Salute 2 Febbraio 2024 14:55

La sindrome dell’ovaio policistico è legata a problemi di memoria

Le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) possono sperimentare maggiori difficoltà di memoria durante la mezza età. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università della California a San Francisco e pubblicato sulla rivista Neurology

La sindrome dell’ovaio policistico è legata a problemi di memoria

Le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) possono sperimentare maggiori difficoltà di memoria durante la mezza età. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università della California a San Francisco e pubblicato sulla rivista Neurology. La sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo ormonale che può provocare un ciclo mestruale irregolare, crescita eccessiva di peli, acne, difficoltà a concepire e cattiva salute metabolica. Questo disturbo colpisce fino al 10 per cento delle donne.

La sindrome dell’ovaio policistico ha effetti anche sul cervello

“Sebbene sia stata collegata a malattie metaboliche come l’obesità, il diabete e problemi cardiaci – commenta Heather G. Huddleston, tra gli autori dello studio – è meno noto l’effetto che la sindrome dell’ovaio policistico possa avere sul cervello”. Nello studio sono state coinvolte 907 donne con un’età compresa tra 18 e 30 anni, seguite per 3 decenni. Alla fine del periodo di osservazione, gli scienziati hanno testato le loro capacità cognitive per valutare l’eventuale presenza di una correlazione con la PCOS.  “I nostri risultati suggeriscono che le donne che ne soffrono hanno capacità mnemoniche e cognitive inferiori”, sottolinea Huddleston. Al momento della valutazione, riportano i ricercatori, 66 donne avevano sviluppato la PCOS. Dopo aver aggiustato i dati in base ai diversi parametri, gli autori hanno scoperto che le donne con sindrome dell’ovaio policistico tendevano a ottenere punteggi più bassi in tre delle cinque tipologie di test, specialmente in quelle che coinvolgono le aree della memoria, dell’attenzione e delle capacità verbale.

Gli effetti della sindrome sono legati all’integrità della materia bianca

Inoltre, 291 partecipanti, 25 delle quali con PCOS, sono state sottoposte a scansioni cerebrali. I ricercatori hanno esaminato l’integrità dei percorsi della materia bianca nel cervello osservando il movimento delle molecole d’acqua nel tessuto cerebrale. Questo approccio ha mostrato che la condizione era legata a una minore integrità della sostanza bianca, probabilmente correlata a un invecchiamento cerebrale precoce. “Saranno necessari ulteriori approfondimenti – commenta Huddleston – per confermare questi risultati e per capire se eventualmente è possibile contrastare questo effetto negativo della sindrome dell’ovaio policistico”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.