Salute 2 Marzo 2017 16:53

La sanità del futuro secondo i pentastellati. Luigi Gaetti: «Prevenzione, risparmio e formazione»

Ridisegnare la sanità nell’ottica della meritocrazia «pagare la salute e non la malattia» . Dirette ed efficaci le proposte di Luigi Gaetti, membro della Commissione Igiene e Sanità per il Movimento 5 Stelle. Responsabilità professionale? «Un grande passo avanti per i camici bianchi e per i cittadini»

La sanità del futuro secondo i pentastellati. Luigi Gaetti: «Prevenzione, risparmio e formazione»

«Una sanità che guardi al futuro, in cui prevenzione, risparmio e formazione siano i cardini» questa l’ottica di Luigi Gaetti, membro della Commissione Igiene e Sanità per il Movimento 5 Stelle che scopre le carte dei grillini al tavolo da gioco della sanità. Il Movimento, guidato dal leader Beppe Grillo, ha elaborato un programma per la sanità in previsione delle regionali del Lazio nell’ottica di «ragionare insieme per ridisegnare un modello sanitario secondo una visione prospettica» spiega Gaetti, che conferma la volontà di creare un nuovo modello di sanità che, a partire dal Lazio, possa poi essere divulgato in tutto il Paese.

Fondamentale in questa visione, l’importanza della «formazione dei medici che è una delle priorità – conferma Gaetti -. Una formazione ad hoc che porti i professionisti sanitari ad andare sul campo, per esempio è importante che il medico di base frequenti l’ospedale e si confronti con i medici specialisti per arricchire la sua preparazione».

Insieme alla rilevanza della formazione il senatore Gaetti sottolinea quanto, in merito alle cure sanitarie, sia fondamentale più che la quantità, la qualità dell’assistenza. «Serve una logica diversa, si deve parlare in termini di salute e non di prestazione, bisogna pagare la salute e non la malattia. Ovviamente questo è un discorso filosofico e di lungo periodo ma si ragiona sempre più in questa direzione».

Il medico di base viene pagato per quota capitale mentre un parte per quota oraria «questo crea una grande confusione – commenta Gaetti – dunque, creare un unico sistema che poi venga valutato in termini di qualità di salute, sarebbe ottimale. Per esempio, stabilire l’efficienza di un medico generico sulla base dei ricoveri inappropriati oppure degli accessi ai pronti soccorsi da parte dei pazienti, sarebbe utile per tutti oltre che determinare un abbattimento costi per il sistema. Per esempio incentivare i medici controllando gli indici di salute sulla base, per dire, del numero di obesi che un medico ha in cura, se riesce a ridurli con pressing psicologico o cure adeguate, può creare un modo nuovo di fare sanità e salute. Inoltre, in ottica welfare, creare servizi di aggregazione, una rete sanitaria più consistente e quindi una salute più ampia che coinvolga tutti, sarebbe un grande passo».

«Un grande passo avanti per il mondo sanitario» commenta Gaetti in merito alla Responsabilità professionale divenuta finalmente legge. «Aver delimitato la responsabilità per colpa grave a un risarcimento massimo corrispondente al triplo del proprio stipendio lordo annuale, determina un contenimento delle spese. Inoltre grandi i progressi anche sul piano assicurativo, qualche incertezza sulle linee guida, ma nel complesso una grande novità che porterà vantaggi sia per i camici bianchi che per i cittadini».

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Giornata mondiale emofilia, Cassone (FedEmo): “I dati dei pazienti confluiscano nel Registro Mec dell’Iss”

Al via all’ISS, con la collaborazione di AICE, un nuovo applicativo ideato appositamente per la raccolta dei dati, da mettere a disposizione dei Centri e delle Regioni. FedEmo: “Il Registr...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...