Salute 2 Dicembre 2019

Lombardia, ticket gratuiti per forze dell’Ordine e polizia locale. Monti: «Messaggio politico di vicinanza a chi difende la sicurezza»

L’esonero al pagamento delle spese sanitarie, strettamente correlato all’infortunio, sarà esteso per un periodo massimo di un anno a decorrere dal giorno dell’evento traumatico

di Federica Bosco

Buone notizie per le forze dell’ordine. La Commissione Sanità di Regione Lombardia ha approvato all’unanimità un emendamento che vedrà dal 2020 l’esenzione del pagamento delle spese sanitarie per esercito, forze dell’ordine e polizia locale a seguito di infortuni durante il servizio, anche in caso di dimissione dal pronto soccorso in codice bianco.

«Il tema degli infortuni sul lavoro è un tema grande – sottolinea Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia -. Non si parla solo di fabbriche e di imprese, ma anche di chi tutti i giorni è sul fronte della sicurezza e ha dei risvolti legati alla propria salute, al proprio stato, anche psicologico in alcuni casi, per cui il sostegno che nella nostra regione è già presente, deve essere potenziato. È una sfida importante per supportare chi, anche con uno stipendio molto limitato, mette il cuore oltre l’ostacolo tutti i giorni. Quindi è un messaggio politico che vuole partire da qui, dalla sede del parlamento lombardo di grande vicinanza, di sostegno in modo pragmatico, come siamo noi lombardi cercando davvero con atti concreti chi tutti i giorni ci difende».

L’esonero al pagamento delle spese sanitarie, strettamente correlato all’infortunio, sarà esteso per un periodo massimo di un anno a decorrere dal giorno dell’evento traumatico. Ipotizzando per ciascun infortunato dieci prestazioni al costo massimo del ticket pari a 51 euro, l’importo di esenzione sarà di circa 500 euro pro capite. Facendo una media di 150 infortuni, Regione Lombardia stanzierà un fondo di 100 mila euro. Per il sindacato autonomo di polizia (SAP) si tratta di un segnale di attenzione verso le forze dell’ordine molto importante.

«Siamo molto soddisfatti – ammette Massimiliano Pirola, segretario provinciale SAP Milano – perché i primi a pagare le conseguenze delle violenze che sono per strada sono gli appartenenti delle forze dell’ordine. Nel 2019 abbiamo contato quasi 300 aggressioni in tutta Italia ai danni degli agenti e, per ogni aggressione, non sempre è coinvolto un solo operatore, ma anche due, tre o anche quattro. La realtà è questa. Gli agenti feriti poi vengono abbandonati, come se gli infortuni non fossero accaduti indossando una divisa. Abbiamo ad esempio un collega che è stato vittima della mafia del Brenta negli anni ‘80, oggi è su una sedia a rotelle e ricordo che ha fatto addirittura un appello pubblico perché nello scontro a fuoco è rimasto paralizzato, ma lo Stato non gli passa neppure i soldi per la sedia a rotelle da cambiare».

Questo emendamento segna una svolta importante…

«Assolutamente sì, mi auguro che venga preso in considerazione anche da altre Regioni perché è una goccia nell’oceano, ma per noi è come ricevere un gesto di attenzione in mezzo a gente che ci dipinge in un certo modo e che vorrebbe mettere sulle divise dei numeri per schedarci».

Articoli correlati
Test sierologici privati in Lombardia, migliaia di prenotazioni e prime positività
Multimedica, rete di strutture che ha messo a disposizione i test, informa: 18% ha IgG e 5,5% IgM. Poliambulanza Brescia: su 688 test, 50 con IgG
Terapia al plasma, in Lombardia test a 500mila possibili donatori, conservazione in banca regionale e trattamento in più ospedali
Monti (presidente Commissione sanità Lombardia): «Dopo malati guariti e operatori sanitari, ci affideremo all’Avis per trovare una quota sufficiente di anticorpi neutralizzanti che serviranno per pazienti Covid»
di Federica Bosco
Il Coronavirus in Lombardia già dal 26 gennaio. Signorelli: «È circolato liberamente per un mese, per questo dopo paziente uno crescita esponenziale»
«Senza specifiche misure di contenimento si sono creati dei focolai epidemici», sottolinea Carlo Signorelli, professore di Igiene e Sanità pubblica all'Università Vita Salute San Raffaele di Milano e membro della Task Force di Regione Lombardia. «Con la riapertura – sottolinea - ci sarà quasi sicuramente un aumento dei casi, ma attenzione a non superare la soglia di R1»
Lombardia, lo sfogo dei medici di medicina generale: «Ci dicevano che il tampone non serviva. Così siamo diventati vettori del virus»
Attivate le Unità speciali di continuità assistenziale. Roberto (medico di famiglia): «Pochi medici e troppa burocrazia, due giorni per prendere in carico un malato sono troppi». Andrea (medico di continuità assistenziale): «Dopo un mese e mezzo atteggiamento inaccettabile». La Regione effettuerà 20mila test sierologici al giorno, a partire da medici e operatori sanitari
di Federica Bosco
L’ex direttore sanitario dell’Asl di Bergamo spiega perché il virus è dilagato in Lombardia: «Commessi due errori»
Giuseppe Imbalzano: «Necessarie piccole équipe di medici e reparti isolati per malati Covid-19. Da abrogare l'articolo che consente ai sanitari positivi ma asintomatici di lavorare e fare i tamponi negli ospedali. Così l'infezione sarà gestibile in quaranta giorni»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco