Salute 18 Luglio 2023 14:01

L’impegno dei social network contro la disinformazione sulla salute non può passare di moda

“Meta e Facebook non devono abbandonare il loro impegno contro la disinformazione su Covid-19, vaccini e trattamenti sanitari”. È questo il messaggio del consiglio di sorveglianza esterno nominato da Meta stesso. Alla fine del 2022, Meta, società capogruppo di Facebook, ha gradualmente dismesso alcune etichette di contenuto che apparivano sui contenuti delle sue piattaforme e […]

“Meta e Facebook non devono abbandonare il loro impegno contro la disinformazione su Covid-19, vaccini e trattamenti sanitari”. È questo il messaggio del consiglio di sorveglianza esterno nominato da Meta stesso.

Alla fine del 2022, Meta, società capogruppo di Facebook, ha gradualmente dismesso alcune etichette di contenuto che apparivano sui contenuti delle sue piattaforme e che per gran parte dei mesi più difficili della pandemia avevano indirizzato gli utenti alla sua pagina centrale di informazioni sul Covid-19 realizzata con aggiornamenti provenienti da fonti ufficiali e verificate.

A quanto spiegano diversi media statunitensi, ad esempio la CNN, questo è avvenuto anche a seguito di una ricerca interna che ha concluso che le etichette ormai potrebbero essere inefficaci nel cambiare gli atteggiamenti degli utenti o fermare la diffusione della disinformazione, secondo quanto emerge da un rapporto presentato il 20 aprile dall’Oversight Board, un consiglio di sorveglianza esterno e indipendente scelto dal colosso dei social media per esaminare le sue decisioni sui contenuti.

Facebook aveva lanciato le etichette ai contenuti all’inizio del 2021, dopo essere stato pesantemente criticato negli USA per la diffusione della disinformazione sul Covid-19 sulle sue piattaforme durante il primo anno della pandemia. Va anche ricordato il diverso approccio avuto da Meta-Facebook in altri contesti. Ad esempio in Italia, la scelta di quella piattaforma, analogamente alle scelte di Twitter e Google con YouTube, è stata quella di agire tempestivamente, già nel gennaio 2020, suggerendo a tutte le ricerche connesse al Covid-19 le pagine ufficiali prodotte dal Ministero della Salute italiano.

La società negli USA ha applicato le etichette a una vasta gamma di affermazioni sia vere che false su vaccini, trattamenti e altri argomenti relativi al virus. Ma la ricerca ha rilevato che più frequentemente un utente era esposto alle etichette, meno era probabile che visitasse il centro informazioni Covid-19, che offre risorse e informazioni autorevoli legate alla pandemia. Questo ricorda molto da vicino le attuali analisi di esperti e data scientist che studiano infodemia e disinformazione e di cui ci siamo occupati spesso in questa rubrica e che possiamo riassumere sotto i titoli di polarizzazione, echo chamber, prebunking e teoria dell’inoculazione.

I nuovi dettagli evidenziano le difficoltà che le piattaforme hanno affrontato nella lotta alla disinformazione e potrebbero sollevare domande più ampie sull’efficacia dell’etichettatura e sull’indirizzare gli utenti a informazioni più accurate. Arriva anche in un momento in cui alcune delle più grandi società di social media, tra cui Twitter e Meta, stanno dismettendo le loro politiche di contrasto alla disinformazione Covid-19 o stanno valutando di farlo.

“Meta non dovrebbe allentare il suo approccio alla disinformazione su Covid-19 come ha proposto la società” ha aggiunto il consiglio di sorveglianza secondo quanto riporta la CNN. “Fino a quando l’Organizzazione mondiale della sanità non determinerà che la pandemia si è attenuata, Meta dovrebbe invece continuare a rimuovere la disinformazione che viola le politiche dell’azienda, piuttosto che spostarsi verso trattamenti più indulgenti come l’etichettatura o il declassamento di informazioni fuorvianti, ha affermato il consiglio”.

Meta ha dichiarato che risponderà pubblicamente alle raccomandazioni del consiglio di sorveglianza entro 60 giorni. “Ringraziamo l’Oversight Board per la sua revisione e le sue raccomandazioni in questo caso”, ha detto un portavoce dell’azienda. “Man mano che il Covid-19 si evolve, continueremo a consultare ampiamente gli esperti sui modi più efficaci per aiutare le persone a rimanere al sicuro sulle nostre piattaforme”.

In passato, Meta ha propagandato la sua capacità di indirizzare gli utenti al centro informazioni Covid-19. Lo scorso luglio, la società ha dichiarato di aver collegato più di 2 miliardi di persone in 189 paesi a informazioni affidabili attraverso il portale. Alcune di queste visite sono avvenute attraverso etichette che Meta ha definito internamente “trattamenti informativi neutrali” o NIT e “fatti sui trattamenti informati X”, noti anche come FAXIT.

Le etichette sono state applicate automaticamente ai contenuti che gli strumenti automatizzati di Meta hanno determinato riguardavano Covid-19, ha affermato l’Oversight Board. Le etichette non hanno mai affrontato direttamente le affermazioni all’interno di un determinato post, ma hanno fornito un collegamento al centro informazioni Covid-19 e informazioni più contestuali, inclusi messaggi che affermano che i vaccini si sono dimostrati sicuri ed efficaci o che trattamenti Covid-19 non approvati potrebbero causare danni fisici.

La decisione di iniziare a eliminare gradualmente le etichette è arrivata dopo che i team di prodotto e integrità di Meta hanno condotto un esperimento studiando la base di utenti globale di Meta, afferma il rapporto. Lo studio ha rilevato che gli utenti a cui venivano mostrate le etichette circa una volta al mese erano in media più propensi a fare clic sul centro informazioni Covid-19 rispetto agli utenti a cui venivano mostrate le etichette sia più che meno frequentemente.

Alla luce dei risultati, Meta ha successivamente dichiarato all’Organismo di Vigilanza che avrebbe smesso del tutto di utilizzare le etichette, per garantire che potessero rimanere efficaci in altre emergenze di salute pubblica. Sebbene il rapporto dell’Oversight Board di giovedì non abbia espresso un giudizio sulla decisione di Meta di smettere di utilizzare le etichette, ha esortato l’azienda a rivalutare gli 80 distinti tipi di affermazioni che l’azienda considera disinformazione sul Covid-19 e quindi soggette a rimozione dalle sue piattaforme.

Meta dovrebbe eseguire regolarmente le rivalutazioni, ha affermato l’Organismo di Vigilanza, consultandosi con i funzionari della sanità pubblica per determinare quali affermazioni sulla lista vietata di Meta continuano ad essere false o fuorvianti e degne di essere rimosse. Meta dovrebbe anche pubblicare un record di quando e come aggiorna tale elenco, ha concluso il consiglio.

 

INFODEMIC LAB ITALIA

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...