Salute 15 Ottobre 2021 17:20

Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva

Compiaciuti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino: «I cittadini coinvolti a pieno titolo nell’elaborazione del documento»

Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva

Le nuove linee guida sulla PMA redatte dalla SIRU (Società Italiana di Riproduzione Umana) presentate durante il 4° Congresso Nazionale SIRU in corso a Napoli da ieri fino al 16 ottobre, si prefiggono di superare l’atavica disomogeneità di applicazione dei PDTA tra le varie Regioni d’Italia, divenendo un faro per gli operatori sanitari e offrendo ai cittadini che si affacciano a questo percorso la possibilità di accedere a trattamenti regolati da criteri uniformi su tutto il territorio nazionale.
Cittadini che, nelle loro rappresentanze, sono stati coinvolti a pieno titolo nella stesura delle linee guida, diventandone così, al tempo stesso, punto di partenza e destinatario finale. Alle nostre telecamere hanno espresso la loro soddisfazione per i risultati raggiunti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino.

D’Amico (Associazione Hera): «Fondamentale coinvolgere pazienti per valutare la loro risposta alle raccomandazioni»

«Siamo stati coinvolti sin dall’inizio in questo processo di formazione delle linee guida alla luce della legge Gelli – Bianco – spiega il presidente di Hera – e abbiamo partecipato a tutte le sedute e gli incontri. Molte di queste prescrizioni hanno un contenuto tecnico che sfugge ai non esperti della materia, ma altre toccano invece da vicino la vita delle persone. È interessante offrire il punto di vista del singolo paziente, del cittadino comune, per dare la -possibilità al medico o allo scienziato di capire come il paziente si pone di fronte a una determinata prescrizione piuttosto che a un’altra. Le linee guida – continua D’Amico – nascono con la precisa vocazione di essere il parametro per valutare la responsabilità sanitaria del medico, ma al tempo stesso offrono a quest’ultimo un percorso raccomandato che lo porta sì a seguire quelle indicazioni ma anche a non sottovalutare le peculiarità di un caso concreto che da quelle indicazioni potrebbe discostarsi. In sostanza – conclude – le linee guida sono fondamentali perché riescono a unire la previsione di una prescrizione generale nel rispetto però delle individualità specifiche dei singoli casi».

Mandorino (Cittadinanzattiva): «Con l’approvazione delle linee guida le buone pratiche entreranno nei PDTA in modo uniforme»

«Come Cittadinanzattiva siamo stati ben lieti di essere coinvolti nell’elaborazione di queste linee guida – afferma la Segretaria Generale – innanzitutto perché in questo modo il cittadino è diventato non solo il destinatario di queste linee guida ma anche uno degli interlocutori per la loro costruzione. Questo significa che è stato tenuto conto del punto di vista del cittadino riguardo a varie criticità e problemi, e questo è sicuramente un arricchimento. Riteniamo queste linee guida una base molto utile – prosegue -sia per superare l’eterogeneità della pratica clinica ma anche le disuguaglianze tra i territori, che rappresenta la criticità maggiore riscontrata in termini di accesso alle tecniche di PMA. Nelle more di una normativa nazionale e con il ritardo dell’aggiornamento dei LEA in cui la PMA non è ancora compresa, assistiamo a una situazione estremamente frammentata tra le Regioni, in cui ognuna si regola con le sue modalità. Anche qui, la presenza delle linee guida nazionale potrà assicurare maggiore uniformità. Infine – conclude Mandorino – è importante ricordare che le linee guida preparano i PDTA, che potranno poi servire a calare nei territori le evidenze scientifiche e le raccomandazioni per garantire parità di trattamento a tutti i cittadini del nostro Paese».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guglielmino (Siru): «Basta rimandare i Lea, 100mila coppie non possono più aspettare»
«Non è possibile attendere il nuovo governo per l’approvazione dei Lea, le coppie infertili non hanno tempo». È questo l’appello che arriva da Antonino Guglielmino, presidente dalla Società Italiana di Riproduzione Umana (Siru), a seguito delle voci secondo le quali la tanto attesa approvazione dei Lea rischia di essere ulteriormente rimandata. Il testo del Decreto […]
di Redazione
aPTT, il test ADAMTS13 va inserito nei LEA. Troppi i costi per i pazienti emersi dall’indagine IQVIA
Il test dell’ADAMTS13 è indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia ma la diffusione in Italia è a macchia di leopardo e costringe malati e caregiver a una faticosa mobilità sanitaria. Isabella Cecchini (IQVIA Italia) illustra i risultati dell’analisi effettuata su 74 persone con aTTP da tutta Italia
Porpora Trombotica Trombocitopenica, Angelucci (ematologo): «Malattia rara subdola. Prima si arrivava al 15% di mortalità all’esordio»
«Si manifesta con sintomi aspecifici e generici, spesso trascurati dal paziente stesso. La diagnosi precoce e accurata è fondamentale per la guarigione dalla Porpora trombotica trombocitopenica» spiega il Direttore dell’UO Ematologia dell’IRCCS Policlinico S. Martino di Genova a Sanità Informazione
Porpora trombotica trombocitopenica: disparità regionali, diagnosi e monitoraggio a rilento
Le storie e i bisogni dei pazienti raccontati in un convegno. L’Associazione ANPTT e i clinici di riferimento chiedono che il test indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia sia inserito nei LEA: «La richiesta è stata fatta, fiduciosi che avvenga prima della fine della legislatura». La Sen. Paola Binetti ha depositato un disegno di legge per istituire una Giornata Nazionale dedicata
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi