Salute 3 Febbraio 2015

Nuovi LEA, il debutto della fecondazione eterologa e delle tecnologie avanzate

Altri 470 milioni sul piatto per garantire i servizi sanitari essenziali

Nuovi LEA, il debutto della fecondazione eterologa e delle tecnologie avanzate

Attesa la pronuncia della Conferenza Stato Regioni sulla proposta del ministro Lorenzin per definire i nuovi LEA.

Per garantire ai cittadini italiani una serie di nuove prestazioni – in aggiunta a quelle già esistenti – a carico del Servizio sanitario nazionale o dietro pagamento del ticket, sono stati messi sul piatto altri 470 milioni di euro.

Il nuovo che avanza – Tanti i servizi che fanno il loro ingresso tra i LEA, a discapito di alcune prestazioni ormai ritenute superate e che verranno quindi cancellate. Tra i nuovi arrivati la procreazione medicalmente assistita (Pma) di tipo omologo ed eterologo. Se per alcune Regioni anche l’applicazione della prima è stata finora un tabù, da adesso in poi dovranno avere dei centri pubblici adibiti alla procedura. Restando nell’ambito della natalità, anche l’analgesia epidurale somministrata durante il parto, altra prestazione non sempre disponibile negli ospedali italiani, da oggi invece dovrà essere offerta alle donne che la richiedono. Occhio di riguardo alle nuove tecnologie, alleate sempre più fondamentali nei servizi sanitari. Rientreranno infatti nei Livelli essenziali di assistenza gli Ict, cioè i computer che permettono la comunicazione a chi è affetto da gravi disabilità, come la Sla, ma anche dispositivi come apparecchi acustici digitali, kit di motorizzazione per carrozzine e carrelli servoscala.

Si introdurranno invece dei requisiti di erogabilità per alcune prestazioni diagnostiche e terapeutiche che saranno assicurate dal servizio pubblico solo in presenza di determinate condizioni. Per molte prestazioni, dette condizioni dovranno essere rispettate dai medici che prescrivono (alle Asl il compito di controllare che i medici seguano le indicazioni), mentre altre prestazioni viaggeranno in coppia e saranno “reflex”: la seconda si farà solo se la prima ha un determinato esito. Tra i neo-esenti entrano i donatori d’organo, mentre sempre dal Ministero arriva la proposta di esenzione per alcune nuove patologie (tra cui l’endometriosi e la sindrome da Talidomide) e per circa 110 malattie rare. Malattie rare dal cui novero escono la celiachia e la sindrome di Down: da oggi, saranno classificate come croniche.

Articoli correlati
Coronavirus, la Società Italiana di Riproduzione Umana: «Sospendere per un mese le prestazioni di fecondazione assistita»
«È compito di tutti gli operatori della salute riproduttiva svolgere attività di prevenzione e di informazione, per prevenire e ridurre la possibile trasmissione del virus»
Anemia di Fanconi, le storie di Antonella e Cameron: «Le cellule staminali emopoietiche ci hanno salvato la vita»
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Autologa solidale, differenze in Ue sulla conservazione delle staminali del cordone. Totta (Futura): «Modello ibrido pubblico-privato il migliore, Italia colga occasione»
Nel nostro paese soltanto nel 4% dei parti viene raccolto il sangue cordonale mentre nel mondo vengono effettuati migliaia di trapianti di cellule staminali del sangue per combattere numerose malattie. Del tema si è parlato nel convegno "La scelta di essere mamma" presso la Sala Isma del Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli