Salute 29 Marzo 2024 17:43

La paralisi cerebrale dipende anche dai geni, nuovo studio scopre mutazioni coinvolte

La paralisi cerebrale, una condizione che influenza lo sviluppo delle capacità motorie nei bambini, può dipendere anche da alcune mutazioni genetiche A scoprirlo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Genetics

La paralisi cerebrale dipende anche dai geni, nuovo studio scopre mutazioni coinvolte

La paralisi cerebrale, una condizione che influenza lo sviluppo delle capacità motorie nei bambini, potrebbe dipendere da molteplici cause, anche genetiche. Secondo uno studio condotto dagli scienziati dell’Hospital for Sick Children (SickKids), dell’Istituto di ricerca del McGill University Health Center (RI-MUHC) e dell’Holland Bloorview Kids Rehabilitation Hospital, questa patologia grave sarebbe legata anche a una serie di mutazioni genetiche. Per individuarle i ricercatori hanno sequenziato l’intero genoma di 327 piccoli pazienti con paralisi cerebrale. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Genetics.

L’importante ruolo della genetica

La paralisi cerebrale rappresenta la disabilità fisica più comune ad esordio infantile, e può avere diverse cause come infezioni, lesioni o carenza di ossigeno durante la nascita. I fattori genetici sono rimasti invece finora in gran parte sconosciuti. Nell’ambito del lavoro, i ricercatori hanno identificato delle varianti genetiche che potrebbero contribuire alla condizione. “Per molti anni – spiegano i ricercatori – si è pensato che la paralisi cerebrale fosse il risultato di fattori interamente ambientali, principalmente legati alla nascita. Il nostro studio evidenzia l’importante ruolo della genetica nell’insorgenza della condizione. Grazie alle nuove conoscenze, speriamo di migliorare le opzioni di cura per i bambini che ne soffrono”.

Sequenziato il genoma di 327 bambini con paralisi cerebrale

Il gruppo di ricerca ha condotto il sequenziamento genetico di 327 bambini e dei loro genitori, confrontando tre coorti cliniche indipendenti e due coorti di controllo pediatrico. Nei sette anni di studio, gli scienziati hanno rilevato che l’11,3 per cento dei partecipanti era portatrice di una variante genetica correlata alla paralisi cerebrale, mentre il 17,7 per cento dei bambini esprimeva varianti di “significato incerto” che dovranno essere indagate nei prossimi studi. I risultati suggeriscono che la condizione e le sue cause potrebbero essere molto più diversificate di quanto si pensasse in precedenza.

Aperta la strada a nuovi approcci terapeutici specifici

“Questo lavoro – aggiungono gli studiosi – rappresenta un passo avanti nella migliore comprensione dei complessi fattori di rischio genetici e ambientali che possono determinare la possibilità di un individuo di sviluppare la paralisi cerebrale. Tali conoscenze sono fondamentali per individuare approcci terapeutici specifici. Speriamo che questo studio possa gettare le basi per l’individuazione di nuovi geni e percorsi coinvolti nella paralisi cerebrale, e capire come possano essere presi di mira per possibili interventi”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...