega come affrontarle e le possibili conseguenze
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?
La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...