Salute 15 Ottobre 2021 17:20

Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva

Compiaciuti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino: «I cittadini coinvolti a pieno titolo nell’elaborazione del documento»

Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva

Le nuove linee guida sulla PMA redatte dalla SIRU (Società Italiana di Riproduzione Umana) presentate durante il 4° Congresso Nazionale SIRU in corso a Napoli da ieri fino al 16 ottobre, si prefiggono di superare l’atavica disomogeneità di applicazione dei PDTA tra le varie Regioni d’Italia, divenendo un faro per gli operatori sanitari e offrendo ai cittadini che si affacciano a questo percorso la possibilità di accedere a trattamenti regolati da criteri uniformi su tutto il territorio nazionale.
Cittadini che, nelle loro rappresentanze, sono stati coinvolti a pieno titolo nella stesura delle linee guida, diventandone così, al tempo stesso, punto di partenza e destinatario finale. Alle nostre telecamere hanno espresso la loro soddisfazione per i risultati raggiunti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino.

D’Amico (Associazione Hera): «Fondamentale coinvolgere pazienti per valutare la loro risposta alle raccomandazioni»

«Siamo stati coinvolti sin dall’inizio in questo processo di formazione delle linee guida alla luce della legge Gelli – Bianco – spiega il presidente di Hera – e abbiamo partecipato a tutte le sedute e gli incontri. Molte di queste prescrizioni hanno un contenuto tecnico che sfugge ai non esperti della materia, ma altre toccano invece da vicino la vita delle persone. È interessante offrire il punto di vista del singolo paziente, del cittadino comune, per dare la -possibilità al medico o allo scienziato di capire come il paziente si pone di fronte a una determinata prescrizione piuttosto che a un’altra. Le linee guida – continua D’Amico – nascono con la precisa vocazione di essere il parametro per valutare la responsabilità sanitaria del medico, ma al tempo stesso offrono a quest’ultimo un percorso raccomandato che lo porta sì a seguire quelle indicazioni ma anche a non sottovalutare le peculiarità di un caso concreto che da quelle indicazioni potrebbe discostarsi. In sostanza – conclude – le linee guida sono fondamentali perché riescono a unire la previsione di una prescrizione generale nel rispetto però delle individualità specifiche dei singoli casi».

Mandorino (Cittadinanzattiva): «Con l’approvazione delle linee guida le buone pratiche entreranno nei PDTA in modo uniforme»

«Come Cittadinanzattiva siamo stati ben lieti di essere coinvolti nell’elaborazione di queste linee guida – afferma la Segretaria Generale – innanzitutto perché in questo modo il cittadino è diventato non solo il destinatario di queste linee guida ma anche uno degli interlocutori per la loro costruzione. Questo significa che è stato tenuto conto del punto di vista del cittadino riguardo a varie criticità e problemi, e questo è sicuramente un arricchimento. Riteniamo queste linee guida una base molto utile – prosegue -sia per superare l’eterogeneità della pratica clinica ma anche le disuguaglianze tra i territori, che rappresenta la criticità maggiore riscontrata in termini di accesso alle tecniche di PMA. Nelle more di una normativa nazionale e con il ritardo dell’aggiornamento dei LEA in cui la PMA non è ancora compresa, assistiamo a una situazione estremamente frammentata tra le Regioni, in cui ognuna si regola con le sue modalità. Anche qui, la presenza delle linee guida nazionale potrà assicurare maggiore uniformità. Infine – conclude Mandorino – è importante ricordare che le linee guida preparano i PDTA, che potranno poi servire a calare nei territori le evidenze scientifiche e le raccomandazioni per garantire parità di trattamento a tutti i cittadini del nostro Paese».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fecondazione estesa in Spagna, SIRU: «Non possiamo più restare indietro, urge intervenire su Pma in Italia»
In Spagna si estende la fecondazione in vitro a single e coppie lesbiche mentre in Italia si blocca il Ddl Zan. Antonino Guglielmino, Presidente SIRU: «Non possiamo più permetterci di ignorare a questione dei diritti civili, si apra il dibattito pubblico e si scriva il futuro della Pma»
Il Presidente SIRU Luigi Montano premiato al Campidoglio. È “Paladino Italiano della Salute”
A Luigi Montano, uroandrologo, il premio per il progetto di ricerca EcoFoodFertility
Il caso degli embriologi clinici: protagonisti della PMA ma orfani di una specializzazione
SIRU, Biologi e CGIL al lavoro per il riconoscimento professionale della categoria
Tumore al seno metastatico, approvate nuove linee guida internazionali
La prima firma è dell’oncologa italiana Alessandra Gennari. Il documento pubblicato su Annals of Oncology è stato pensato per integrare anche i dati più recenti e potenzialmente in grado di cambiare la pratica
PMA, da SIRU il binomio vincente per equità e sicurezza: linee guida certificate e accelerata sui LEA
Nella giornata inaugurale del 4° Congresso Nazionale presentate le prime linee guida nazionali ora all’approvazione del Ministero della Salute. Il punto su accesso alle cure, prevenzione, riforme legislative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano