Salute 19 Febbraio 2024 11:25

Le iniezioni di acido ialuronico stimolano il rinnovamento duraturo del collagene nella pelle invecchiata dal Sole

I filler a base di acido ialuronico sono in grado di invertire i cambiamenti nella pelle indotti dalla luce ultravioletta e responsabili dell’invecchiamento precoce. A scoprirlo è uno studio della U-M Medical School, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Experimental Dermatology e confermati in un recente lavoro italiano pubblicato sulla rivista Journal of Cosmetic Dermatology. Ne abbiamo parlato con Stefania Guida, specialista in Dermatologia e Venereologia della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e di Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST)

Le iniezioni di acido ialuronico stimolano il rinnovamento duraturo del collagene nella pelle invecchiata dal Sole

I filler a base di acido ialuronico sono in grado di invertire i cambiamenti nella pelle indotti dalla luce ultravioletta e responsabili dell’invecchiamento precoce. A scoprirlo è uno studio della U-M Medical School, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Experimental Dermatology e confermati in un recente lavoro italiano pubblicato sulla rivista Journal of Cosmetic Dermatology. L’esposizione cronica della pelle alla luce ultravioletta provoca un invecchiamento precoce o fotoinvecchiamento. Quando la pelle subisce il fotoinvecchiamento, i fasci di collagene di tipo I, che si trovano nel derma sotto lo strato superiore della pelle e forniscono forza e sostegno alla pelle, si frammentano. Questo porta a rughe, fragilità e perdita di sostegno ed elasticità.

I filler a base di acido ialuronico promuove la rigenerazione del collagene

“Nel nuovo studio si evince che i filler a base di acido ialuronico provocano un miglioramento della pelle nel corso del tempo, non solo dopo l’iniezione, ma anche nel corso dei mesi, e che questo possa essere legato a un processo di rigenerazione che riguarda anche la componente strutturale della pelle, ovvero il collagene”, spiega a Sanità Informazione Stefania Guida, specialista in Dermatologia e Venereologia della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e di Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST).

Iniezioni di filler ripetute possono aggiungere ancora più collagene

“Il processo di invecchiamento si caratterizza verifica per variazioni della superficie della pelle più evidenti, come l’insorgenza di macchie e rugosità, ma anche per variazioni un po’ più profonde che riguardano la frammentazione del collagene e quindi la perdita del supporto strutturale che comporta l’insorgenza e la manifestazione attraverso lassità della pelle e rughe più profonde”, afferma Guida. “I filler sono uno strumento che non solo consente di riempiere le rughe, ma anche di stimolare la produzione di collagene“, aggiunge. Il nuovo studio dunque conferma che il filler migliora l’aspetto della pelle a breve termine e anche dopo mesi o addirittura un anno dopo l’iniezione. “Una singola iniezione di filler dermico di acido ialuronico reticolato può portare a un miglioramento rapido e duraturo della pelle stimolando la deposizione di collagene e, inoltre, iniezioni ripetute possono aggiungere più collagene, riducendo infine la necessità di un nuovo trattamento”, sottolineano i ricercatori.

Le iniezioni di acido ialuronico stimolano anche le cellule staminali del tessuto adiposo

“Gli studi scientifici avevano già dimostrato come l’acido ialuronico fosse capace di determinare la stimolazione della produzione di collagene e anche la produzione di elastina, che mantiene la pelle elastica e compatta”, dichiara Guida. “Il nuovo studio supporta queste evidenze, ma non bisogna trascurare il fatto che esistono una serie di lavori scientifici che evidenziano come alcune tipologie di filler a base di acido ialuronico possono determinare un effetto anche di stimolazione delle cellule staminali del tessuto adiposo. Tuttavia – continua – non si possono fare generalizzazioni: diverse tipologie prodotti possono determinare un diverso livello di produzione di collagene“.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...