Salute 12 Novembre 2019 15:00

Lombardia, cresce il numero delle vaccinazioni antinfluenzali: +70%. Sinergia tra Regione e Federfarma

Fino ad oggi distribuite più di un milione e duecento mila dosi di vaccino antinfluenzale. Racca (Federfarma Lombardia): «Medici e pediatri hanno potuto trovare le dosi dei vaccini nella farmacia più vicina al loro ambulatorio»

di Federica Bosco

Cresce in maniera significativa il numero delle vaccinazioni in Lombardia grazie ad una stretta collaborazione tra Regione e Federfarma per la distribuzione ai medici di famiglia ed ai pediatri del vaccino antinfluenzale direttamente nella farmacia di fiducia. Un iter semplificato che ha dato in poco più di due settimane i suoi frutti con un incremento del 70 percento di richieste, come ha sottolineato la Presidente di Federfarma Lombardia, Mariarosa Racca.  

«Quest’anno aumenterà la copertura vaccinale ed aumenterà di tanto – ha spiegato durante il recente Congresso nazionale su pediatria e neonatologia -. E questo è importante perché la vaccinazione è un grandissimo strumento di prevenzione. Aumenterà perché i medici e i pediatri hanno potuto trovare le dosi dei vaccini da fare ai pazienti fragili, ai malati, agli anziani e alle donne in gravidanza nella farmacia più vicina al loro ambulatorio».

«Ad oggi sono state distribuite più di un milione e duecento mila dosi di vaccino antinfluenzale, ma non è finita la campagna vaccinale e quei medici che avranno bisogno di ulteriori dosi potranno sempre chiedere alla farmacia di fiducia. In questa direzione va il nostro impegno per prevenire anche le grandi malattie. Questo è un bel segnale».

Articoli correlati
Influenza, no ai vaccini somministrati in farmacia. Speranza: «Test antigenici anche a scuola. Per i salivari verifiche in corso»
Approvate le mozioni Carnevali e Gelmini per la distribuzione dei vaccini antinfluenzali. Il ministro al question time su test rapidi e loro implementazione
Gravidanza, FNOPO: «Vaccinazioni contro l’influenza e acido folico fondamentali per salute delle donne e dei nascituri»
La FNOPO, anche quest’anno si associa al messaggio delle altre professioni sanitarie, medici di famiglia, ginecologi e pediatri, affinché «si comprenda che non sono i vaccini a dover far paura, ma al contrario si devono temere le malattie, e le loro possibili complicanze»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...