Giovani 7 Marzo 2017 11:09

Basket in carrozzina: la sfida già vinta dai ‘Giovani e tenaci’ della SS Lazio

Un campionato da giocare e tanti progetti da realizzare. Questi gli obiettivi dei giovanissimi paratleti della Società Sportiva Lazio Basket in carrozzina. Il Presidente Moreno Paggi: «Una storia che inizia da lontano, una grande opportunità per questi ragazzi che non mollano mai»

«Quando sono in campo provo tanta gioia» Sara, 8 anni e mezzo, è playmaker della squadra dei ‘Giovani e tenaci’ della SS Lazio Basket in carrozzina che, insieme a Mattia, Daniele, Simone, Leonardo, Matteo, Alessandro,Valerio e Andrea con grande motivazione, porta avanti il sogno di giocare nonostante le difficoltà di una vita sulla sedia a rotelle. «Questa storia nasce da lontano» racconta Moreno Paggi Presidente della squadra, che, con il sostegno di Carlo Di Giusto, allenatore della nazionale italiana, e di Stefano Rossetti, allenatore della formazione giovanile, non si è dato per vinto e malgrado gli ostacoli incontrati, ce l’ha fatta. «Dopo un passato travagliato è nata questa opportunità ed è bello dare ai ragazzi una possibilità».

La SS Lazio Basket è rinata dalle sue ceneri e dopo aver quasi mollato per mancanza di fondi, è ripartita più forte di prima. Con l’aiuto del loro testimonial d’eccezione, il popolare conduttore televisivo Flavio Insinna, con la risolutezza dei genitori che hanno sostenuto in tutto e per tutto la causa, i giovani cestisti, dai 9 ai 18 anni, volano con le loro carrozzine inseguendo la speranza di un futuro migliore in un paese che molto spesso li dimentica.

«Fare parte di questo gruppo è un’emozione indescrivibile – racconta Alessandro pivot della squadra – in campo c’è tanta emozione. Non si può spiegare la sensazione che si prova quando si corre con la carrozzina inseguendo la palla. Giocare con i compagni è la cosa più bella». A fare eco ad Alessandro è Valerio, ala della squadra che con una saggezza incredibile sebbene la giovane età, spiega che «la squadra è giovane, abbiamo poca esperienza… ma dobbiamo crescere e cresceremo. Diventare grandi è un’avventura».

«Divertitevi e sempre con il sorriso» il Presidente Paggi incoraggia così i suoi ragazzi e spiega che l’importante è trasmettere «un messaggio di gioco e di divertimento al di là del risultato. Questa è una squadra giovane – prosegue – quindi è normale dover affrontare una serie di sconfitte che purtroppo ci sono state. Ma l’importante è esserci e provare, questo è tutto quello che conta».

La gallery della squadra:

  • La squadra al completo!
Articoli correlati
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
Vaccini, revisione del ‘Dopo di noi’, lavoro e Osservatorio: così la ministra Stefani rilancerà le politiche sulla disabilità
In audizione in Commissione Affari Sociali, Stefani ha sottolineato: «Favoriremo un approccio alle disabilità centrato sul progetto individuale della persona». Tanti progetti importanti anche nel Recovery Plan: «Obiettivo è rafforzare le infrastrutture sociali per migliorare la qualità della vita e aumentare l’autonomia». Poi l’annuncio: «A breve le prime Disability Card»
Disabilità, associazioni e professionisti sanitari a confronto. Perciballi (FNO TSRM PSTRP): «Persona sia al centro di patto reciproco di sostegno»
L’avvocato Laila Perciballi, Referente per la FNO TSRM PSTRP per i rapporti con la cittadinanza, ha moderato l’incontro con le associazioni delle famiglie con persone con disabilità organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Roma e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco